Rassegna stampa Pubblicato il 17/11/2010

Irap: uno studio non sempre obbliga al pagamento dell’imposta

Il semplice possesso di uno studio da parte di un professionista non costituisce bene strumentale eccedente il minimo e di conseguenza non rappresenta una condizione sufficiente per determinare l’assoggettamento all’Irap

Con l’ordinanza n. 23155 del 16 novembre 2010, la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui il semplice possesso di uno studio da parte di un professionista non costituisce bene strumentale eccedente il minimo indispensabile per l’esercizio della professione. Di conseguenza, tale condizione non costituisce presupposto per determinare l’assoggettamento all’Irap. Tuttavia, i giudici di merito devono accertare di volta in volta se lo studio, per la sua ubicazione e dimensione, possa essere considerato valore di bene strumentale minimale o meno.

Ti potrebbe essere utile la guida in pdf su come redigere correttamente un ricorso tributario nell’era del processo telematico, di recente pubblicazione, "Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario".

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso

Ti potrebbero interessare i nostri due ebook:

  1. IRAP - Rimborsi e ricorsi (eBook 2018)
    Gli aspetti pratico-operativi per richiedere il rimborso dell'irap, giurisprudenza aggiornata a novembre, formulari, istanza rimborso e ricorso. 183 pag.
  2. Irap professionisti: orientamenti della Cassazione
    contenente gli orientamenti della Cassazione riguardo il tema sempre caldo dell'assoggettamento all'Irap per i professionisti. ebook in pdf di 37 pagine

Segui il Dossier Gratuito Difendersi dall'Irap: come chiedere il Rimborso Irap

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)