Rassegna stampa Pubblicato il 27/03/2018

Segnalazione illeciti: le istruzioni per dipendenti e collaboratori INPS

whistleblowing illeciti lavoro

Pubblicata la circolare INPS sulla segnalazione di illeciti sul posto di lavoro cd. Whistleblowing secondo la nuova legge n. 179-2017

L'Inps ha pubblicato la circolare n. 54  2018 con le modalità operative di applicazione delle nuove legge 179 2017 sul cd. "whistleblowing" ovvero la tutela dei lavoratori che segnalazioni di illeciti osservati nel proprio posto di lavoro .

L'istituo ricorda che la legge 30 novembre 2017, n. 179 per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”,  ha modificato la precedente normativa integrandola in tema di obbligo di segreto d’ufficio, aziendale, professionale, scientifico e industriale. La nuova formulazione del citato articolo 54-bis prevede infatti che:

Il pubblico dipendente che, nell'interesse dell'integrità della pubblica amministrazione, segnala al responsabile  della  prevenzione della corruzione e della trasparenza di cui all'articolo 1, comma  7, della legge 6 novembre 2012, n. 190, ovvero  all'Autorità  nazionale anticorruzione (ANAC), o denuncia all'autorità giudiziaria ordinaria o a quella contabile, condotte illecite di cui è venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito, o sottoposto  ad  altra  misura organizzativa avente effetti negativi,  diretti  o  indiretti,  sulle condizioni di lavoro determinata dalla  segnalazione.  L'adozione di misure ritenute ritorsive, di cui al primo periodo, nei confronti del segnalante è comunicata in ogni caso all'ANAC dall'interessato o dalle   organizzazioni   sindacali    maggiormente    rappresentative nell'amministrazione nella quale le stesse sono state poste in essere. 

Da notare dunque che:

  1.  la  nuova normativa prevede che il dipendente non segnali più l’illecito al “superiore gerarchico”, bensì al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.
  2. Inoltre, l’eventuale adozione di misure ritorsive deve essere denunciata non più al Dipartimento della funzione pubblica, bensì all’ANAC, l'autorita nazionale anti corruzione

Il segnalante è “reintegrato nel posto di lavoro” in caso di licenziamento “a motivo della segnalazione” e sono nulli tutti “gli atti discriminatori o ritorsivi” eventualmente adottati. L’onere di “dimostrare che le misure discriminatorie o ritorsive, adottate nei confronti del segnalante, sono motivate da ragioni estranee alla segnalazione” è a carico dell’amministrazione (art. 54-bis, commi 7 e 8).

La circolare chiarisce che:

  • il dipendente  o il collaboratore esterno che intenda segnalare condotte illecite all'interno dell’Istituto, può  utilizzare  il “modulo per la segnalazione di condotte illecite”  rinvenibile in formato elettronico nella pagina intranet della Direzione centrale audit, trasparenza e anticorruzione, oppure nella sottosezione “Altri contenuti – prevenzione della corruzione” della sezione Amministrazione trasparente del sito , e inviarlo   al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected] Il modulo è compilabile on line. La procedura informatica per la segnalazione degli illeciti  non è al momento utilizzabile perche in fase di adeguamento alla nuova normativa.
  • La segnalazione deve riguardare situazioni di illecito come abusi delle funzioni di servizio, anche non rilevanti penalmente, posti in essere o anche soltanto tentati da parte di dipendenti dell’Istituto o collaboratori , per il perseguimento di interessi privati, con danno, anche soltanto d’immagine, per l’Istituto medesimo.
  • Sono escluse dal procedimento in argomento le segnalazioni aventi ad oggetto rimostranze di carattere personale del segnalante o richieste che attengono alla disciplina del rapporto di lavoro o ai rapporti con superiori gerarchici o colleghi.
  •  Le segnalazioni saranno gestite dal Responsabile della trasparenza con modalità di riservatezza e puntuale individuazione dei  soggetti che ne verranno a conoscenza per le necessità di indagine.

Fonte: Inps




Prodotti per La rubrica del lavoro , Pubblica Amministrazione, Lavoro Dipendente

prodotto_fiscoetasse
44,92 € + IVA

IN PROMOZIONE A

23,09 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
14,33 € + IVA

IN PROMOZIONE A

9,52 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,33 € + IVA

fino al 11/09/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,66 € + IVA

fino al 09/09/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,66 € + IVA

fino al 08/10/2019

prodotto_fiscoetasse
70,86 € + IVA

IN PROMOZIONE A

32,65 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
29,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

23,20 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)