HOME

/

CONTABILITÀ

/

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2021

/

FATTURE SEMPLIFICATE FINO A 400 EURO: DECRETO IN GAZZETTA

1 minuto, Redazione , 28/05/2019

Fatture semplificate fino a 400 euro: decreto in Gazzetta

Innalzamento a 400 euro dell'ammontare complessivo entro cui puo' essere emessa la fattura semplificata: in Gazzetta Ufficiale il decreto. Aggiornato il software delle Entrate

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 maggio 2019 il decreto che prevede l'innalzamento dagli attuali 100 euro a 400 euro dell'ammontare complessivo entro cui può essere emessa la fattura semplificata. In particolare, l'articolo 1 del Decreto MEF del 10 maggio 2019 rubricato "Limiti di importo per le fatture semplificate" prevede che "La fattura di ammontare complessivo non superiore a euro quattrocento può essere emessa in modalità semplificata ai sensi dell'art. 21-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633". Il nuovo limite è entrato in vigore il 24 maggio 2019, giorno della pubblicazione del decreto in Gazzetta.

Com'è noto la fattura semplificata richiede un numero minori di dati in quanto può essere emessa fornendo le seguenti indicazioni:

a) data di emissione;

b) numero progressivo che la identifichi in modo univoco;

c) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale nonche' ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti;

d) numero di partita IVA del soggetto cedente o prestatore;

e) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale nonche' ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; in alternativa, in caso di soggetto stabilito nel territorio dello Stato puo' essere indicato il solo codice fiscale o il numero di partita IVA, ovvero, in caso di soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell'Unione europea, il solo numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato membro di stabilimento;

f) descrizione dei beni ceduti e dei servizi resi;

g) ammontare del corrispettivo complessivo e dell'imposta incorporata, ovvero dei dati che permettono di calcolarla;

h) per le fatture emesse ai sensi dell'articolo 26, il riferimento alla fattura rettificata e le indicazioni specifiche che vengono modificate.

Concludiamo informando che il 27 maggio 2019 l'Agenzia delle Entrate ha aggiornato il software per la Fattura elettronica proprio per adeguarsi all'innalzamento del limite a 400 euro.

Tag: FATTURAZIONE ELETTRONICA 2021 FATTURAZIONE ELETTRONICA 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Miky - 29/05/2019

Siamo alle comiche. Veramente, ormai non se ne può proprio più. Io credo che l'unica cosa intelligente sarebbe "abolire tutte le norme fiscali emanate negli ultimi 20 anni", ripartire da zero e darsi una regola legislativa: SU OGNI PROBLEMATICA NON CI DEVONO ESSERE PIU' DI DIECI REGOLE. Sono consapevole che per CAF e commercialisti questa sarebbe una "caporetto", ma il mondo produttivo non può continuare a gravarsi di una tassa "rappresentata dagli oneri burocratici" che mina gravemente la sua competitività.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2021 · 03/12/2021 Esterometro: abolizione rimandata al 1° luglio 2022

Comunicazione cessioni di beni e prestazioni di servizi transfontaliere in vigore ancora fino al 1° luglio 2022. Novità approvata nel decreto fiscale

Esterometro: abolizione rimandata al 1° luglio 2022

Comunicazione cessioni di beni e prestazioni di servizi transfontaliere in vigore ancora fino al 1° luglio 2022. Novità approvata nel decreto fiscale

Le ipotesi di applicazione del reverse charge

L’applicazione del reverse charge, sia interno che esterno, dal 2022 richiederà l’emissione della fattura elettronica

Lotteria scontrini: i vincitori della estrazione del 25 novembre

La lotteria degli scontrini continua a distribuire premi. Vediamo l'elenco dei vincitori della estrazione del 25 novembre e un riepilogo di premi e estrazioni

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.