IN PRIMO PIANO:

Domanda e Risposta Pubblicato il 04/05/2016

Cos'è la Tremonti quater? Come va indicata in UNICOSC 2016?

Tempo di lettura: 3 minuti
TFR_busta_paga_96

Requisiti oggettivi, soggettivi e indicazioni in Unico 2016. Il punto sull'agevolazione Tremonti Quater nelle dichiarazioni dei redditi 2016

Commenta Stampa

Il D.L 91/2014, cd. “Decreto Competitività” all'art.18  ha introdotto un’agevolazione sull'acquisto di macchinari nuovi appartenenti a determinate categorie. L'agevolazione, che viene comunemente definita "Tremonti quater" o "bonus macchinari" consente ai titolari di reddito d’impresa di usufruire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti in beni strumentali “nuovi”. Vediamo insieme i requisiti soggettivi, oggettivi, l'agevolazione e come va indicata in Unico 2016.
Requisiti soggettivi Tremonti quater

A norma dell'art. 18 del DL. 81/2014 l'agevolazione è riservata:

  • alle imprese residenti in Italia (indipendemente dalla forma societaria o dal regime contabile)
  • alle stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti
  • agli enti non commerciali per l’attività commerciale esercitata
Requisiti oggettivi Tremonti quater
Gli investimenti che possono usufruire del credito d’imposta della cd Tremonti quater sono quelli riguardanti:
  • l'acquisto di nuovi macchinari e nuove apparecchiature compresi nella divisione 28 della Tabella ATECO 2007
  •  effettuati nel periodo compreso dal 25/06/2014 al 30/06/2015
  •  eccetto quelli di importo unitario inferiore a €. 10.000 (l’ammontare minimo va verificato in relazione a ciascun progetto di investimento e non ai singoli beni che lo compongono)
  •  che siano destinati a strutture aziendali situate nel territorio nazionale.
L'agevolazione Tremonti Quater
L’agevolazione sui macchinari nuovi appartenenti alla divisione 28 dela Tabella ateco 2007, consiste in un credito d’imposta attribuito nella misura del 15%:
  • sulla  quota di spese, nell'anno, eccedente la media degli investimenti in beni strumentali realizzati nei 5 periodi d’imposta precedenti
  • con facoltà di escludere dalla media l'esercizio in cui l'investimento è stato più elevato
La Circolare 5/ 2015 dell'Agenzia  delle Entrate, che ha fornito chiarimenti sul bonus precisa che "in assenza di precisazioni da parte della disposizione di legge riguardanti le modalità di effettuazione degli investimenti”, l’ agevolazione spetta anche per:
  •  la realizzazione dei macchinari in economia o mediante contratto di appalto.
  •  i beni acquisiti in leasing .

Il credito d'imposta ottenuto con l'agevolazione può essere usato dalla Società in compensazione con altri pagamenti nel modello unico F24

  • in tre quote annuali di pari importo
  • con codice tributo “6856” (Ris. Min. n. 96/E/2015).

Di seguito due esempi

investimenti beni strumentali nuovi 2010→ 40.000 euro

investimenti beni strumentali nuovi 2011→ 100.000 euro

investimenti beni strumentali nuovi 2012→ 5.000 euro

investimenti beni strumentali nuovi 2013→ 30.000 euro

investimenti beni strumentali nuovi 2014→ 50.000 euro

1. Agevolazione contando la media di tutti e 5 i periodi d'imposta precedenti

La media ponderata degli investimenti sarebbe pari a: (40.000+100.000+5.000+30.000+50.000) / 5 = 45.000 euro

Ipotizzando acqusito di macchinari nuovi rientranti nella categoria 28 del codice ateco acquistato nei primi mesi del 2015 (prima pertanto della scadenza del 30 giugno 2015) pari a 80.000 l'agevolazione è pari a:

80.000-45.000 = 35.000 euro per 15% = 5.250 euro di credito d'imposta

2. Agevolazione senza contare l'investimento più elevato nei 5 precedenti periodi d'imposta

Considerando gli stessi dati di prima, eliminando dalla media il periodo d'imposta con investimento più elevato, la media ponderata degli investimenti è pari a: (40.000+5.000+30.000+50.000) / 4 = 31.250 euro

Ipotizzando l'acqusito di macchinari nuovi rientranti nella categoria 28 del codice ateco 2007 acquistato nei primi mesi del 2015 (prima pertanto della scadenza del 30 giugno) pari a 80.000 l'agevolazione è pari a:

80.000- 31.250 =48.750 euro per 15% = 7. 312 euro di credito d'imposta

Tremonti Quater in UNICO SC 2016

Il credito d’imposta per investimenti in macchinari con le caratteristiche oggettive per beneficiare della Tremonti quater effettuati nel 2014, sono compensabili in F24 dal 01/01/2016, pertanto il valore del credito già esposto in Unico 2015 deve essere riportato integralmente nel modello UNICO SC 2016, in quanto non è stato possibile utilizzarlo in compensazione nel corso dell’esercizio 2015.
In particolare, la Società deve inserire:

  • nel rigo RU1, colonna 1→il codice A9
  • nei righi RU2 e RU12  → l’importo complessivo del credito.

Non perdere gli aggiornamenti, le novità, la normativa e le risposte alle domande presenti nel Dossier: Unico società di capitali 2016 e nel Dossier: Agevolazioni

Ti potrebbe interessare anche il Pacchetto dichiarativi 2016 una raccolta completa di Tools in excel utili per la compilazione delle Dichiarazioni dei redditi 2016 ad un prezzo speciale!
 

 



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE