HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

LA RENDICONTAZIONE NON FINANZIARIA ALLA REDDE RATIONEM

La rendicontazione non finanziaria alla redde rationem

Il punto su gli standard internazionali, condivisi e comparabili, per addivenire a linguaggi e parametri di valutazione comuni in tema rendicontazione di sostenibilità

Al termine della 26° riunione della conferenza delle parti della convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), i leader mondiali si sono lasciati con l’obiettivo di addivenire alla predisposizione di standard internazionali, condivisi e comparabili, che consentano ai mercati dei capitali di utilizzare linguaggi e parametri di valutazione comuni in tema di sostenibilità. 

Alla crescente domanda di uniformità sta fornendo risposte il nuovo International Sustainability Standards Board (ISSB) istituito durante COP26 e preannunciato il 3 novembre 2021 da IFRS Foundation (IFRS) - ente noto per gli IFRS Accounting Standards sviluppati dall'International Accounting Standards Board (IASB) - e che, da quest’anno, si sta arricchendo degli IFRS Sustainability Disclosure Standards, a loro volta sviluppati da ISSB. 

Ti potrebbe interessare l'ebook: Rendicontazione non finanziaria e modello di business sostenibile delle PMI


1) In arrivo i nuovi Standard entro il 31 dicembre 2022

ISSB e IASB collaborano al fine di poter assicurare connettività e comparabilità tra i rispettivi standard con l’obiettivo di rendere integrata e complessiva la rendicontazione d’impresa per sviluppare una global baseline completa di informazioni sulla sostenibilità, progettata per soddisfare le esigenze informative degli investitori nella valutazione del valore dell’impresa. 

ISSB sta lavorando a stretto contatto con altre organizzazioni e giurisdizioni internazionali per supportare l'inclusione di tale global baseline nelle prerogative giurisdizionali e, a fine marzo u.s. è stata avviata una consultazione pubblica sulle prime due bozze degli standards: la prima definisce i requisiti di informativa generali relativi alla sostenibilità (General Sustainability-related Disclosure Requirements) mentre la seconda specifica i requisiti di informativa relativi al clima (Climate-related Disclosure Requirements). 

Il periodo di consultazione terminerà a fine luglio 2022 e, successivamente, ISSB elaborerà le risposte ricevute con l’obiettivo di pubblicare i nuovi Standard entro la fine dell’anno in corso.

Ti potrebbe interessare l'ebook: Rendicontazione non finanziaria e modello di business sostenibile delle PMI

Le proposte di ISSB si fondano sul contributo di numerosi enti tra cui: Climate Disclosure Standards Board (CDSB), Value Reporting Foundation (VRF che è composto da Integrated Reporting [IIRC] e Sustainability Accounting Standards Board [SASB]), Task Force on climate-related financial disclosure (TCFD) e World Economic Forum (WEF). 

Tale collaborazione si sta evolvendo verso un significativo accorpamento tra gli enti più autorevoli sulla sostenibilità d’impresa e, in particolare, sulla rendicontazione non finanziaria; CDSB, infatti, da gennaio è entrato a far parte di IFRS a cui si aggiungerà VRF entro giugno 2022.

Global Reporting Initiativa (GRI) sta mantenendo una posizione autonoma ma da tempo ha iniziato a dialogare fattivamente con SASB e, il 24 marzo u.s., ha annunciato un accordo di collaborazione con IFRS per coordinare i programmi di lavoro e di definizione degli standard da parte dei rispettivi standard setting board: Global Sustainability Standards Board (GSSB, del GRI) e ISSB.  

IFRS e GRI continueranno a essere due “pilastri” della rendicontazione internazionale di sostenibilità, rispettivamente uno per il mercato dei capitali incentrati sugli investitori e l’altro sui requisiti di rendicontazione della sostenibilità mentre, a livello unionale, si sta lavorando per giungere alla definizione di standard in materia di rendicontazione sulla sostenibilità (European Sustainability Reporting Standards - ESRS) sfruttando l’importante sinergia tra GRI ed European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG).

Il tutto al fine di poter rispondere al meglio agli obblighi che saranno più pervasivi per le imprese e, i menzionati cambiamenti, avranno impatti rilevanti per le imprese ma anche per i professionisti impegnati nella rendicontazione economica e non finanziaria.


La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 29/06/2022 ETS: agevolazioni fiscali per tutti gli iscritti al RUNTS

Il DL Semplificazioni fisco chiarisce i dubbi sulle agevolazioni fiscali spettanti agli iscritti al RUNTS

ETS: agevolazioni fiscali per tutti gli iscritti al RUNTS

Il DL Semplificazioni fisco chiarisce i dubbi sulle agevolazioni fiscali spettanti agli iscritti al RUNTS

Obblighi trasparenza erogazioni pubbliche: entro il 30 giugno le comunicazioni

Le associazioni e le imprese devo inviare le comunicazioni per adempiere agli obblighi di trasparenza delle erogazioni ricevute entro il 30 giugno. Sanzioni dal 1 gennaio 2023

Enti del Terzo settore: le linee guida su come gestire la raccolta fondi

Ecco le regole del Ministero del lavoro per la raccolta fondi degli ETS Enti del terzo settore pubbliche e private

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.