scadenza-orologio-168

Rassegna stampa Pubblicato il 16/07/2018

Decreto dignità: finalmente pubblicato in Gazzetta

Misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese 2018: il testo del cd. Decreto dignità finalmente è approdato in Gazzetta n.161 del 13 luglio 2018

Non è stato un parto facile quello che ha dato alla luce la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del testo del decreto con le "Misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese". Infatti, il cd. Decreto Dignità, approvato nel Consiglio dei Ministri n. 8 del 2 luglio 2018, ha atteso la pubblicazione per più di 10 giorni tra rinvii, rimandi e controlli della Ragioneria sulle coperture. Fermo ai pit stop il testo della prima manovra del Governo Conte, che contiene le seguenti misure:

  • limitare l’utilizzo dei contratti di lavoro a tempo determinato, riservando la contrattazione a termine ai casi di reale necessità da parte del datore di lavoro. Si prevede che, fatta salva la possibilità di libera stipulazione tra le parti del primo contratto a tempo determinato, di durata comunque non superiore a 12 mesi di lavoro in assenza di specifiche causali, l’eventuale rinnovo dello stesso sarà possibile esclusivamente a fronte di esigenze temporanee e limitate.
  • aumento dello 0,5% del contributo addizionale – attualmente pari all’1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali, a carico del datore di lavoro, per i rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato – in caso di rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione;
  • cancellazione delle società sportive dilettantistiche con finalità lucrative e della relativa disciplina
  • salvaguardare i livelli occupazionali e contrastare la delocalizzazione delle aziende che abbiano ottenuto aiuti dallo Stato per impiantare, ampliare e sostenere le proprie attività economiche in Italia;
  • contrastare il fenomeno della ludopatia, vietando la pubblicità di giochi o scommesse con vincite in denaro;
  • introdurre misure in materia di semplificazione fiscale, attraverso
    • la revisione dell’istituto del cosiddetto “redditometro” tramite un nuovo decreto, 
    • il rinvio della prossima scadenza per l’invio dei dati delle fatture emesse e ricevute (cosiddetto “spesometro”),
    • abolizione dello split payment  per le prestazioni di servizi rese alle pubbliche amministrazioni dai professionisti i cui compensi sono assoggettati a ritenute.

 

Per tutte le novità del DECRETO DIGNITA'  dopo la legge di conversione abbiamo preparato un pacchetto con due e-book : Decreto Dignità: Novità Fiscali e del Lavoro

Segui il Dossier Riforme del Governo Conte per restare aggiornato gratuitamente.
Puoi calcolare l'imposta Flat Tax sul tuo reddito usando il Tool On-Line per il calcolo della Flat Tax. E' veloce, gratuito e non serve nessuna registrazione.

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)