La settimana del fisco dal 12 al 16.2.2018

di Dott. Ernesto Zamberlan 1 CommentoIn Parliamo di ..., Primo Piano, Settimana del Fisco

Amici e Colleghi, Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, iniziando dallo Split payment.

Split Payment: vale la data di inclusione negli elenchi
L’obbligo di applicazione del meccanismo di scissione dei pagamenti (split payment) scatta dalla data di inclusione dell’ente negli elenchi del Ministero dell’Economia. A chiarirlo il Dipartimento delle Finanze con un comunicato che ha chiarito agli elenchi è attribuita efficacia costitutiva e pertanto l’obbligo di applicare lo split scatta subito dopo la pubblicazione degli elenchi aggiornati.

Credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo: chiarimenti sul software
Con la Circolare MISE del 9 febbraio 2018 sono stati forniti chiarimenti in merito al credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo inerenti i software. In particolare, affinché un progetto per lo sviluppo di un software venga classificato come R&S, la sua esecuzione deve dipendere da un progresso scientifico e/o tecnologico e lo scopo del progetto deve essere la risoluzione di un problema scientifico o tecnologico su base sistematica.

INTRASTAT 2018: chiarimenti dalle Dogane
Pubblicata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la nuova determina n. 13799 sui modelli Intrastat. Il documento contiene le nuove istruzioni per l’uso e la compilazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari di beni e dei servizi resi e ricevuti e devono essere applicate agli elenchi aventi periodo di riferimento decorrenti dal 1° gennaio 2018.

Iper ammortamento 2018: interconnessione del bene
Uno degli argomenti trattati a Telefisco 2018 è stato quello del super/iper ammortamento, prorogato dalla Legge di Stabilità 2018 (L. 205/2017). In particolare è stato chiesto come agiva il beneficio nel caso il cui il bene acquisito in sostituzione non venisse interconnesso nello stesso periodo di imposta, ma in quello successivo. L’Agenzia delle Entrate chiarito che se la sostituzione o l’interconnessione avvengono nel periodo di imposta successivo a quello di realizzo del bene originario, non si potrà più fruire delle residue quote della maggiorazione del 150%.

 730/2018 precompilato: opposizione all’utilizzo delle spese, come fare
Si avvicina il termine dell’invio all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle spese per le rette di frequenza dell’asilo nido, alle erogazioni liberali, alle spese sanitarie e dei relativi rimborsi e alle spese universitarie, per la predisposizione della dichiarazione 730/2018 precompilata. Il contribuente che ha sostenuto tali spese può “opporsi” all’utilizzo delle informazioni da parte dell’Agenzia delle entrate, rifiutando l’inserimento dei dati nella propria dichiarazione precompilata, comunicando la propria volontà, utilizzando l’apposito modello entro un dato termine.

Canoni abbonamento speciale Rai: stessi importi per il 2018
Confermati anche per il 2018 gli importi dei canoni di abbonamento speciale per la detenzione di uno o più apparecchi adatti alla ricezione delle trasmissioni radio televisive in esercizi pubblici in locali aperti al pubblico o comunque fuori dall’ambito familiare o che li impiegano allo scopo di lucro diretto o indiretto. Lo stabilisce il decreto del 21 dicembre 2017 del ministero dello Sviluppo economico, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio scorso che individua gli importi, differenziati in base tipo di struttura presso cui sono collocati gli apparecchi.

 Concessioni raccolta scommesse: ecco il codice tributo F24 per la proroga
Istituito il codice tributo 5466 “Versamento delle somme per la proroga delle concessioni e della titolarità dei punti di raccolta regolarizzati”  con la Risoluzione 14/E del 9 febbraio 2018.La Legge di stabilità 2018 ha infatti disposto che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli attribuisca con gara le nuove concessioni. Le concessioni in essere sono così prorogate al 31 dicembre 2018 a fronte del versamento della somma annuale di euro

¨        6.000,00 per i punti vendita aventi come attività principale la commercializzazione dei prodotti di gioco pubblici,

¨        3.500,00 per i punti vendita aventi come attività accessoria la commercializzazione dei prodotti di gioco pubblici.

 Equipollenza formazione commercialisti e revisori: siglato l’accordo MEF- CNDCEC
Siglato il protocollo d’intesa tra MEF e CNDCEC per il riconoscimento dell’equipollenza della formazione assolta dagli iscritti negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ai fini dell’adempimento dell’obbligo formativo dei revisori legali (articolo 5 del D. Lgs 39/2010).

 Trattamento fine mandato amministratori: norma di comportamento
Con la norma di comportamento n. 201, l’AIDC (Associazione Italiana Dottori Commercialisti) ha indicato il corretto inquadramento del TFM. La massima esposta nel documento è che “La remissione del trattamento di fine mandato effettuata alla società dall’amministratore è assimilabile alla percezione dell’indennità solo nel caso in cui la corrispondente rinuncia al credito vantato gli attribuisca un vantaggio economico. In assenza di tale vantaggio, la remissione non comporta in capo all’amministratore il realizzo di alcun reddito imponibile. “

Soggetti autorizzati alla diffusione degli stampati fiscali: dati entro il 28.02
Come ogni anno i soggetti autorizzati alla diffusione degli stampati fiscali (rivenditori e tipografie autorizzate) devono comunicare all’Agenzia delle Entrate, entro il mese di febbraio, i dati riguardanti le riforniture degli stampati fiscali effettuate nell’anno precedente. L’invio va effettuato in via telematica.

Passando alla recente giurisprudenza segnaliamo la sentenza della Corte di Cassazione sulla prima casa (ordinanza 1588 del 23.01.2018). Si chiarisce che per non perdere i benefici “prima casa” è i sufficiente trasferire la residenza, entro il termine di legge di 18 mesi, nel Comune in cui l’immobile è ubicato e non necessariamente nell’abitazione acquistata.



Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Comments 1

  1. Buongiorno. Vorrei gentilmente un chiarimento in merito ad un mio presunto errore. Più precisamente non ho inserito il numero e la data di fattura per lavori di manutenzione straordinaria nella causale del bonifico specifico per detrazioni e vorrei sapere se si tratta di dati obbligatori o meno al fine di usufruire delle detrazioni.
    Grazie, cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *