HOME

/

FISCO

/

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022

/

RIFORMA DEL PROCESSO TRIBUTARIO: LE NOVITÀ NELLA BOZZA APPROVATA

Riforma del processo tributario: le novità nella bozza approvata

Il Governo ha approvato la bozza di riforma tributaria: vediamo la seconda parte della trattazione in sintesi delle novità in arrivo

Il Consiglio dei Ministri, il 17.5.2022, ha approvato la bozza di riforma del processo tributario, unitamente alla revisione dei diritti dovuti per il contributo unificato tributario.

Come prima parte della trattazione delle novità sul processo tributario ti consigliamo di leggereRiforma del processo tributario: le novità nella bozza approvata.

Nel presente articolo invece verranno approfonditi i seguenti argomenti:

  • il rinvio pregiudiziale
  • il contributo unificato tributario
  • l’istanza di trattazione e l’estinzione del processo
  • la norma transitoria per ricorsi per cassazione

1) Riforma del processo tributario: il rinvio pregiudiziale

In base al nuovo art. 62-ter, la Commissione tributaria, con ordinanza, può disporre il rinvio pregiudiziale degli atti alla Corte di cassazione per la risoluzione di una questione di diritto idonea alla definizione anche parziale della controversia.

La noma ha lo scopo di aumentare il principio di certezza del diritto mediante l’esercizio preventivo della funzione nomofilattica della Corte di cassazione. 

La procedura può avere per oggetto soltanto questioni di diritto nei seguenti casi:

  1. se la questione di diritto è nuova o non è già stata trattata in precedenza dalla Corte di cassazione;
  2. se la questione è esclusivamente di diritto e di particolare rilevanza per l’oggetto o per la materia;
  3. se la questione presenta particolari difficoltà interpretative e vi  siano pronunce contrastanti delle Commissioni tributarie provinciali o regionali:
  4. se la questione, per l’oggetto o per la materia è suscettibile di presentarsi o si sia presentata in numerose controversie dinanzi al giudice di merito.

Qualora il giudice ritenga di disporre il rinvio si apre un contraddittorio: alle parti è assegnato un termine non superiore a 40 giorni per depositare memorie contenenti osservazioni sulla questione di diritto.

Con l’ordinanza è disposta la sospensione del processo fino alla decisione della Corte di cassazione.

Ricevuta l’ordinanza di rinvio il primo presidente delle Corte può dichiarare:

  • l’inammissibilità, se mancano una o più delle condizioni suddette;
  • l’ammissibilità e disporre la trattazione dinanzi alle sezioni unite in pubblica udienza.

Il principio di diritto enunciato è vincolante per il giudice nel procedimento interessato e conserva il suo effetto anche nel processo che sia instaurato con la riproposizione della domanda.

Ti potrebbero essere gli ebook:

2) Riforma del processo tributario: l’istanza di trattazione e l’estinzione del processo

Ai sensi del nuovo art. 62-quater, entro tre anni dalla data del deposito del ricorso avanti la Corte di cassazione di cui all’art. 62, il ricorrente ha l’obbligo di presentare l’istanza di trattazione, sottoscritta dalla parte che ha rilasciato la procura speciale e dal difensore. In assenza dell’istanza, ai sensi dell’art. 391, primo e secondo comma, c.p.c., è dichiarata l’estinzione del processo.

L’Istanza di trattazione può essere presentata dalla parte di cui all’art. 370 c.p.c. che ha proposto il ricorso incidentale di cui al successivo art. 371.

L’estinzione, che opera di diritto, può essere rilevata anche d’ufficio.

Non si applica l’art. 391, secondo comma, c.p.c. per cui l’estinzione non comporta la condanna della parte che ha dato causa alle spese, nonché il successivo quarto comma secondo cui l’esonero è previsto se alla rinuncia hanno aderito le altre parti personalmente o i loro avvocati con mandato speciale.

Non si applica l’art. 13, comma 1-quater, del d.p.r. 30.5.2002, n. 115, secondo cui se l’impugnazione, anche incidentale è respinta integralmente o è dichiarata inammissibile o improcedibile, la parte che l’ha proposta è tenuta a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

Ti potrebbero essere gli ebook:

3) Riforma del processo tributario: il contributo unificato tributario

Viene elevato l’importo del contributo unificato tributario per i ricorsi avanti le Commissioni tributarie come segue:

Valore della controversia 
  attuale importo
                                       nuovo importo
fino a € 2.582, 28    
3040
oltre e fino a € 5.000  
6080
oltre e fino a € 25.000    
120160
oltre e fino a € 75.000      
250333
oltre e fino a 200.000      
500667
oltre  € 200.000    
1.500-
oltre e fino a € 1.000.000          
-2.000
oltre € 1.000.000
-4.000
valore indeterminabile
120160

difensore che omette il numero di fax e l’indirizzo PEC; parte che omette di indicare nel corso il codice fiscale

importo aumentato del 50%importo aumentato del 50%

impugnazione, anche accidentale     respinta integralmente o dichiarazione inammissibile o improcedibile

-ulteriore importo pari a quello pagato

Le entrate riscosse concorrono a formare il trattamento economico dei giudici tributari.

Oltre all’aumento degli importi e alla previsione di due fasce di importo del valore superiore a € 200.000, va segnalato che se l’impugnazione, anche incidentale, è respinta integralmente o è dichiarata inammissibile o improcedibile, la parte che l’ha proposta è tenuta a versare un’ulteriore importo, sempre a tiolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale (art. 16, comma 6-quater, del d.p.r. 30.5.2002, n. 115).

Ti potrebbero essere gli ebook:

4) Riforma del processo tributario: la norma transitoria per ricorsi per cassazione

Le controversie che avanti la Corte di cassazione sono pendenti da oltre tre anni alla data di entrata in vigore della legge devono essere oggetto di istanza di trattazione entro 60 giorni dalla medesima data.

Qualora anteriormente sia stato comunicato l’avvio di fissazione dell’udienza di cui all’art. 377 c.p.c., l’estinzione del processo è dichiarata se chi ha proposto il ricorso, ai sensi degli artt. 369 e 371 c.p.c., non dichiara, a mezzo del proprio difensore, ad avere interesse alla decisione. La manifestazione di interesse alla decisione può avvenire fino all’udienza per il processo tenuta entro il 31.12. 2022; invece negli altri casi deve essere effettuata con deposito in cancelleria entro il termine perentorio di 60 giorni prima dell’udienza.

Ti potrebbero essere gli ebook:

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022 · 07/06/2022 Società liquidata: il fisco può rifarsi sui soci anche in assenza di piano di riparto

La mancanza del piano di riparto non costituisce condizione sufficiente per superare la pretesa del fisco, che potrà rifarsi direttamente sui soci

Società liquidata: il fisco può rifarsi sui soci anche in assenza di piano di riparto

La mancanza del piano di riparto non costituisce condizione sufficiente per superare la pretesa del fisco, che potrà rifarsi direttamente sui soci

La riforma del processo tributario rende più difficile la difesa personale

Processo tributario: il giudice monocratico per snellire le procedure: approfondimenti

Contenzioso tributario: la difficile difesa personale del contribuente

La scelta della difesa personale nel contenzioso tributario: condizioni per attuarla

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.