Rassegna stampa Pubblicato il 05/01/2016

Interpelli: pronte le regole attuative

Un provvedimento delle Entrate dà attuazione alla nuova disciplina degli interpelli contenuta nel D.Lgs n. 156/2015

Con un provvedimento firmato ieri dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate, viene data attuazione all’articolo 8 del D.Lgs n. 156/2015 sulla revisione della disciplina degli interpelli, affidando ad appositi provvedimenti dei direttori delle Agenzie fiscali la definizione delle regole procedurali. Il provvedimento opera una tendenziale regionalizzazione degli interpelli, ossia tutte le istanze relative ai tributi erariali, indipendentemente dalla tipologia, devono essere presentate alle Direzioni regionali competenti in funzione del domicilio fiscale del contribuente. Tutte le istanze di competenza del ramo Territorio devono essere inviate alla Direzione Regionale nel cui ambito opera l’ufficio competente ad applicare la norma tributaria oggetto di interpello. Fa ancora eccezione, ma solo in via transitoria, la gestione delle nuove istanze cd. “antiabuso”, che fino al 31/12/2017 saranno presentate direttamente alla Direzione Centrale Normativa indipendentemente dai requisiti dimensionali o dalla residenza del contribuente che presenta l’istanza.

Ti puo' interessare  "Abuso del diritto e raddoppio dei termini" (eBook 2016) - Novità sull'abuso del diritto e raddoppio dei termini, i nuovi rapporti tra fisco e contribuente, Facsimile di ricorso e Casi ed esempi pratici. 123 pagine

Fonte: Agenzia delle Entrate





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)