HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

IMPRESE SOCIALI: CHIARIMENTI IN MATERIA DI DEVOLUZIONE DEL PATRIMONIO

Imprese sociali: chiarimenti in materia di devoluzione del patrimonio

Modalità di comunicazione della devoluzione del patrimonio a seguito di scioglimento volontario o rinuncia alla qualifica di impresa sociale

Con comunicato del 13 aprile 2022 reperibile sul proprio sito internet, il Ministero del lavoro fornisce informazioni in merito alla modalità di comunicazione della devoluzione di patrimonio ai sensi dell’art. 12, comma 5 del D Lgs 3 luglio 2017 n 112 e dell’art. 6 del DM 27 aprile 2018 n 50 a seguito di scioglimento volontario dell’ente o di rinuncia volontaria alla qualifica di impresa sociale. 

In tale ipotesi è onere dell’organo di amministrazione dell’impresa sociale dare comunicazione al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, trasmettendo all’indirizzo di posta elettronica certificata:

la documentazione prevista dall’art. 6 del D.m. 27 aprile 2018, n. 50. 

Nello specifico occorre trasmettere:

  • la comunicazione di perdita della qualifica, con atto scritto avente data certa (ovvero tramite un atto scritto la cui data di sottoscrizione è attestata da un notaio o da un pubblico ufficiale o con le altre modalità consentite dalla legge, ex art. 1, co. 3 D.m. n. 50/2018). L’intervento del notaio/del pubblico ufficiale può essere sostituito dalla comunicazione firmata digitalmente e provvista di marca temporale. Inoltre, la comunicazione deve indicare:
    • a) l’ammontare del patrimonio da devolvere, con informazioni circa le modalità di quantificazione e la data di determinazione dello stesso; 
    • b) i dati identificativi dell’ente che devolve e dell’ente beneficiario della devoluzione; 
    • c) nel caso in cui il beneficiario sia un’impresa sociale, la data dell’iscrizione nell’apposita sezione del Registro Imprese; nel caso in cui il beneficiario sia un ente del Terzo settore, gli estremi dell’iscrizione nel RUNTS o, se questa non è stata ancora perfezionata, in uno dei registri del Terzo settore previsti dalla normativa preesistente: registri delle APS, delle OdV, anagrafe delle Onlus. Al riguardo, si ricorda che il beneficiario ente del Terzo settore deve essere costituito e operante come tale da almeno tre anni; i periodi di iscrizione continuativi nei registri preesistenti possono essere sommati ai periodi di iscrizione al RUNTS.
  • il verbale dell’assemblea o di altro organo statutariamente competente, contenente: a) la decisione di rinunciare alla qualifica; b) il parere dell’organo di controllo interno che, ai sensi dell’art. 10 del D. Lgs n. 112/2017, vigila sull’osservanza della legge e dello statuto;
  • copia conforme dell’atto costitutivo e statuto del beneficiario (se non disponibile tramite il RUNTS e/o il Registro Imprese);
  • dichiarazione di accettazione della devoluzione da parte del beneficiario (a firma del rappresentante legale dell’ente beneficiario).

Non è necessario allegare lo statuto dell’ente che devolve se lo stesso è consultabile dall’Amministrazione tramite il Registro Imprese.

I documenti sottoscritti dal rappresentante legale del devolvente e del beneficiario dovranno:

  • essere firmati digitalmente 
  • o, se firmati in via analogica, accompagnati da copia del documento di identità del sottoscrivente.


Ti consigliamo l'e-book:

1) Comunicazione in assenza di patrimonio da devolvere

Nel caso in cui lo scioglimento volontario dell’ente o la rinuncia volontaria alla qualifica di impresa sociale siano accompagnati da una situazione di patrimonio residuo negativo o nullo, la comunicazione, redatta, sottoscritta e inviata dall’organo di amministrazione dell’impresa sociale al Ministero del lavoro e delle politiche sociali con le medesime modalità di cui all’ipotesi precedente, dovrà specificare che il patrimonio residuo è negativo o nullo.

Alla comunicazione dovrà essere allegato il verbale dell’assemblea o di altro organo statutariamente competente, contente la decisione di rinunciare alla qualifica e il parere dell’organo di controllo interno, che ai sensi dell’art. 10 del d. lgs n. 112/2017, vigila sull’osservanza della legge e dello statuto. 

Nella delibera deve essere espressamente menzionata l’assenza di patrimonio da devolvere.

