ricerca farmaceutica credito imposta

Normativa del 11/10/2017

Le agevolazioni per la R&S nelle biotecnologie: chiarimenti delle Entrate

Le risposte dell'Agenzia ai quesiti relativi alle condizioni di applicabilità del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo nel campo delle biotecnologie; Risoluzione del 10.10.2017 n. 122

Forma Giuridica: Prassi - Risoluzione
Numero 122 del 10/10/2017
Fonte: Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate con Risoluzione del 10 ottobre 2017 n. 122/E, fornisce chiarimenti e risposte ai quesiti posti dagli operatori del settore sull’applicazione al campo delle biotecnologie (con particolare riferimento alla ricerca farmaceutica) del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo.

Si ricorda che la disciplina di riferimento è stata modificata con la legge di bilancio 2017 (articolo 1, commi 15 e 16, della legge 11 dicembre 2016, n. 232), che ha prorogato di un anno il periodo di tempo nel quale possono essere effettuati gli investimenti ammissibili (i.e., fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020) e ha potenziato il beneficio, prevedendo, in particolare, con decorrenza dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016:

  • l’applicazione di un’aliquota unica del credito di imposta, pari al 50 per cento, a prescindere dalla tipologia di investimenti effettuati;
  • l’ammissibilità delle spese relative a tutto il “personale impiegato nell’attività di ricerca e sviluppo”, non essendo più richiesto il requisito di specializzazione di cui al comma 6 lettera a) dell’articolo 3, secondo il quale detto personale doveva essere “altamente qualificato”;
  • l’incremento a 20 milioni di euro (dagli originari 5 milioni di euro) dell’importo massimo annuale del credito di imposta spettante a ciascun beneficiario.

Questi i quesiti ai quali l'Agenzia ha fornito risposta:

  • tipologia di ricerca agevolabile
  • tipologia di investimenti ammissibili
  • Costi relativi a personale non altamente qualificato, che svolge la propria attività in totale autonomia di mezzi e organizzazione
  • Costi per personale altamente qualificato assunto con contratto di apprendistato
  • Spese relative a contratti di ricerca dei costi riferibili a consulenze regolatorie
  • Ammissibilità come spesa extra-muros dei costi relativi a commesse di ricerca tra imprese aventi il medesimo consiglio di amministrazione
  • Costi relativi a studi clinici per contratti di ricerca sui farmaci, relativi ad assicurazione e comitati etici, in quanto costi accessori alla ricerca stessa

Per il calcolo del credito di imposta spettante per l’attività di ricerca e sviluppo (agevolazione in vigore fino al periodo di imposta 2020) ti segnaliamo il nostro foglio excel Calcolo Credito d'imposta Ricerca e Sviluppo (excel) in vendita anche nel Pacchetto Industria 4.0 - Pacchetto excel contenente 4 utili fogli excel per la determinazione delle agevolazioni per le imprese previste nel Piano Industria 4.0.



Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)