Rassegna stampa Pubblicato il 30/11/2015

Acconti, ravvedimento più conveniente dal 2016

Se l'anticipo al 2016 del decreto sanzioni sarà confermato, il ravvedimento degli acconti - in scadenza oggi - sarà più conveniente dal 2016.

Se la Legge di Stabilità 2016 confermerà l'anticipo al 2016 delle nuove regole sulle sanzioni amministrative, previste dal D.lgs. 158/2015, sarà conveniente attendere il 2016 per ravvedersi sugli acconti in scadenza oggi, 30 novembre 2015. L'unica eccezione riguarda il ravvedimento sprint, se effettuato entro 8 giorni successivi al termine di versamento, che prevede una sanzione molto ridotta, pari all'1,6% (0,2% per ogni giorno di ritardo entro il 14° giorno). Infatti, in base al principio del favor rei, e alle nuove regole in tema di sanzioni amministrative, la sanzione in vigore dal 1° gennaio 2016, per omesso/carente versamento sarà ridotta della metà (passando così dal 30 al 15%) in caso di pagamento entro 90 giorni. Considerando pertanto gli acconti in scadenza oggi - 30 novembre 2015 -, ci sarà tempo fino al 28.02.2016 per usufruire della sanzione ridotta della metà. In questo modo il contribuente sconterebbe una sanzione pari all'1,67% (contro il 3,33% attualmente in vigore), più gli interessi moratori al tasso legale dello 0,5% (salvo modifiche da approvare con decreto). Come anticipato prima, solo il ravvedimento sprint effettuato entro 8 giorni sarebbe più conveniente.

Potrebbe interessarti l'e-book: Ravvedimento operoso 2016 contenente le novità, la prassi, esempi e le modalità di calcolo del nuovo ravvedimento, come modificato dalla delega fiscale e dalla Legge di stabilità 2016.

Segui il Dossier: Ravvedimento operoso per notizie, aggiornamenti e approfondimenti. 

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Guida acconti Novembre 2016 Irpef Ires Irap, Legge di bilancio 2020, Ravvedimento operoso 2019, Sanzioni

14,33 € + IVA
12,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)