Rassegna stampa Pubblicato il 23/06/2015

Delega fiscale e liti con il fisco: in Cdm il decreto attuativo

Tra i sei decreti attuativi della Delega fiscale in esame oggi al Consiglio dei Ministri c'è anche quello che ridefinisce gli interpelli ed estende l'istituto del reclamo e della mediazione

All'esame del Consiglio dei Ministri di oggi ci sono sei decreti attuativi della Delega fiscale. Uno di questi riguarda il potenziamento degli strumenti per il contraddittorio preventivo tra contribuenti e amministrazione, definendo 5 modalità di interpello preventivo, e degli strumenti della mediazione e delle conciliazione per evitare o chiudere le liti con Fisco.
In particolare, gli interpelli saranno di cinque tipi: ordinario per superare le incertezze; qualificatorio per chiedere la corretta qualificazione di alcune fattispecie; probatorio per chiedere l’accesso a determinati regimi fiscali; disapplicativo per disapplicare limiti a deduzioni, crediti; antiabuso sull’abuso del diritto.
Con riguardo all'istituto del reclamo e delle mediazione tributaria, obbligatorio ad oggi per le controversie fino a 20.000 euro per gli atti emessi dall'Agenzia delle Entrate, ora esso viene esteso anche alle controversie catastali (quelle relative, per esempio, a classamento o rendite) e anche a quelle in cui la controparte è Equitalia o uno degli altri concessionari della riscossione.
Infine, la conciliazione giudiziale non sarà più limitata solo alla prima udienza di primo grado, ma potrà essere tentata anche in appello.

Per approfondimenti sulla disciplina dell'interpello naviga gratuitamente per il Dossier Interpello 2019

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)