IN PRIMO PIANO:

Domanda e Risposta Pubblicato il 21/04/2016

Spesometro 2016: quali sono le sanzioni e come ravvedersi?

Tempo di lettura: 2 minuti
96x128 ravvedimento nuovo

Se lo spesometro viene inviato con dati non corretti si applicano le sanzioni da 258,23 a 2065,83 ma è possibile effettuare il ravvedimento operoso

Commenta Stampa

Lo spesometro consiste nell'obbligo di comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti ai fini Iva (cioè le cessioni e gli acquisti di beni e le prestazioni di servizi rese e ricevute), ed è stato introdotto dal DL 78/2010, convertito con modifiche in legge dalla L.122/2010.

Per le operazioni relative all'anno 2015 lo spesometro deve essere inviato telematicamente entro il termine del 20 aprile 2016 (termine unico valido sia per i contribuenti che dichiarano l'iva mensilmente che trimestralmente). La presentazione del modello è obbligatoria, pertanto nel caso in cui i contribuenti:

  • non presentino il modello,
  • presentino il modello in ritardo;
  • presentino il modello con dati errati o incompleti,

si sottopongono al rischio di sanzioni per la violazione commessa. In particolare il regime sanzionatorio applicabile è quello previsto dall'articolo 21, comma 1 del decreto legge n. 78/2010 (convertito dalla Legge 122 del 30 luglio 2010), che prevede l’irrogazione della sanzione amministrativa prevista dall’articolo 11 del decreto legislativo n. 471/1997. Come chiarito circolare 24/E/2011 relativa allo spesometro : «L’omessa trasmissione della comunicazione, nonché l’invio della stessa con dati incompleti o non corrispondenti al vero, comporta l’applicazione della sanzione amministrativa da un minimo di 258 a un massimo di 2.065 euro».

Per ridurre l'importo della sanzione, scaduto il termine di presentazione del modello, si può presentare una comunicazione integrativa o rettificativa , regolarizzando la posizione del contribuente attraverso l'istituto del ravvedimento operoso(*), il cui utilizzo è stato incrementato dalla legge di stabilità 2015 e dalla Legge 158/2015. In termini generali, l'istituto del ravvedimento operoso, permette di regolarizzare la posizione del contribuente tramite il pagamento di:

  1. una sanzione ridotta,
    • calcolata in base ai giorni di ritardo;
    • da pagare con modello F24, indicando il codice tributo 8911
  2. interessi di mora :
    • calcolati in base ai giorni di ritardo
    • calcolati sul tasso legale (pari nel 2016 allo 0,2%)
    • da pagare congiuntamente alla sanzione.

(*) Occorre precisare che in merito alla possibilità di ravvedersi nel caso di omessa presentazione del modello, la dottrina non è unanime e si è in attesa di chiarimenti ufficiali.

Di seguito si propone una tabella di riepilogo che indica la riduzione della sanzione in base al termine.

Termine

Riduzione della sanzione

Entro 30 giorni

1/10 del minimo

Entro 90 giorni

1/9 del minimo

Entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione o entro un anno dall'errore

1/8 del minimo

Entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo rispetto a quella in cui è stata commessa la violazione o entro due anni dall'errore

1/7 del minimo

Oltre i due anni

1/6 del minimo

Dopo la consegna del Processo verbale di constatazione (PVC)

1/5 del minimo

Esempio: presentazione della dichiarazione il 2 maggio 2016:

sanzioni: 258 euro X(1/10) = 25, 80

interessi : 0,017 centesimi

totale sanzione: 25,81 euro.

Per il calcolo del Ravvedimento utilizza il nostro foglio di calcolo in excel Ravvedimento operoso 2016
 
Per approfondire tutte le ipotesi di ravvedimento scarica l'ebook sul Ravvedimento operoso 2016



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 palmina palmina - 14/03/2017
Buongiorno la sanzione minima dal 1/1/2016 non è di euro 250 ? Poi perché applicate gli interessi sulla sanzione? Cordiali saluti Mina
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 vania vania - 10/05/2016
mi sono accorta di aver registrato 2 fornitori con la partita iva cessata e non con quella nuova sia nel 2014 che nel 2015 cosa posso fare
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Margherita Margherita - 06/05/2016
Pagamento entro 90 giorni e sanzione ridotta ad 1/9 del minimo ossia 31,00 euro IMHO
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Francesco Francesco - 27/04/2016
Gent.mi... secondo me non riguarda il ritardato versamento di un tributo quindi si applicherebbe il ravvedimento di cui lett. b) quindi 1/8 del minimo pari a 32.00. I pareri sono discordi..
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Maria Pia Maria Pia - 23/05/2015
Nella compilazione del modello polivalente non mi sono accorta che mancavano due fornitori. come posso fare per integrare o meglio rettificare?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE