IN PRIMO PIANO:

Normativa Pubblicato il 05/12/2019

Partite IVA inattive: chiusura d'ufficio dopo tre anni di inattività

Tempo di lettura: 1 minuto
partite iva inattive

Chiusura d'ufficio delle partite IVA dei soggetti che, nei tre anni precedenti, non hanno esercitato attività di impresa, artistiche o professionali e non hanno presentato dichiarazione di cessazione

Forma Giuridica: Normativa - Provvedimento
Numero 1415522 del 03/12/2019
Fonte: Agenzia delle Entrate
Commenta Stampa

Al fine di garantire l’attuazione dell’articolo 35, comma 15-quinquies, del DPR 633/72, l'Agenzia delle entrate procede d'ufficio alla chiusura delle partite IVA dei soggetti che sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso risultano non aver esercitato, nelle tre annualità precedenti, attività di impresa ovvero attività artistiche o professionali. Sono fatti salvi i poteri di controllo e accertamento dell’amministrazione finanziaria.

Questo quanto definito dall'Agenzia con la pubblicazione del Provvedimento del 3 dicembre 2019 n. 1415522.

Circa le modalità e i criteri di selezione delle partite Iva da chiudere, queste vengono individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe Tributaria, volti a identificare i soggetti titolari di partita IVA che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione IVA o dei redditi di lavoro autonomo o d’impresa.

La chiusura delle partite IVA inattive avviene in modalità centralizzata.

Per i soggetti diversi dalle persone fisiche, qualora dagli elementi registrati in Anagrafe Tributaria non emergano evidenze atte a supporre l’operatività del soggetto, si procederà contestualmente alla estinzione del codice fiscale.

A ciascun soggetto individuato come presumibilmente inattivo viene inviata una comunicazione preventiva di chiusura d’ufficio della partita IVA, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento (AR).

Entro 60 giorni dalla ricezione, il contribuente che ravvisi elementi non considerati o valutati erroneamente, può rivolgersi ad un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate e fornire chiarimenti circa la propria posizione fiscale di soggetto attivo ai fini IVA.

A sua volta l'Agenzia, verificate le argomentazioni e la documentazione prodotta dal contribuente, potrà archiviare la comunicazione di chiusura della partita IVA, mantenendo il soggetto in stato di attività, oppure rigettare l’istanza con motivato diniego.

Ti segnaliamo Guida all'avvio di un'impresa - eBook 2019 utile eBook in PDF che prende in esame tutti i rischi e le opportunità e guida nell'individuazione della forma di organizzazione più adeguata - 172 pagine.



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Elementi contabili ISA 2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Calcolo IRES e IRAP 2020 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 82,70 € + IVA invece di 116,89 € + IVA fino al 2022-12-31
Affrancamento partecipazioni 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 34,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-07-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE