Normativa del 15/05/2019

Agevolazione prima casa e vendita dell'immobile in caso di separazione

vendita immobile divorzio

Non decade dalle agevolazioni prima casa il contribuente che vende l'immobile prima del termine dei 5 anni dall’acquisto, se rientra nell'accordo stipulato in sede di separazione o divorzio

Forma Giuridica: Giurisprudenza - Corte di Cassazione
Numero 7966 del 21/03/2019
Fonte: Corte di Cassazione

Con una recente Ordinanza, la Corte di Cassazione del 21.03.2019, n. 7966, ha confermato che non decade dalle agevolazioni “prima casa” il contribuente che, dopo aver acquistato l’immobile, lo vende ad un soggetto terzo prima del decorso del termine dei 5 anni dall’acquisto, qualora il trasferimento immobiliare sia previsto negli accordi stipulati in sede di separazione / divorzio.

La Corte di Cassazione ha evidenziato che: «in tema di agevolazioni "prima casa", il trasferimento dell'immobile prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto, se effettuato in favore del coniuge in virtù di una modifica delle condizioni di separazione, pur non essendo riconducibile alla forza maggiore, non comporta la decadenza dai benefici fiscali, attesa la "ratio" dell'art. 19 della I. n. 74 del 1987, che è quella di favorire la complessiva sistemazione dei rapporti patrimoniali tra i coniugi in occasione della crisi, escludendo che derivino ripercussioni fiscali sfavorevoli dagli accordi intervenuti in tale sede» (così Cass. n. 8104 del 29/03/2017; conf. Cass. n. 13340 del 28/06/2016; sempre in tema di agevolazioni "prima casa" si veda anche, sotto il diverso profilo della insussistenza dell'intento speculativo, Cass. n. 5156 del 16/03/2016; Cass. n. 22023 del 21/09/2017).

Inoltre ha ritenuto che il principio espresso da Cass. n. 2111 del 2016 con riferimento ad un trasferimento immobiliare avvenuto all'interno del nucleo familiare è di portata assolutamente generale e, dunque, non può non estendersi anche all'ipotesi per cui è causa, nella quale i coniugi si sono determinati, in sede di accordi conseguenti alla separazione personale, a trasferire l'immobile acquistato con le agevolazioni per la prima casa ad un terzo.

Nella Sentenza in oggetto viene affermato infatti:

  1. l'art. 19 della I. n. 74 del 1987 dispone in via assolutamente generale l'esenzione dall'imposta di bollo, di registro e da ogni altra tassa degli atti stipulati in conseguenza del procedimento di cessazione degli effetti civili del matrimonio e, a seguito di Corte cost. n. 154 del 1999, anche del procedimento di separazione personale tra coniugi, senza alcuna distinzione tra atti eseguiti all'interno della famiglia e atti eseguiti nei confronti di terzi;
  2. la ratio della menzionata disposizione è senza dubbio quella di agevolare la sistemazione dei rapporti patrimoniali tra coniugi a seguito della separazione o del divorzio;
  3. recuperare l'imposta in conseguenza della inapplicabilità dell'agevolazione fiscale sulla prima casa da parte dell'Erario significherebbe sostanzialmente imporre una nuova imposta su di un trasferimento immobiliare avvenuto in esecuzione dell'accordo tra i coniugi e, pertanto, andare palesemente in senso contrario alla ratio della disposizione, così come definita sub b).

Ti segnaliamo il Libro di carta "Trasferimenti immobiliari separazione e divorzio" edito dalla Maggioli Editore.




Prodotti per Agevolazioni prima casa 2019

prodotto_fiscoetasse
48,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

40,80 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
34,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

28,90 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
89,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

75,65 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
14,33 € + IVA

IN PROMOZIONE A

9,52 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
35,08 € + IVA

IN PROMOZIONE A

18,02 € + IVA

fino al 15/09/2019


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)