Domanda e Risposta Pubblicato il 03/12/2019

Saldo TASI 2019: come suddividere il pagamento tra inquilini e proprietari

imu tasi tari residenti all'estero

Chi deve pagare la TASI tra inquilini e proprietari e nel caso di usufrutto, separazione legale, leasing? Riepilogo delle norme

Il 16 dicembre 2019 scade il termine per il versamento IMU TASI . Si ricorda brevemente che la TASI è l’imposta sui servizi indivisibili ed è destinata a finanziare i servizi che il Comune sostiene per la comunità, come ad esempio l’illuminazione pubblica. Tali servizi si chiamano indivisibili in quanto non è possibile stabilire chi tragga beneficio dal servizio offerto. Il presupposto della TASI è quindi la presenza e l'utilizzo nel territorio comunale di un fabbricato o di un’area fabbricabile, motivo per cui sono tassati sia i possessori che gli utilizzatori degli stessi. Una delle novità dal 2016 è l’eliminazione della Tasi sulle abitazioni principali non di lusso.

-Chi deve pagare la TASI in caso di affitto?-

Dal 2016, per versare correttamente l’importo della TASI nel caso in cui l’immobile sia dato in locazione o con altro diritto reale, è necessario distinguere le due ipotesi:

  1. Abitazione non di lusso adibita ad abitazione principale dell’inquilino: Nel caso in cui l’unità immobiliare sia un’abitazione compresa nelle categorie catastali da A/1 a A/10, ma non sia cd.di lusso (cioè non sia A/1, A/8, A/9) e sia occupata da un soggetto diverso dal proprietario che la destina a propria abitazione principale:
    • L’inquilino→ non paga la tasi
    • Il proprietario→ la paga secondo le percentuali stabilite nelle delibere comunali (in assenza è il 90%)
  2. Altri casi: In tutti gli altri casi che non siano compresi nell’agevolazione prevista per gli inquilini che adibiscono ad abitazione principale un immobile non di lusso, il presupposto della tasi è realizzato sia dall’inquilino che dal proprietario. Per questo motivo sono entrambi tenuti al pagamento dell’imposta in misura diversa e in maniera autonoma:
    • l'occupante verserà fra il 10% ed il 30% dell’ammontare complessivo della TASI nella misura stabilita dal Comune;
    • il possessore (titolare del diritto reale) verserà la differenza.

L'imposta va calcolata con riferimento alle condizioni del proprietario e poi ripartite fra i due. Se il Comune non indica il riparto tra proprietario ed inquilino, si segue la regola esposta nelle faq ministeriali del 03/06/2014: "L’occupante deve versare il tributo nella misura minima del 10%, in quanto si ritiene che una diversa percentuale di imposizione a carico del detentore debba essere espressamente deliberata dal comune stesso."

-Chi deve pagare la TASI in alcuni casi particolari:

  1. Nel caso di usufrutto→ il titolare della nuda proprietà non è soggetto al pagamento della Tasi e neppure dell'IMU. L'usufruttuario che vi abita invece paga TASI e IMU secondo le delibere comunali. L’art. 9 del D.Lgs 23/2011 specifica: “Soggetti passivi dell'imposta municipale propria sono (…)ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi.”
  2. In caso di concessione di aree demaniali→ soggetto passivo della TASI e' il concessionario
  3. In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 6 mesi nel corso dello stesso anno solare→ la TASI è dovuta soltanto dal possessore dei locali.
  4. In caso di leasing→ l’imposta è dovuta dal locatario dalla data di stipula del contratto e fino al verbale di riscatto/riconsegna del bene. L’art. 9 D.lgs 23/2011 specifica: per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo e' il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.
  5. In caso di abitazione principale locata solo parzialmente→ l’inquilino versa tra il 10% e il 30% secondo la delibera comunale, ma proporzionalmente alla porzione dell’abitazione locata.
  6. In caso di separazione l'unità immobiliare assegnata dal giudice ad uno dei coniugi→ tasi non è dovuta.

Ti potrebbe interessare il nostro Pacchetto IMU e TASI - IVIE e IVAFE 2019 (2 eBook + excel) contenente 2 eBook in pdf  e 1 file excel per il calcolo dell'IMU 2019 venduti anche singolarmente. Gratis puoi scaricare un fac-simile del contratto di comodato immobile con parenti in linea retta per la riduzione IMU

 

Consulta le nostre proposte in materia di Iva: E-book e fogli di calcolo  per aiutarti nella tua attività quotidiana




Prodotti per IMU-TASI-TARI (IUC) 2019 2020, Versamenti delle Imposte

 

GRATIS

 
4,90 € + IVA

Commenti

La TASI e' un balzello inventato di sana pianta dai mangiasoldi . Ecco perchè : Se si tratta di una tassa per le spese dell'illuminazione , della manutenzione del verde ect . qualcuno è capace di spiegarmi perchè l'inquilino deve pagare il 10% e il proprietario il rimanente 70% .? forse perchè il proprietario si pensa che sia più ricco dell'inquilino ? e se il proprietario è un pensionato al minimo e l'inquilino un dirigente d'Azienda ? I Signori mangiasoldi sono gentilmente pregati di illuminarmi , grazie !

Commento di ANTONIO (16:54 del 29/05/2017)

Signori mangiasoldi spiegatemi anche perchè il proprietario di casa residente per ipotesi a milano e da in locazione un alloggio a bologna deve pagare il 70% della TASI . Signori mangiasoldi rimango in attesa di Vostre cortesi spiegazioni . .

Commento di ANTONIO (17:50 del 29/05/2017)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)