Rassegna stampa Pubblicato il 17/09/2015

Enti no profit, remissione in bonis 5 per mille entro il 30 settembre

C'è ancora tempo fino al 30 settembre per presentare la domanda di ammissione al riparto del 5 per mille dell'Irpef 2015 da parte degli enti interessati, con una sanzione

Entro il prossimo 30 settembre, gli enti che intendono partecipare a tale riparto del 5 per mille per l'esercizio finanziario 2015 e che non hanno presentato nei termini prescritti l'apposita domanda o la relativa documentazione integrativa, possono provvedere a regolarizzare ricorrendo all'istituto della remissione in bonis. La remissione in bonis implica il provvedere all'adempimento e contemporaneamente il versamento di una sanzione di 258 euro (codice tributo 8115), con modello F24 senza ricorrere alla compensazione. Per la regolarizzazione, è previsto che i requisiti per l’ammissione al riparto del 5‰ fossero posseduti alla data originaria di scadenza dei termini di presentazione della domanda di iscrizione.

Potrebbe interessarti l'e-book: Ravvedimento operoso 2016 contenente le novità, la prassi, esempi e le modalità di calcolo del nuovo ravvedimento, come modificato dalla delega fiscale e dalla Legge di stabilità 2016.

Segui il Dossier: Ravvedimento operoso per notizie, aggiornamenti e approfondimenti. 

Fonte: Fisco Oggi




Prodotti per Terzo Settore e non profit, Ravvedimento operoso 2019, Sanzioni

 
4,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)