Domanda e Risposta Pubblicato il 15/04/2020

Cassa integrazione come si calcola? ecco il foglio excel

Tempo di lettura: 3 minuti
busta paga conti

L'importo del trattamento di cassa integrazione 2020 Foglio excel gratuito per il calcolo - Settori produttivi e contributi a carico dei datori di lavoro interessati .

La Cassa integrazione ordinaria (CIGO) è l ' ammortizzatore sociale  per i lavoratori dipendenti a cui accedono  i datori di lavoro, senza  limiti dimensionali, appartenenti esclusivamente a determinati settori  (art. 10 del D.Lgs n. 148/2015) che sono:

a) imprese manifatturiere, di trasporti, estrattive, di installazione di impianti, produzione e distribuzione dell’energia, acqua e gas;
b) cooperative di produzione e lavoro che svolgano attività lavorative similari a quelle degli operai delle imprese industriali, fatta eccezione delle cooperative ex DPR n. 602/1970, per le quali non è prevista  la contribuzione per la CIG;
c) imprese dell’industria boschiva, forestale e del tabacco;
d) cooperative agricole, zootecniche e dei loro consorzi che esercitano attività di trasformazione, manipolazione e commercializzazione di prodotti agricoli propri per i soli dipendenti con contratto a tempo indeterminato;
e) imprese addette al noleggio e alla distribuzione dei film di sviluppo e stampa di pellicole cinematografiche;
f) imprese industriali per la frangitura delle olive per conto terzi;
g) imprese produttrici di calcestruzzo preconfezionato;
h) imprese addette agli impianti telefonici ed elettrici;
i) imprese addette all’armamento ferroviario;
j) imprese industriali degli Enti pubblici,
salvo il caso in cui il capitale sia interamente di proprietà pubblica;
k) imprese industriali ed artigiane dell’edilizia e affini;
l) imprese industriali esercenti l’attività di escavazione
e/o escavazione di materiale lapideo;
m) imprese artigiane che svolgono attività di escavazione e di lavorazione di materiali lapidei, con esclusione di quelle che svolgono l'attività  in laboratori con strutture e organizzazione distinte dalle attività di escavazione.

Per l’integrazione ordinaria tali aziende versano i seguenti contributi ( ex art 13 del D.Lgs n. 148/2015)

  •  1,70% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali per i dipendenti impiegati, operai ed apprendisti con contratto professionalizzante  delle imprese industriali che occupano fino a 50 dipendenti;
  •  2,00% della retribuzione imponibile per  imprese industriali che occupano più di 50 dipendenti;
  •  4,70% della retribuzione imponibile  per imprese industriali ed artigiane del settore edile;
  •  3,30% della retribuzione imponibile per gli operai ed apprendisti professionalizzanti delle imprese dell’industria e artigianato lapidei;
  •  1,70% della retribuzione imponibile per gli impiegati ed i quadri delle imprese dell’industria e dell’artigianato edile e lapidei che occupano fino a 50 dipendenti.

A fronte di questi versamenti,  gli importi attuali per i lavoratori si calcolano come segue:

La misura del trattamento integrativo è pari all’80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore non prestate comprese tra zero ed  l'orario contrattuale massimo.

Il  trattamento è soggetto  alla riduzione prevista dall’art. 26 della legge n. 41/1986  pari al 5,84%.

L’ammontare massimo dell’integrazione salariale non può superare i “massimali”  fissati ogni anno e comunicati dall'INPS .

Per il 2020 gli importi massimi sono stati fissati con la circolare 20 del 20.2.2020 e ammontano a :

a) 998,181 euro se la  retribuzione mensile  del lavoratore  comprensiva dei ratei delle  mensilità aggiuntive è pari od inferiore a 2.159,48 euro: al netto diventano  939,89 euro;
b) 1.199,72 euro nei casi in cui la retribuzione mensile di riferimento,sia  superiore a 2.159,48 euro: al netto la somma è pari a 1.129,66.

Le somme  sono incrementate del 20% per i trattamenti in favore delle imprese edili e lapidee   causati da eventi non prevedibili come  intemperie stagionali Qui di seguito il link allo strumento di calcolo  dell'importo elaborato in collaborazione con Diritto.it e Commercialista Telematico dal prof. Larocca

NOTA BENE 

  • L’integrazione salariale sostituisce l’indennità giornaliera di malattia e la eventuale integrazione prevista dal contratto (se lo stato di malattia insorge durante l’intervento integrativo concesso a zero ore, il lavoratore continua a godere del trattamento integrativo)
  • non è dovuta per festività non retribuite e di assenze senza diritto alla retribuzione 
  • è cumulabile con  gli assegni familiari 

In sintesi:

Trattamenti di integrazione salariale

Retribuzione (euro)

Tetto

Importo lordo (euro)

Importo netto (euro)

Inferiore o uguale a 2.159,48

Basso

998,18

939,89

Superiore a 2.159,48

Alto

1.199,72

1.129,66

 Trattamenti di integrazione salariale - settore edile (intemperie stagionali)

Retribuzione (euro)

Tetto

Importo lordo (euro)

Importo netto (euro)

Inferiore o uguale a 2.159,48

Basso

1.197,82

1.127,87

Superiore a 2.159,48

Alto

1.439,66

1.355,58

In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)

E' disponibile fra i nostri strumenti gratuiti il tool in excel per il calcolo della Cassa Integrazione, realizzato in collaborazione con Diritto.it e Commercialista telematico e realizzato dal Prof. Enrico Larocca.