Come per il caso precedente, non è necessario allegare lo statuto dell’ente che intende rinunciare alla qualifica se lo stesso è consultabile dall’Amministrazione tramite il Registro Imprese. 

I documenti sottoscritti dal rappresentante legale dovranno essere firmati digitalmente o, se firmati analogicamente, accompagnati da copia del documento di identità del sottoscrivente.

Ti consigliamo Impresa Sociale 2022: profili civilistici e fiscali

2) Ipotesi di devoluzione del patrimonio a un ETS in trasmigrazione

Con Nota n. 6137 dell’8 aprile 2022 il Ministero del lavoro fornisce chiarimenti in merito al caso di una Impresa sociale in forma di s.r.l., in scioglimento volontario, intenzionata a devolvere il proprio patrimonio residuo a favore di una APS in trasmigrazione al RUNTS.

La nota ministeriale richiama il dato normativo (art. 12 D.lgs. n. 112/2017) in base al quale risultano beneficiari della devoluzione del patrimonio residuo delle imprese sociali gli ETS costituiti ed operanti da almeno 3 anni; inoltre, fino alla piena operatività del RUNTS (art. 101, commi 2 e 3, D.lgs. n. 117/2017) sono considerati Enti di terzo settore a tutti gli effetti di legge quelli regolarmente iscritti negli specifici registri di settore, tra cui dunque rientrano anche le APS. 

Il RUNTS è attivo dal 23 novembre 2021 e andrà a sostituire, come noto, i registri delle ODV, delle APS e l’Anagrafe delle ONLUS; di conseguenza, a partire da tale data le amministrazioni che gestivano i registri APS hanno avviato la trasmigrazione al sistema informativo del RUNTS dei dati degli enti già iscritti.

Ai sensi dell’art. 54 CTS, successivamente alla trasmigrazione dei dati, si prevede la verifica dei requisiti per l’iscrizione a cura dei competenti Uffici del RUNTS e, nelle more di tale fase, gli enti iscritti nei citati registri di settore (APS, ONLUS, ODV) continuano a beneficiare dei diritti derivanti dalla rispettiva qualifica.

Nel caso di specie, solo in teoria l’ente beneficiario potrebbe risultare idoneo a soddisfare i requisiti richiesti dalla disciplina in tema di devoluzione di cui al d.lgs. n. 112/2017. 

Infatti, sia la delibera di individuazione del beneficiario, sia l’atto di accettazione dei beni oggetto di devoluzione sono condizionati al permanere in capo al beneficiario della qualifica di Ente di Terzo settore, pena l’elusione della normativa in materia.

Il beneficiario, in altri termini, non può essere certo dell’esito positivo della trasmigrazione e, quindi, del mantenimento della qualifica. 

Sarebbe opportuno che il devolvente condizionasse la devoluzione all’impegno da parte dell’associazione in trasmigrazione di accantonare i proventi della devoluzione rinviandone altresì l’utilizzo, per lo svolgimento delle attività di interesse generale previste dal proprio Statuto, al momento del perfezionamento della propria iscrizione al RUNTS; in caso contrario il beneficiario dovrebbe impegnarsi a   versare le risorse alla Fondazione Italia Sociale in caso di esito negativo del procedimento.

Ti consigliamo Impresa Sociale 2022: profili civilistici e fiscali

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 30/06/2022 ETS: le linee guida sulla raccolta fondi del terzo settore

Ecco le regole del Ministero del lavoro per la raccolta fondi degli ETS Enti del terzo settore pubbliche e private. Ecco il fac-simile di un rendiconto di raccolta fondi

ETS: le linee guida sulla raccolta fondi del terzo settore

Ecco le regole del Ministero del lavoro per la raccolta fondi degli ETS Enti del terzo settore pubbliche e private. Ecco il fac-simile di un rendiconto di raccolta fondi

ETS: agevolazioni fiscali per tutti gli iscritti al RUNTS

Il DL Semplificazioni fisco chiarisce i dubbi sulle agevolazioni fiscali spettanti agli iscritti al RUNTS

Obblighi trasparenza erogazioni pubbliche: entro il 30 giugno le comunicazioni

Le associazioni e le imprese devo inviare le comunicazioni per adempiere agli obblighi di trasparenza delle erogazioni ricevute entro il 30 giugno. Sanzioni dal 1 gennaio 2023

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.