Rassegna stampa Pubblicato il 02/10/2017

Antiriciclaggio: i soggetti terzi in aiuto ai professionisti

96x128 enti no profit 2

Decreto antiriciclaggio 2017. I professionisti per identificare il cliente, possono rivolgersi a soggetti terzi individuati dal D.Lgs n. 90/2017 tra gli intermediari finanziari,bancari, professionisti

Si è già avuto modo di parlare degli obblighi di verifica preventiva cui i soggetti obbligati, ex art. 3 D.Lgs. 90/2017, sono tenuti in sede di instaurazione o prosecuzione del rapporto professionale con il cliente. Sul tema il D.Lgs. sull’antiriciclaggio emanato nel 2017 chiarisce che, fermo restando la responsabilità dei soggetti obbligati è loro consentito ricorrere a terzi per assolvere gli obblighi di adeguata verifica, circa l’identità del cliente e/o del titolare effettivo ovvero per l’acquisizione e valutazione di informazioni relative allo scopo, alla natura di rapporto e prestazione.

Ma la scelta di soggetti terzi, cui delegare i compiti di adeguata verifica, non è libera. Infatti il legislatore individua in forma chiara e specifica, coloro che possono assumere tale ruolo, ossia:

  • gli intermediari bancari e finanziari;
  • gli agenti in attività finanziaria, limitatamente alle operazioni di importo inferiore a € 15.000, relative alle prestazioni di servizi di pagamento e all'emissione e distribuzione di moneta elettronica;
  • gli intermediari bancari e finanziari aventi sede in altri Stati membri ovvero in Paesi terzi, fermo restando il divieto di avvalersi di soggetti aventi sede in Paesi terzi ad alto rischio (ex art. 29);
  • altri professionisti.

Il terzo, a seguito dell’attività di verifica svolta per conto del soggetto obbligato, dovrà trasmettere allo stesso, idonea attestazione. L'attestazione in questione dovrà:

  • essere univocamente riconducibile al terzo;
  • attestare la coincidenza tra il cliente verificato dal terzo e il soggetto cui l'attestazione si riferisce;
  • contenere la dichiarazione con cui la parte terza attesti di aver correttamente assolto il compito affidatogli dal soggetto obbligato, operando direttamente nell'ambito di un rapporto continuativo o dell'esecuzione di una prestazione professionale ovvero in occasione del compimento di un'operazione occasionale;

Si rileva che, le modalità di attestazione, potranno subire modifiche a seguito delle disposizioni fornite dalle Autorità di vigilanza di settore.

I terzi sono inoltre tenuti a trasmettere senza ritardo, agli obbligati che ne abbiano fatto richiesta, copia dei documenti acquisiti, anche al fine di porre i richiedenti nella condizione di poter accedere alle informazioni utili ad adempiere gli obblighi previsti dall' art.18 del D.Lgs sull’antiriciclaggio, rubricato "Contenuto degli obblighi di adeguata verifica". 

Ai soggetti obbligati, invece, spetterà successivamente il compito di:

  • verificare la veridicità dei documenti ricevuti, ovviamente nei limiti della diligenza professionale;
  • valutare se gli elementi raccolti e le verifiche effettuate dai terzi siano idonei e sufficienti, ai fini dell’assolvimento degli obblighi previsti dal presente decreto.

In caso di dubbi circa l’identità del cliente, dell'esecutore e del titolare effettivo, gli obbligati provvedono (in proprio) all’identificazione e all’adeguata verifica. Nel caso di rapporti continuativi relativi all'erogazione di credito al consumo, leasing o di altre tipologie operative indicate dalla Banca d'Italia, l'identificazione potrà essere effettuata anche da collaboratori esterni, appositamente convenzionati con l'intermediario. 

Fonte: Fisco e Tasse




Prodotti per Antiriciclaggio e uso contante 2019

26,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,10 € + IVA
189,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

126,97 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)