HOME

/

PMI

/

AGRICOLTURA E PESCA 2023

/

AGRICOLTURA BIOLOGICA: COSA PREVEDE LA NUOVA LEGGE PUBBLICATA IN GU

3 minuti, 27/03/2022

Agricoltura biologica: cosa prevede la nuova legge pubblicata in GU

Arriva la tutela del biologico anche in Italia, con la pubblicazione in GU della Legge del 09.03.2022 n. 23; marchio biologico italiano e altre novità

Forma Giuridica: Normativa - Legge
Numero del 09/03/2022
Fonte: Gazzetta Ufficiale
Ascolta la versione audio dell'articolo

Pubblicata in GU n. 69 del 23 marzo 2022, la legge del 9 marzo 2022 n. 23, contenente disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell'acquacoltura con metodo biologico.

Come stabilito dalla legge, la produzione biologica viene definita attività di interesse nazionale con funzione sociale e ambientale

Dal testo inoltre, è stata eliminata la tutela dell'agricoltura biodinamica, che inizialmente era stata equiparata a quella biologica. Infatti il terzo comma dell'art. 1 stabilisce che, ai fini della presente proposta di legge, i metodi di produzione basati su preparati e specifici disciplinari applicati nel rispetto delle disposizioni dei regolamenti dell'Unione europea e delle norme nazionali in materia di agricoltura biologica sono equiparati al metodo di agricoltura biologica

In sede di conversione, infatti, la Camera è intervenuta sul secondo periodo del terzo comma dell'art.1, sopprimendolo. Esso prevedeva l'equiparazione al metodo dell'agricoltura biologica di quella biodinamica e dei metodi che, avendone fatta richiesta secondo le procedure fissate dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali con apposito decreto, prevedono il rispetto delle disposizioni di cui al primo periodo.

Viene poi istituito il marchio biologico italiano per quei prodotti biologici ottenuti da materia prima italiana.

Il testo della legge si compone di 21 articoli, e disciplina per il settore della produzione agricola, agroalimentare e dell'acquacoltura con metodo biologico, i seguenti oggetti:

  • il sistema delle autorità nazionali e locali e degli organismi competenti;
  • i distretti biologici e l'organizzazione della produzione e del mercato, compresa l'aggregazione tra i produttori e gli altri soggetti della filiera;
  • le azioni per la salvaguardia, la promozione e lo sviluppo della produzione agricola, agroalimentare e dell'acquacoltura con metodo biologico, compresa la semplificazione amministrativa, e i mezzi finanziari per il sostegno alla ricerca e alle iniziative per lo sviluppo della produzione biologica, la realizzazione di campagne di informazione e di comunicazione istituzionale, nonché la promozione dell'utilizzo di prodotti ottenuti con il metodo biologico da parte degli enti pubblici e delle istituzioni;
  • l'uso di un marchio nazionale che contraddistingua i prodotti ottenuti con il metodo biologico, realizzati con materie prime coltivate o allevate in Italia, in particolare l'articolo 6 istituisce il marchio biologico italiano per quei prodotti biologici ottenuti da materia prima italiana. Con decreto del Ministro (delle politiche agricole alimentari e forestali) da emanarsi, previa intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni, entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, sono definite le condizioni e le modalità di attribuzione del marchio.

Si segnala che l'art. 7 prevede che il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, adotti il Piano d'azione nazionale per la produzione biologica e i prodotti biologici, con decreto da emanarsi entro 90 giorni dall'entrata in vigore del testo unificato in esame, contenente interventi che dovranno perseguire i seguenti obiettivi:

  • agevolare la conversione al biologico, con particolare riferimento alle imprese agricole convenzionali con reddito non superiore a 7.000 euro;
  • sostenere la costituzione di forme associative e contrattuali per rafforzare la filiera delle piccole aziende agricole biologiche; 
  • incentivare il biologico attraverso iniziative di informazione ed educazione al consumo, con particolare riferimento alla ristorazione collettiva; 
  • monitorare l'andamento del settore;
  • favorire l'insediamento di nuove aziende biologiche nelle aree rurali montane;
  • migliorare il sistema di controllo e di certificazione
  • incentivare le istituzioni e gli enti pubblici ad utilizzare il biologico nella gestione del verde e a prevedere il consumo di prodotti biologici nelle mense pubbliche e in quelle private in regime di convenzione; 
  • incentivare la ricerca
  • promuovere progetti per i prodotti provenienti dai distretti biologici che permettano la tracciabilità delle diverse fasi produttive e l'informazione al consumatore sulla sostenibilità ambientale, la salubrità del terreno, la lontananza da impianti inquinanti, l'utilizzo di prodotti fitosanitari ecocompatibili e le tecniche di lavorazione e imballaggio utilizzate; 
  • valorizzare le produzioni tipiche italiane biologiche
  • promuovere la sostenibilità ambientale mediante azioni che favoriscano il mantenimento della fertilità naturale dei suoli e l'uso di metodi di conservazione, confezionamento e distribuzione rispettosi dell'ambiente.

Al fine di favorire l'aggregazione imprenditoriale e l'integrazione tra le diverse fasi della filiera dei prodotti biologici, l'art.10 prevede strumenti di integrazione degli operatori della filiera biologica, che lo Stato sostiene, consistenti nella facoltà di:

  • stipulare contratti di rete, 
  • costituire cooperative 
  • e sottoscrivere contratti di filiera tra gli operatori del settore.

Tag: AGRICOLTURA E PESCA 2023 AGRICOLTURA E PESCA 2023

Allegato

Legge del 09.03.2022 n. 23
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 22/05/2024 Disoccupazione agricola 2023 al via i pagamenti

Le istruzioni operative per la liquidazione delle domande di disoccupazione agricola per l'anno 2023, con i periodi di ammortizzatore unico DL 61 2023 per le alluvioni

Disoccupazione agricola 2023 al via i pagamenti

Le istruzioni operative per la liquidazione delle domande di disoccupazione agricola per l'anno 2023, con i periodi di ammortizzatore unico DL 61 2023 per le alluvioni

Incentivi per Agrivoltaico: domande dal 4 giugno

Agevolazione Agrivoltaico: contributi in c/capitale e tariffa incentivante nel Decreto MASE. Pubblicata la guida operativa con tutte le regole per partecipare

Decreto agricoltura 2024: agevolazioni contributive

Agevolazioni contributive e altre novità per il lavoro agricolo nel nuovo decreto legge 63 2024

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.