Rassegna stampa Pubblicato il 28/09/2011

Presunzioni bancarie sui versamenti estese ai privati

Tempo di lettura: 0 minuti

Secondo la Corte di Cassazione le presunzioni bancarie sui prelevamenti non trova applicazione nei confronti di privati, mentre quelle sui versamenti sì

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 19692 del 26 settembre 2011 ha stabilito che le presunzioni sui prelevamenti in materia di indagini finanziarie non trova applicazione nei confronti di privati. Questa limitazione, non impedisce invece, che i versamenti operati sui conti bancari di un privato, e privi di giustificazione, costituiscano reddito, dovendosi ritenere questa attività accertativa “pienamente consentita” e “assolutamente ragionevole”.

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)

Ti potrebbe essere utile la guida in pdf su come redigere correttamente un ricorso tributario nell’era del processo telematico, di recente pubblicazione, "Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario".

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)