HOME

/

PMI

/

AGRICOLTURA E PESCA 2023

/

AGRICOLTURA NOVITÀ 2024: COME CAMBIA LA TASSAZIONE IRPEF

Agricoltura novità 2024: come cambia la tassazione IRPEF

Agricoltura e Legge di Bilancio 2024: niente proroga agevolazione esonero pagamento IRPEF per i coltivatori diretti CD e gli imprenditori agricoli professionali IAP

Ascolta la versione audio dell'articolo

Brutta sorpresa per il settore dell’agricoltura: la legge di bilancio 2024 (l. 30.12.2024, n. 213) non ha prorogato l’agevolazione dell’esonero dal pagamento dell’IRPEF per i coltivatori diretti (CD) e gli imprenditori agricoli professionali (IAP).

Per approfondire consigliamo l'ebook: Iva e regime fiscale in agricoltura (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

1) Agricoltura: precedenti agevolazioni

La l. 11.12.2016, n. 232, con il comma 44, aveva disposto che per gli anni 2017, 2018 e 2019 non concorrevano a formare la base imponibile ai fini dell’IRPEF e delle addizionali regionale e comunale, i redditi dominicali e agrari dei terreni dichiarati da coltivatori diretti (CD) e IAP di cui all’art. 1 del d.lgs. 29.3.3004, n. 99, se iscritti alla previdenza agricola.

La norma era stata prorogata negli anni successivi e, da ultimo, anche nell’anno 2023 con l’art. 1, comma 80, della l. 29.12.2022, n. 197.

Il beneficio era escluso per i soci delle società in nome collettivo e delle società in accomandita semplice che avevano esercitato l’opzione prevista dall’art. 1, comma 1093, della l. 27.12.006, cioè “per la determinazione del reddito su base catastale in quanto il reddito che viene attribuito mantiene la sua natura di reddito d’impresa” (circolare 7.4.2017, n. 8/E). 

Invece, l’agevolazione poteva essere usufruita dalle società semplici le quali attribuivano ai soci persone fisiche, in base al criterio di trasparenza, i redditi fondiari a condizione che essi fossero in possesso della qualifica di CD o di IAP. 

Con l’art. 1, comma 705, della l. 30.12.2018, n. 145, il beneficio è stato esteso anche ai familiari coadiuvanti del coltivatore diretto appartenenti al medesimo nucleo familiare che sono iscritti nella gestione assistenziale e previdenziale agricola in qualità di coltivatori diretti. Più in particolare tale norma è più ampia poiché è affermato che questi familiari “beneficiano della disciplina fiscale propria dei titolari dell’impresa agricola al cui esercizio i predetti familiari partecipano attivamente”.

La norma interpretativa (art. 78-bis del d.l. 14.8.2020, n. 104) ha dichiarato che:

  • il comma 705 citato, si applica ai fini dell’IMU;
  • l’art. 9 del d.lgs. 18.5.2001, n. 228, si applica a favore dei soci di società di e persone esercenti attività agricole in possesso della qualifica di CD o di IAP relativamente alle agevolazioni creditizie e tributarie, compresi i tributi locali;
  • le norme in materia di IMU considerano CD e IAP “anche i pensionati che, continuando a svolgere l’attività agricola, mantengono l’iscrizione nella relativa gestione previdenziale e assistenziale”.
Per approfondimenti leggi l'ebook: Iva e regime fiscale in agricoltura (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

2) Agricoltura: fiscalità per l’anno 2024

Per l’anno 2024 (dichiarazione da presentare nel 2025) i redditi dominicali e agrari che risultano dagli atti catastali devono essere rivalutati, rispettivamente, dell’80% e del 70%, nonché il risultato ottenuto va incrementato del 30%. 

L’ulteriore rivalutazione non va effettuata per i terreni agricoli o non coltivati che sono posseduti e condotti da CD e da IAP iscritti alla previdenza agricola.

La rivalutazione dell’80% e del 70% non si applica per i terreni concessi in affitto per usi agricoli a giovani imprenditori che non hanno ancora compiuto i 40 anni

Nel caso di terreni non affittati, l’IMU sostituisce l’IRPEF e le relative addizionali sul reddito dominicale, mentre il reddito agrario è assoggettato alle imposte sui redditi. 

Per i terreni affittati sono dovute sia l’IMU sia l’IRPEF. 

Sono esenti dall’IMU i terreni che ricadono in aree montane, e o collinari secondo le circolari 14.6.1993, n. 9, e 14.7.2016, n. 4/DF.

L’assoggettamento all’IRPEF dei redditi dominicali e agrari, però, è attenuato dal riconoscimento (in precedenza non ammesso per assenza di base imponibile IRPEF):

a) della deduzione del reddito di:

  • canoni, livelli, censi e altri oneri che gravano sugli immobili;
  • contributi a consorzi obbligatori per legge o provvedimenti della pubblica amministrazione, esclusi i contributi agricoli unificati;
  • contributi previdenziali e assistenziali;

b) delle detrazioni dell’Irpef per:

  • interessi passivi su prestiti e mutui agrari, entro i limiti dei redditi dei terreni dichiarati;
  • oneri indicati all’art. 15 del d.p.r. 22.12.1986, n. 917;
  • carichi di famiglia;
  • interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica.
Per approfondimenti leggi l'ebook: Iva e regime fiscale in agricoltura (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

Fonte immagine: Foto di lumix2004 da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGRICOLTURA E PESCA 2023 · 26/02/2024 Corso Management dell'impresa Agricola – L’AGRIMANAGER

Come un corso può trasformare l’agricoltore in AGRIMANAGER DI SUCCESSO Di Fabrizio Santori, docente e responsabile del corso: al via il 22.03.2024 60 ore di formazione

Corso Management dell'impresa Agricola – L’AGRIMANAGER

Come un corso può trasformare l’agricoltore in AGRIMANAGER DI SUCCESSO Di Fabrizio Santori, docente e responsabile del corso: al via il 22.03.2024 60 ore di formazione

Esenzione irpef agricoltori: cosa prevede il Milleproroghe

Dopo l'accordo tra Ministero e Agricoltori sulla esenzione dall'irpef vediamo il contenuto della norma del Milleproghe atteso in GU

Agevolazioni per Agrivoltaico: gli incentivi in arrivo

Agevolazione per l'agrivoltaico: contributi in c/capitale e tariffa incentivante. Tutte le regole nel Decreto MASE

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.