HOME

/

FISCO

/

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA

/

INTERPELLO DISAPPLICATIVO. QUANDO PUÒ RITENERSI TARDIVO?

Interpello disapplicativo. Quando può ritenersi tardivo?

L’interpello può ritenersi tempestivo nel caso in cui sia formulato in tempo utile affinché il contribuente possa porre in essere il comportamento posto ad oggetto dell’istanza

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’interpello disapplicativo può ritenersi tempestivo ed ammissibile solo nel caso in cui è presentato in momento precedente all’eventuale adempimento del contribuente oggetto di interpello, in quanto diretto a “spendere” il convincimento dell’Ufficio al fine di orientare detto adempimento.

Cassazione tributaria - sentenza n.7462/2023 del 15.03.2023 (Presidente Lucio Luciotti, Cons. Rel. Filippo D'Aquino)

1) Fatti di causa

La società contribuente ha impugnato un provvedimento dell’Agenzia delle entrate, avente ad oggetto la declaratoria di inammissibilità di istanza di interpello disapplicativo a termini dell’art. 37-bis, comma 8, d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600.

La ricorrente deduceva che la disciplina dell’interpello disapplicativo non fosse sottoposta ad alcun termine finale ai fini dell’ammissibilità dello stesso, in quanto la preventività dell’interpello rispetto alla presentazione della dichiarazione operi unicamente in relazione all’interpello ordinario.

La contribuente osservava inoltre che, in ogni caso, l’istanza di interpello doveva ritenersi tempestiva, in quanto le perdite sarebbero state meramente indicate nella dichiarazione, ma sterilizzate riguardo al loro utilizzo, così a evidenziare una sorta di «stallo», riguardo al quale il comportamento del contribuente (in forza del mancato utilizzo nella dichiarazione 2010) dovrebbe ritenersi tempestivo in relazione alla presentazione dell’interpello.

L'Agenzia delle entrate, con motivo incidentale condizionato, ha sostenuto che la sentenza impugnata è errata dove ha ritenuto ammissibile l’impugnazione avverso la declaratoria di inammissibilità dell’interpello disapplicativo, trattandosi di atto meramente interlocutorio, privo di incidenza sulla posizione del contribuente.

2) Motivi della decisione

La Cassazione con la citata sentenza chiarisce che l’interpello disapplicativo, al pari dell’interpello ordinario, ha lo scopo di far conoscere al contribuente la risposta dell’Ufficio, positiva o negativa, circa la non applicabilità di una disposizione antielusiva.

Trattandosi di comportamento diretto all’utilizzo del convincimento dell’Ufficio in relazione all’oggetto dell’interpello, deve necessariamente essere precedente all’adozione del comportamento oggetto dell'istanza del contribuente.

Per tale ragione, l’interpello può ritenersi tempestivo nel caso in cui sia formulato in tempo utile affinché il contribuente possa porre in essere il comportamento posto ad oggetto dell’istanza (Cass., Sez. V, 22 gennaio 2020, n. 1317, citata dal ricorrente in memoria) e non anche successivamente.

La Corte ha precisato che la presentazione dell’interpello, anche un giorno prima della scadenza del termine per la presentazione della dichiarazione e/o della dichiarazione integrativa, deve ritenersi tempestivo, in quanto precedente ad eventuali successivi adempimenti («la presentazione dell'interpello in tempo utile risponde, quindi, anche ad un interesse del contribuente, e non solo dell'amministrazione»).

Nel caso di cui alla citata sentenza, essendo l’interpello successivo alla stessa dichiarazione integrativa della società contribuente, l’istanza del contribuente deve ritenersi proposta non in tempo utile per l’emissione da parte dell’Ufficio di una risposta idonea a orientare il comportamento del contribuente.

La Corte concorda inoltre con il giudice d’appello, secondo cui l’indiscriminata proponibilità di interpelli che prescindano dalla possibilità di sindacare i relativi pronunciamenti dell’Amministrazione finanziaria e, quindi, che siano finalizzati a far conoscere astrattamente al contribuente gli intendimenti dell’Ufficio, anche a prescindere dagli obblighi dichiarativi, comporterebbe l’ammissibilità di una azione di accertamento nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, non prevista dalla struttura del processo tributario.

Fonte immagine: Peggy und Marco Lachmann-Anke da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA · 06/05/2024 Superbonus e abuso del diritto, un caso pratico

Presunta frode Superbonus. Operazioni lecite ma finalizzate ad ottenere un vantaggio fiscale indebito: come agisce la Guardia di Finanza

Superbonus e abuso del diritto, un caso pratico

Presunta frode Superbonus. Operazioni lecite ma finalizzate ad ottenere un vantaggio fiscale indebito: come agisce la Guardia di Finanza

Controlli e verifiche fiscali

Attività di controllo nel sistema fiscale italiano a carico dell'agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza come Polizia Giudiziaria.

Contraddittorio preventivo: ultime novita' e rinvii

Il contraddittorio preventivo attende l'emanazione di un decreto e gli Uffici nell'attesa sono autorizzati a rinviarne l'applicazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.