HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

ZES ZONE ECONOMICHE SPECIALI: DI COSA SI TRATTA?

ZES Zone economiche speciali: di cosa si tratta?

Cosa sono le ZES : requisiti e benefici previsti per "zone economiche speciali" introdotte dal Decreto Sud, DL. n. 91 2017. Dal 2024 ZES unica per il SUD

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il D.L. 91/2017 ,  cd. Decreto Sud volto a favorire la crescita economica nelle aree del Mezzogiorno ha introdotto due misure principali :
1) la misura denominata Resto al Sud per l’imprenditoria giovanile
2) il nuovo concetto di Zona economica speciale, c.d. ZES,  già diffuse all'estero , che individua zone del paese  collegate ad una area portuale, destinatarie  di  importanti benefici fiscali e semplificazioni amministrative, che consentano lo sviluppo di imprese già insediate e che si insedieranno, attraendo anche investimenti esteri.  

La ZES piu famosa e sviluppata  a livello internazionale, ad esempio, è Dubai. 

Le principali caratteristiche  di una ZES sono:

  •  deve essere istituita all’interno dei confini statali, in una zona geografica chiaramente delimitata e identificata.
  •  può essere composta anche da aree territoriali non direttamente adiacenti, purché abbiano un nesso economico funzionate .
  •  deve comprendere un’area portuale, collegata alla rete transeuropea dei trasporti (TEN- T), con le caratteristiche stabilite dal regola-mento (UE) n. 1315/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2013.

ZES quali sono - ZES unica 2024

Il decreto Sud  aveva previsto inizialmente  la creazione  di 5 ZES in altrettante Regioni meridionali (Calabria, Campania, Sicilia, Basilicata e Puglia) stanziando  circa 200 milioni di euro,  per gli anni  2018- 2020 .

Ulteriori stanziamenti e agevolazioni  sono seguiti negli anni successivi.

Attualmente risultano istituite le seguenti Zone Economiche Speciali:

  1. ZES Abruzzo -
  2.  ZES Calabria -
  3. ZES Campania - 
  4. ZES Ionica Interregionale Puglia-Basilicata - 
  5. ZES Sicilia Orientale - 
  6. ZES Sicilia Occidentale - 
  7. ZES Sardegna.

ATTENZIONE il Decreto Sud n. 124 del 19.09.2023  ha istituito a partire dal 1° gennaio 2024 la Zona economica speciale per il Mezzogiorno, la c.d. "ZES unica", che ricomprende i territori delle regioni:Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna.Tra le novità si prevede l'istituzione di un portale web della ZES unica che fornirà  tutte le informazioni sui benefici riconosciuti alle imprese nella ZES unica e garantirà l’accessibilità allo sportello unico digitale, S.U.D ZES.

leggi anche ZES unica  2024 per  il mezzogiorno  per  maggiori dettagli 

L’intera documentazione normativa di supporto è reperibile nel sito del Dipartimento per le politiche di coesione.

Requisiti e agevolazioni per le ZES 

Le condizioni fissate  per il riconoscimento delle agevolazioni  alle ZES sono principalmente due:

  1. le imprese devono mantenere le attività nella ZES per almeno cinque anni successivi al completamento dell’investimento oggetto delle agevolazioni, pena la revoca dei benefici concessi e goduti, e 
  2.  non devono essere in liquidazione o in fase di  scioglimento.

I benefici previsti comprendono agevolazioni fiscali e semplificazioni degli adempimenti, sia per le nuove imprese che per quelle già esistenti nella ZES:

E' prevista inoltre l’applicazione ,  in relazione agli investimenti effettuati nella ZES, del  credito d’imposta di cui all’articolo 1, commi 98 e seguenti, della legge 2015,  commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquisiti.

Vedi per approfondire Zone ZES 8 milioni di euro per le infrastrutture

Credito di imposta ZES chiarimenti delle Entrate

ZES come sono  gestite ?

Ciascuna ZES viene istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare su proposta  del Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle  finanze, su proposta della regione interessata, corredata da un piano di sviluppo strategico.
La regione formula la proposta di istituzione della ZES, indicando le caratteristiche dell’area identificata.
Il soggetto per la gestione dell’area ZES  è  un Comitato di indirizzo composto dal  Presidente dell’Autorità Portuale, che lo presiede, da un rappresentante della Regione e da un  rappresentante della Presidenza del Consiglio dei ministri. Ai membri del Comitato non spetta alcun compenso o indennità di carica. Il Comitato di indirizzo si avvale del Segretario Generale dell’Autorità portuale per l’esercizio delle funzioni amministrative.
Il soggetto gestore deve assicurare, in particolare:
- gli strumenti che garantiscano la piena operatività delle aziende presenti nella ZES;
- l’utilizzo di servizi sia economici che tecnologici nell’ambito ZES;
- l’accesso alle prestazioni di servizi da parte di terzi.
Il soggetto gestore può  anche autorizzare la stipula di accordi o convenzioni con banche ed intermediari finanziari. 

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 01/03/2024 Fondo eccellenze ristorazione: domande per i macchinari dal 1.03

Fondo sostegno eccellenze gastronomia e agroalimentare italiano: fino a 30mila euro per le imprese per acquisto macchinari e beni strumentali innovativi

Fondo eccellenze ristorazione: domande per i macchinari dal 1.03

Fondo sostegno eccellenze gastronomia e agroalimentare italiano: fino a 30mila euro per le imprese per acquisto macchinari e beni strumentali innovativi

Fondo eccellenze gastronomiche assunzioni: domande dal 1 marzo

Le regole per i contributi alle imprese che assumono giovani diplomati nel settore gastronomico: domande dal 1 marzo

Contributo 2023 Stampa di periodici diffusi all’estero: domande entro il 31.03

Il dipartimento per l'editoria pubblica le regole per richiedere il contributo per la stampa di periodici diffusi all'estero: a chi spettano e come fare domanda

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.