Disponibile anche la nuova edizione di "Cassa integrazione guadagni e contratti di solidarieta"  Guida agli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto -eBook in pdf di 269 pagine  a cura di P. Stern

Un utile guida su come compilare la busta paga, e lettura di tutti gli elementi da indicare sul cedolino è l'e-book Come compilare la busta paga di Prudente Dott.ssa Maria Cristina.
In tema di LAVORO DOMESTICO disponibile il pacchetto completo Colf e Badanti 2019 composto da un Foglio excel per il calcolo del prospetto paga + Guida in pdf sul rapporto di lavoro.

Per il settore edile è disponibile anche lo specifico " La busta paga in edilizia" di M.C. Prudente

 





Commenti

Buongiorno , il che in busta paga prendo 600€ quanto mi aspetterebbe di cassa integrazione ?

Commento di Andrea (12:45 del 07/04/2020)

Cosa accade quando il dipendente accede alla cigd e si trova ad avere una sentenza da parte di un tribunale per il pagamento degli assegni di mantenimento con un valore che supera abbondantemente la cifra prevista dal decreto?

Commento di Antonino (13:32 del 07/04/2020)

Salve mi chiamo Michela,oggi ho ricevuto tramite email la busta paga con rispettiva cassa integrazione,ho notato che nella mia busta alla voce n°636 trattenuta assenze per cig dopo la colonna ore,quantità,base nella colonna trattenute c'è l'importo 548,75 euro. Sotto alla voce n°637 anticipo cig c/ditta dopo le varie colonne nella colonna competenze c'è l'importo 299,05. Ora la domanda che mi pongo è giusto il calcolo? Perchè sono trattenute e non competenze?

Commento di Michela (13:07 del 14/04/2020)

Salve ..che mi puó aiutare ..Ho il contratto part-time ... netto in busta 1.271,00... stipendio base 947 .. Quanto mi spetta in cassa integrazione ? Ho ricevuto 400€

Commento di Elena (16:28 del 15/04/2020)

Buongiorno, ho scaricato il vostro tool in excel per il calcolo della Cassa Integrazione, sono un lavoratore dipendente. La domanda è la seguente: dall'importo netto che scaturisce dal calcolo, non c'è da sottrarre anche la percentuale Irpef secondo lo scaglione di reddito ? Oppure diversamente in cassa integrazione non è prevista ? Grazie in anticipo.

Commento di Luca (11:37 del 30/04/2020)

Dopo 38 anni di lavoro ho fatto il mio primo mese di cassa integrazione a zero ore e il mio spettante dovrebbe essere di 1129,66 netto avendo uno stipendio lordo superiore a 2159,48 ma con mia sorpresa ho ricevuto netto in busta la cifra di € 758,. Sotto la risposta dell' azienda per cui lavoro che a sua volta ha ricevuto dallo studio che elabora le buste paga, ma vi sembra normale che devo versare oltre 300 euro di trattenute sulla cassa integrazione? “gli importi indicati nella tabella sono i trattamenti di Cassa Integrazione AL NETTO DELLE TRATTENUTE PREVIDENZIALI, non il netto che resta al lavoratore. Tutte le anticipazioni previdenziali pagate dagli istituti (come l'anticipo di malattia, di maternità, avis, ecc.....) diventano un imponibile fiscale. (casella "reddito" nelle caselle sotto del cedolino) E come tutti gli altri imponibili fiscali, vengono poi assoggettati a ritenute fiscali IRPEF (tasse) Tolte le ritenute fiscali, resta il netto dello stipendio pagato al dipendente.”

Devo per forza andarmi ad informare, mi sembra alquanto strano.

Grazie per eventuali risposte

Commento di Ferdinando (17:34 del 12/05/2020)

Purtroppo è così caro Ferdinando, ed hai sicuramente pagato anche le addizionali regionali comunali e gli acconti. Io percepisco uno stipendio netto di 2200 euro e ho lavorato 4 giorni ad aprile totale in busta 1090 euro. E poi lo stato si batte contro le fake news , crea ministri per la semplificazione quando è il primo a fare poca chiarezza. Le priorità urgenti oggi sono abbattere l'evasione fiscale, eliminare la corruzione e la criminalità. Buona fortuna

Risposta di Andrea (18:57 del 15/05/2020) al commento di Ferdinando

Sono in cassa integrazione in deroga a zero ore ho una busta paga di 1820,00 € lordi pensavo di ricevere 935,00 € invece ho ricevuto € 723,71. Cosi giustificate 998,18- trattenute irpef 216,18 - rid. l 41/86 €58,29 e giusto ?

Commento di Francesco (09:27 del 24/05/2020)

Ma fate i calcoli esatti nel calcolare l importo della cassa integrazione,perche da un totale lordo di euro 998,18 voi dite che al netto prenderemo euro 939,89 ma non così perche a questultimo importo bisogna togliere un altro 20 per cento di tasse quindi in realta andremo a prendere circa 750 euro ,se ci va bene ,fate attenzione quando scrivete perche poi la gente ci rimane male.

Commento di ANTONIO (11:44 del 24/05/2020)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)