HOME

/

FISCO

/

PACE FISCALE 2023

/

PACE FISCALE: ECCO QUANDO SI PUÒ DEFINIRE PAGANDO SOLO IL 5%

1 minuto, Redazione , 24/05/2019

Pace fiscale: ecco quando si può definire pagando solo il 5%

Definizione agevolata 2019: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulla pace fiscale delle controversie tributarie. Una settimana per aderire

Manca poco per aderire alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali. Il termine infatti è venerdì prossimo, 31 maggio 2019.

Una delle opzioni, prevede la possibiltà di mettersi in regola pagando solo il 5%. In particolare, il comma 2-ter dell’articolo 6, inserito in sede di conversione dalla legge n. 136 del 2018, prevede la possibilità di definire, “con il pagamento di un importo pari al 5 per cento del valore”, le controversie tributarie “pendenti innanzi alla Corte di cassazione, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, per le quali l’Agenzia delle entrate risulti soccombente in tutti i precedenti gradi di giudizio”.

La percentuale del cinque per cento è, quindi, applicabile nel solo caso in cui ricorrano cumulativamente le seguenti condizioni:

  • il ricorso penda innanzi alla Suprema Corte alla data del 19 dicembre 2018 a seguito di avvenuta notifica a controparte;
  • l’Agenzia delle entrate sia rimasta integralmente soccombente in tutti i precedenti gradi di giudizio.

Come chiarito nel documento di prassi, date le condizioni di cui sopra, sono escluse dalla definizione agevolata al 5% i casi in cui alla data del 19 dicembre 2018 non sia stato ancora notificato il  ricorso per Cassazione, ma pendeva il termine per la relativa proposizione, ancorché caratterizzate dalla soccombenza dell’Agenzia delle entrate nei precedenti gradi di giudizio. In dette ipotesi è comunque possibile definire la controversia con il pagamento del quindici per cento del relativo valore. Inoltre, non sono pertanto definibili con la riduzione al cinque per cento le liti per le quali l’Amministrazione sia risultata anche parzialmente vittoriosa indipendentemente dalla misura – in almeno uno dei precedenti gradi.

Attenzione va prestata al fatto che la soccombenza dell’Agenzia delle entrate è determinata dal raffronto tra quanto richiesto dal contribuente e quanto deciso dall’organo giurisdizionale adito e si considera “integrale” quando la domanda del contribuente sia stata accolta. La circolare delle Entrate chiarisce che ai fini del presupposto della soccombenza non rilevi l’eventuale compensazione delle spese di lite disposta dal giudice.

Condizioni definizione al 5%
Ricorso pendente innanzi alla Suprema Corte alla data del 19.12.2018 a seguito di avvenuta notifica a controparte
Agenzia delle entrate integralmente soccombente in tutti i precedenti gradi di giudizio

Tag: DEFINIZIONE LITI PENDENTI 2023 DEFINIZIONE LITI PENDENTI 2023 PACE FISCALE 2023 PACE FISCALE 2023

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2023 · 03/02/2023 Liti pendenti con le Entrate: modello e istruzioni per definizione agevolata

Provvedimento delle entrate con modello per presentare entro il 30.06 domanda di definizione agevolata liti pendenti con l'agenzia

Liti pendenti con le Entrate: modello e istruzioni per definizione agevolata

Provvedimento delle entrate con modello per presentare entro il 30.06 domanda di definizione agevolata liti pendenti con l'agenzia

LIPE: si alla sanatoria col 3% delle sanzioni

I chiarimenti di Giorgetti sulle LIPE durante il question time del 1 febbraio

Atti procedimento di accertamento: le regole per la definizione agevolata

Riduzione sanzioni a 1/18 e fino a venti rate possibili per la definizione agevolata degli atti di procedimento di accertamento

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.