HOME

/

FISCO

/

ESTEROMETRO 2022

/

SPESOMETRO 2017: UFFICIALE LA PROROGA AL 28 SETTEMBRE

Spesometro 2017: ufficiale la proroga al 28 settembre

Comunicazione delle fatture 2017: pubblicato dal MEF il decreto con la proroga al 28 settembre 2017

Viene posticipato dal 16 settembre al 28 settembre 2017 il termine per effettuare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute relative al primo semestre del 2017.

La proroga, che viene incontro alle esigenze segnalate dai professionisti, è prevista da un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, di prossima pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

Con questo comunicato pubblicato il 1° settembre 2017 sul sito del MEF (e qui allegato) è ufficiale la terza proroga di questa comunicazione, introdotta dal decreto fiscale 193/2016 collegato alla Legge di Stabilità 2017.

In sede di conversione del decreto, era stato previsto per il primo anno la trasmissione dei dati del primo semestre 2017 al 25 luglio.  Successivamente, in sede di conversione del decreto cd. mille proroghe, ed in risposta alle molte richieste formulate dai professionisti, la data era stata rimandata al 16 settembre 2017, che essendo sabato spostava ulteriormente il termine al 18 settembre 2017.  

Scarica il testo del Provvedimento del 27 marzo 2017 n. 58793 e il Modello Comunicazione liquidazioni periodiche Iva con relative istruzioni, e per rimanere sempre aggiornato segui il nostro Dossier gratuito Spesometro 2017.

Inoltre ti potrebbero interessare:

Allegato

Comunicazione 147 MEF- Proroga Spesometro

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022 ESTEROMETRO 2022 ESTEROMETRO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

dawnraptor - 01/09/2017

E infatti puntuale è arrivato il comunicato della proroga al 28/9. 10 MISERRIMI GIORNI. Le software house non sono pronte, oggi è il 1^ di settembre, come minimo si va a lunedì 4 ma mi mangio il cappello di Rockerduck se ci sarà già una versione definitiva. 3 schifose settimane per un adempimento nuovo, con dati diversi da quello dell'anno scorso, procedure machiavelliche, fatture emesse dai ristoranti. MA NON DOVEVAMO FARE UNO SCIOPERO??? Non siamo ancora stufi di farci prendere a calci nelle gonadi???

Miky - 04/09/2017

Lo sciopero i commercialisti l'hanno fatto. Il problema è che, comunque, questo governo ha garantito loro un aumento della clientela direttamente proporzionale all'aumento di adempimenti imposti ai contribuenti. Questo comporta che, essendo una categoria favorita dalle politiche del governo, anche se ogni tanto ha un sussulto, conta molto poco. Allo stesso modo in cui non contano le varie associazioni di categoria che coi loro CAF hanno una industria dell'assistenzialismo che si spartisce i milioni di Euro dei 730 a cui si vanno ad aggiungere quelli richiesti ai contribuenti come parcella (e che sono molti di più). In questo modo tutti traggono guadagno da questa politica fiscale farraginosa, le uniche vittime siamo noi contribuenti (specialmente i piccoli imprenditori e i lavoratori) ma nessuno ci difende, perchè chi ci dovrebbe difendere, come detto, ci guadagna. Avendolo saputo prima, l'unica soluzione sarebbe stata quella di non fare mai nulla, di non avere nulla, di vivere a spese della Caritas.....tanto è lì che andremo comunque a finire.

dawnraptor - 04/09/2017

Lo sciopero commercialisti era rientrato, "sulla fiducia", evidentemente mal riposta. Ci andrei cauta a dire che l'aumento degli adempimenti vada a favorire i commercialisti. L'amara verità è che negli ultimi - diciamo - 10 anni la categoria è stata costretta ad una rincorsa continua dei programmi, sempre più complessi, e dell'adeguamento tecnologico hardware. Apparentemente il discorso fila: più adempimenti, sempre più complessi, più parcelle e commercialisti contenti. Purtroppo però nella maggior parte dei casi non è così. Per tantissimi commercialisti lo "zoccolo duro" è formato da microimprese - il bar all'angolo e la macelleria della piazza, per intenderci - attività che già si trovano a barcamenarsi al limite della sopravvivenza. Succede quindi che gran parte di queste nuove richieste da parte dell'ADE o di chi per essa non possono essere ribaltate sul cliente. Quello che lassù non riescono a capire, è che bastonare la mucca per farle dare più latte alla fine ammazza la mucca e non ce n'è più per nessuno. Quindi cosa succede? Che il commercialista fa il lavoro gratis o sottocosto. Questa, è la verità. Il nostro caro Stato si sta facendo le banche dati sulla pelle delle imprese e dei commercialisti.

Miky - 07/09/2017

Concordo. Ma non posso non considerare che, all'annuncio della abolizione degli elenchi mensili INTRA, c'è stato un sollevamento degli studi che si occupano delle pratiche import/export, e l'obbligo alla trasmissione è stato velocemente ripristinato.

dawnraptor - 07/09/2017

Mah, veramente se non ricordo male il problema è che l'intrastat era stato abolito dall'Italia senza considerare gli obblighi di comunicazione ai fini europei, e per questo è stato ripristinato per un anno. Tra l'altro, ora siamo quasi alla fine di quell'anno di proroga, ma ovviamente lassù nessuno si sta muovendo per decidere cosa fare.

dawnraptor - 31/08/2017

Infatti l'ideale almeno per me sarebbe il 16/10. Egoisticamente, perché l'ultima settimana di settembre me la sarei presa di ferie. problema è che il programma è in alto mare e la mia assistenza non torna prima dell'11/9. Se poi vogliamo anche parlare delle fatturine dei ristoranti, che per il momento sono ancora comprese e di cui nessuno si occupa...

Miky - 30/08/2017

e pensare di abolirlo ? Oppure questa ennesima e inutile incombenza, sta alimentando quella economia della carta futile e fine a se stessa, che però è l'unica che questo governo riesce a incrementare ?

Luigia Lumia - 30/08/2017

E' veramente assurdo.... un enorme massa di dati che provocheranno chissa quanti incroci sballati..... e non beccheranno sicuramente l'evasione....

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ESTEROMETRO 2022 · 11/08/2022 Registrazione IVA e bollette doganali: le indicazioni delle Entrate

Bollette doganali d'importazione e registrazione ai fini IVA: guida alla disciplina

Registrazione IVA e bollette doganali: le indicazioni delle Entrate

Bollette doganali d'importazione e registrazione ai fini IVA: guida alla disciplina

Acquisti da soggetto estero con partita IVA italiana: come emettere la fattura elettronica

Le fatture emesse dal soggetto estero identificato in Italia sono soggette ad Esterometro, da trasmettere nella forma di fattura elettronica

Nuovo Esterometro: esempi pratici sui termini di invio

Che cosa è l'esterometro, come è cambiato dal 1 luglio, i soggetti obbligati e quelli esonerati, le operazioni incluse e quelle escluse. Infine le sanzioni per chi non adempie

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.