Rassegna stampa Pubblicato il 19/07/2019

Nuovo Patent Box con determinazione diretta del reddito agevolabile

patent box nuovo

Al via la consultazione pubblica, fino al 24 luglio, per l'invio di osservazioni sullo schema di provvedimento che modifica la disciplina del Patent Box

Dal 17 luglio al 24 luglio sarà possibile, operatori economici, ordini professionali ed esperti, inviare osservazioni sullo schema di provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (in allegato) che dà attuazione alle modifiche alla disciplina del Patent box contenute nell’articolo 4 del Decreto crescita (Dl n. 34/2019) e che illustra le regole da seguire in caso di opzione per la determinazione diretta del reddito agevolabile, in alternativa alla procedura ordinaria (ruling).

Per semplificare le procedure del Patent Box la norma ha introdotto la possibilità per i contribuenti di beneficiare dell'agevolazione direttamente in dichiarazione nell'arco temporale di tre esercizi.

Coloro che esercitano l'opzione dovranno indicare le informazioni necessarie alla predetta determinazione in idonea documentazione predisposta da un provvedimento dell'Agenzia delle entrate, per questo la versione in consultazione pubblica di tale provvedimento indica, in maniera analitica la documentazione che il contribuente dovrà predisporre per consentire il riscontro, da parte dell’Agenzia, della corretta determinazione della quota di reddito escluso.

La Documentazione idonea di cui all’articolo 4 del decreto Crescita

La documentazione idonea è costituita da un documento, articolato in due sezioni, A e B, contenenti i dati, le informazioni e gli elementi di seguito elencati:

La Sezione A contiene le seguenti informazioni riferibili al periodo dell’agevolazione Patent Box:

  • Struttura partecipativa dell’impresa anche in relazione alle imprese associate ed eventi straordinari
  • Operazioni con imprese associate
  • Modello organizzativo dell’impresa
  • Caratteristiche del mercato di riferimento e dei principali fattori di competitività
  • Descrizione della catena di valore dell’impresa
  • Funzioni, rischi e beni dell’impresa
  • Beni immateriali
  • Attività di ricerca e sviluppo
  • Plusvalenze da cessione di IP agevolabili
  • Eventuali somme ottenute a titolo di risarcimento o di restituzione dell’utile di cui all’articolo 7, comma 4, del decreto Patent Box

La sezione B contiene le seguenti informazioni riferibili al periodo dell’agevolazione Patent Box:

  • Informazioni di sintesi sulla determinazione del reddito agevolabile
  • Valutazioni riferibili agli IP oggetto di agevolazione Patent Box
  • Metodo adottato

In particolare, la bozza del provvedimento spiega che l’opzione deve essere comunicata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta al quale si riferisce il beneficio e che la variazione in diminuzione va ripartita in tre quote annuali di pari importo.

I soggetti che esercitano l'opzione, ripartiscono la variazione in diminuzione in tre quote annuali di pari importo da indicare nella dichiarazione dei redditi e dell'imposta regionale sulle attivita' produttive relativa al periodo di imposta in cui viene esercitata tale opzione e in quelle relative ai due periodi d'imposta successivi.

I soggetti economici, professionisti ed esperti possono inviare osservazioni e suggerimenti entro il prossimo 24 luglio, esclusivamente tramite posta elettronica, all’indirizzo [email protected], esprimendo il consenso alla pubblicazione sul sito dell’Agenzia del contributo fornito e del soggetto proponente.

Il provvedimento sarà firmato e pubblicato in versione definitiva entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Dl n. 34/2019.

Fonte: Agenzia delle Entrate





Prodotti per Agevolazioni per le Piccole e Medie Imprese

 

GRATIS

 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)