Domanda e Risposta Pubblicato il 19/06/2013

Reclamo e mediazione tributaria sono la stessa cosa?

L'istituto del reclamo con proposta di mediazione tributaria è stato introdotto dal DL 98/2011

L'istituto del reclamo e della mediazione tributaria è  uno strumento introdotto dall'art. 39, comma 9, del D.L. n. 98/2011 ) che tenta di ridurre i processi tributari con procedure più celeri e semplificate  per la soluzione del contenzioso tra Fisco e contribuente.
Nello specifico la norma ha inserito il nuovo art. 17-bis al D. Lgs. n. 546/92, denominato appunto "Il reclamo e la mediazione”.
La norma prevede l’obbligo di presentare un’“istanza di reclamo”   verso atti emessi dall’Agenzia delle Entrate, entro 60 gg. dalla data di notifica,  con cui si chiede l’annullamento totale o parziale dell’atto, sulla base degli stessi motivi che si porterebbero in  Commissione tributaria provinciale (CTP) nella eventuale successiva fase del ricorso vero e proprio. 
Da notare che senza tale  reclamo preliminare l'eventuale ricorso non è ammissibile.   Il contribuente può all'interno del reclamo inserire anche una proposta di mediazione con il Fisco.
L'istituto si applica al verificarsi di due condizioni:
per le controversie di valore non superiore ad € 20.000
• contro atti notificati a decorrere dal 1° aprile 2012. 

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)

Ti potrebbe essere utile la guida in pdf su come redigere correttamente un ricorso tributario nell’era del processo telematico, di recente pubblicazione, "Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario".

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)