Rassegna stampa Pubblicato il 24/09/2014

Legge di Stabilità 2015: metà liquidazione in busta paga

Il piano allo studio del Governo prevede l'erogazione annuale ai dipendenti del 50% del TFR in busta paga per un periodo da 1 a 3 anni, in modo da rilanciare i consumi

Per sostenere il rilancio dei consumi e, quindi, il sostegno alle attività produttive, oltre alla stabilizzazione degli 80 euro e alla riduzione dell'Irap, il Governo sta vagliando un'ulteriore soluzione per dare sostegno ai salari percepiti dai lavoratori dipendenti. E' allo studio del Governo, infatti, l'ipotesi di far entrare nelle buste paga dei dipendenti il 50% della quota del Tfr "maturando" accantonata mensilmente dal datore di lavoro, lasciandone l'altra metà alle imprese. Tale quota di TFR, quindi, potrebbe essere erogata al lavoratore in unica soluzione annuale, e non più al termine della sua vita lavorativa. La misura dovrebbe valere per almeno un anno, più probabilmente per due o tre cominciando dai dipendenti del settore privato, e fa parte del dossier su cui si starebbe lavorando per la messa a punto della legge di stabilità, il cui disegno di legge dovrebbe essere varato dal Governo entro il prossimo 10 ottobre.

Ti puo interessare l'ebook "Il welfare aziendale" di P.Stern et al.

E' disponibile  anche un utile  foglio excel  "Calcolo valore usufrutto e rendite "  aggiornato al 2018  - di A. Pegoraro

Scopri tutte le utilità (ebook e fogli di calcolo) sulla Legge di Bilancio 2019 in vendita sul nostro Business Center nella sezione Legge di Bilancio 2019.

Per una panoramica completa della Legge di Bilancio 2019 acquista l'ebook Legge di Bilancio 2019 - Tutte le novità in vigore dal 1 gennaio

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Attualità, Riforme del Governo Renzi 2017, TFR e Fondi Pensione, Legge di bilancio 2019

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO A

14,90 €

prodotto_fiscoetasse
20,96 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,29 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
28,61 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,87 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
141,21 € + IVA

IN PROMOZIONE A

91,43 € + IVA


Commenti

Ahhhhhhhh, la "torta" del TFR !!!

Prima ce l'hanno destinata alle pensioni integrative.

Poi le grosse aziende hanno versato il residuo alle casse dell'INPS (già dilapidato).

Ora, ce lo propinano come aumento retributivo.

BUFFONI !

Commento di Miky (10:55 del 24/09/2014)

le imprese ed i lavoratori autonomi fanno gia' fatica a pagare i normali stipendi, l'IVA, le imposte, figuriamoci anticipare il TFR. Probabilmente chi decide non ha mai vissuto la realta' delle piccole e medie imprese e dei liberi professionisti. Gestiscano loro le attivita' e mi assumano come dipendente .... poi vediamo.

Commento di GIAN1961 (11:40 del 24/09/2014)

LA SOLITA BUFFONATA!! MI VIEN DA RIDERE! IL RILANCIO DEI CONSUMI CON I MIEI ACCANTONAMENTI! SE ME LI DANNO LI ACCANTONO A CASA MIA E' L'UNICA RISORSA CHE MI RIMANE!!

Commento di MAGGY (14:02 del 24/09/2014)

PAZZESCO: PREMESSO CHE LE AZIENDE SONO ORMAI ALL'OSSO E NON SANNO PIU DOVE ATTINGERE SOLDI PER PAGARE I NORMALI STIPENDI, SE COSTRETTI AD ANTICIPARE IL 50% DEL TFR,AI PROPRI DIPENDENTI, SI VEDRANNO OBBLIGATI A RICORRERE A PRESTITI BANCARI LE CUI CONSEGUENZE SAREBBERO QUELLE DI INGRASSARE ANCORA LE CASSE DELLE BANCHE E DI PRODURRE IL FALLIMENTO DELLE PROPRIE AZIENDE.

Commento di vito messana (22:39 del 28/09/2014)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)