IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 27/09/2016

Avviso non impugnato: non è possibile chiedere il rimborso

Tempo di lettura: 1 minuto
processo tributario telematico le linee guida

Se il contribuente non impugna l'avviso di liquidazione e lo paga, si preclude la possibilità di chiedere il rimborso di quanto indebitamente pagato.

Commenta Stampa

Il rimborso del tributo versato indebitamento non può essere chiesto quando il pagamento sia stato preceduto da un provvedimento impositivo non contestato dal contribuente. Infatti, la Corte di Cassazione nella sentenza 17617 del 5 settembre 2016 ha ribadito il principio per cui l'omessa tempestiva impugnazione dell’avviso di liquidazione notificato dall’ufficio determina la definitività della pretesa tributaria, con conseguente preclusione per il contribuente del diritto a chiedere il successivo rimborso dell’imposta ritenuta erroneamente versata in esecuzione dello stesso avviso.

La controversia

Il contenzioso si era sviluppato dall’impugnazione del silenzio- rifiuto dell’ufficio, su una richiesta di rimborso dell’imposta di registro proporzionale dell’1% versata da una società nel 1983 in relazione a una delibera di abbattimento e ricostituzione del capitale sociale per perdite. Nel gennaio del 1984, la società aveva chiesto il rimborso dell’imposta versata sul presupposto di una errata applicazione della norma. In primo grado era stata riconosciuta soccombente la società, che proproneva appello e la Commissione tributaria di secondo grado lo accoglieva confermando la spettanza del rimborso.  In particolare nella sentenza di secondo gardo era respinta la tesi dell’Amministrazione finanziaria secondo cui la mancata impugnazione dell’originario avviso di liquidazione dell’imposta aveva determinato l’inapplicabilità delle disposizioni più favorevoli nel frattempo intervenute.


La sentenza della Cassazione

La Corte di Cassazione ha dato ragione all’Amministrazione finanziaria affermando che la mancata impugnazione dell’avviso di liquidazione lo rende “irretrattabile” e preclude la possibilità per il contribuente di far valere successivamente un’istanza di rimborso di “quanto asseritamente senza titolo versato” anche se effettuate nei termini per chiedere il rimborso in situazioni standard. In altre parole, la mancata impugnazione tempestiva dell’avviso di liquidazione dell’imposta di registro ha fissato il rapporto tributario  in modo definitivo e non più contestabile.

Potrebbe interessarti il pacchetto con due e-booK: Delega Fiscale: Sanzioni e Contenziosouno sulle novità su sanzioni, riscossioni, interpello e contenzioso e l'altro sulle sanzioni tributarie dopo la delega fiscale.

 

Fonte: Fisco Oggi


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 marins marins - 06/10/2016
Poi parlano di riforme.... di equità tra cittadini e stato... sta nazione sarebbe da rifondare da sotto le fondamenta (non dalle fondamenta),.... ma ce la siamo voluta
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Miky Miky - 27/09/2016
In poche parole: i soldi che dai allo Stato sono buttati in un pozzo, non li vedi più. La domanda però è questa: molti liberi professionisti, nell'annosa incertezza della norma, per non rischiare sanzioni, versano l'IRAP e poi ne chiedono il rimborso. Se passa il concetto che paghi perchè ritieni di doverlo fare, lo Stato incamera indebitamente una tassa e poi non la restituisce senza più porsi il problema se fosse dovuta oppure no. I contribuenti molte volte pagano per non soccombere sotto il peso di sanzioni e interessi di mora che raggiungono cifre astronomiche, pensando di trovarsi di fronte ad un "galantuomo"; invece, con questa sentenza, scopriamo che non abbiamo via d'uscita, o paghiamo e zitti, oppure non paghiamo, facciamo ricorso e, se lo perdiamo, siamo rovinati. Questo è il risultato di una normativa fiscale iniqua e farraginosa che alla fine è solo a scapito dei cittadini.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE