Rassegna stampa Pubblicato il 19/07/2010

Responsabilità delle società con la prova del pm

L’accusa ai vertici fa scattare la responsabilità della società

Con la sentenza n. 27735 del 16 luglio 2010, la Corte di Cassazione ha confermato la responsabilità amministrativa e penale nei confronti di un dirigente e della società da lui diretta. Nella fattispecie, secondo i giudici l’accusa di corruzione ai vertici dell’azienda fa scattare la responsabilità amministrativa e penale dell’ente. Il reato commesso dal manager nell’interesse della società va, infatti, considerato “proprio” di quest’ultima: la persona fisica che opera nell’ambito delle sue competenze societarie a vantaggio dell’ente agisce come organo e non come soggetto da questo distinto.

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)