HOME

/

FISCO

/

REDDITI DIVERSI

/

BONIFICI ESTERI: I DUBBI DELL'UE

1 minuto, Redazione , 19/02/2014

Bonifici esteri: i dubbi dell'UE

L'Unione Europea avanza dubbi sul prelievo automatico del 20% sulle somme in arrivo dall'estero

Il nuovo obbligo di prelievo del 20% su tutti i bonifici i ricevuti dall'estero dai contribuenti italiani in vigore dal primo febbraio scorso, è finito sotto esame da parte della Commissione Europea . In particolare, il responsabile europeo per la fiscalità, Semeta,  vuole chiarimenti sul fatto che non si contravvengano norme comunitarie di non discriminazione e libero movimento delle merci e dei capitali. Sono state anche presentate due interrogazioni al Parlamento europeo da parte di parlamentari italiani. La misura anti-evasione, che ha scatenato anche la ribellione di tanti contribuenti sul web, è stata introdotta in agosto dalla legge 97 del 2013 e prevede, appunto, che i reddito di capitale e i redditi diversi di cui all'art. 67 co. 1, lett. b),c),f), e) e h) del TUIR siano assoggettati ad un prelievo automatico pari al 20% da parte dell'istituto di credito su cui arriva il flusso di denaro. Il problema nasce soprattutto perché il prelievo, effettuato direttamente dall'istituto di credito,  riguarderà non solo questi redditi ma qualsiasi somma in arrivo dall'estero sul conto corrente intestato a persona fisica e spetterà al contribuente dimostrare la natura del flusso finanziario con una autocertificazione e la presentazione in banca del Quadro RW della dichiarazione

Ti potrebbe interessare La tassazione delle rendite finanziarie 2019 (eBook) utile Guida in pdf al nuovo regime fiscale "unico" 2019 delle partecipazioni: dividendi e capital gain e il foglio di calcolo Tassazione dividendi e Capital Gain

Tag: REDDITI DI CAPITALE REDDITI DI CAPITALE REDDITI DIVERSI REDDITI DIVERSI REDDITI ESTERI 2021 REDDITI ESTERI 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Miky - 19/02/2014

Per stare in Italia dobbiamo pagare il "pizzo" allo Stato. Questa è l'unica giustificazione, ormai, a provvedimenti che determinano un prelievo dei nostri denari che di fiscale non ha proprio nulla. Il comportamento dei nostri politici è ormai vergognoso, nulla stanno facendo per ridurre le spese, ma continuano a spingerci verso il baratro con la scusa della lotta all'evasione. Quando comincerete a chiudere le "società partecipate" smettendo di pagare i lauti compensi erogati agli amministratori (funzionari di partito che in questo modo sono di fatto messi a carico della collettività) ?

Alex Pintar - 19/02/2014

La UE stessa e l'Italia poi in particolare violano ripetutamente le libertà' di circolazione e di movimentazione di capitali e lavoro che sono il nocciolo dei trattati istitutivi e dello spirito della unificazione europea. Ci sono sentenze della stessa corte europea in merito, in particolare ricordo una in ambito IVA.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITI DIVERSI · 07/06/2021 Lavoro autonomo occasionale: dichiarazione dei redditi 2021 e rimborso, come fare

I percettori di redditi da lavoro autonomo occasionale, se a credito di imposta, possono chiedere il rimborso delle ritenute subite anche attraverso il 730 "senza sostituto"

Lavoro autonomo occasionale: dichiarazione dei redditi 2021 e rimborso, come fare

I percettori di redditi da lavoro autonomo occasionale, se a credito di imposta, possono chiedere il rimborso delle ritenute subite anche attraverso il 730 "senza sostituto"

Start-up e PMI innovative: in arrivo una doppia agevolazione fiscale sui capital gain

Il decreto Sostegni-bis, ancora in bozza, prevede un doppio beneficio fiscale per le plusvalenze da cessione di partecipazioni in Start-up innovative e in PMI innovative

Possibile il lavoro autonomo occasionale anche per gli iscritti agli ordini professionali

Secondo la Cassazione l’iscrizione all’albo professionale, da sola, non costituisce elemento sufficiente per dimostrare l’abitualità dell’esercizio dell’attività professionale

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.