HOME

/

CONTABILITÀ

/

NUOVI PRINCIPI CONTABILI OIC

/

RICAVI: NUOVE REGOLE DAI BILANCI 2023

Ricavi: nuove regole dai bilanci 2023

Nuovo principio in consultazione per la contabilizzazione dei ricavi

Il principio contabile 34 in bozza, per la rilevazione dei ricavi di cui alla voce A.1 del Conto economico prevede le seguenti fasi:

  • Identificazione del contratto; 
  • Identificazione delle obbligazioni;
  • Determinazione del prezzo della transazione;
  • Allocazione del prezzo alle obbligazioni;
  • Iscrizione del ricavo.

In quest’articolo ci soffermeremo sulla determinazione del prezzo della transazione. 

1) Il prezzo stabilito nel contratto

Il prezzo stabilito nel contratto può essere a importi fissi, variabili o entrambi.

Per la determinazione del prezzo, l’impresa dovrà considerare l’eventualità che si presentino le seguenti ipotesi;

  • Il corrispettivo variabile (par. da 15 a 16): il corrispettivo è variabile quando stimato, riguardo a elementi aggiuntivi quali, ad esempio, sconti, rimborsi, concessioni su prezzo, incentivi, premi di rendimento, penalità. 

I corrispettivi aggiuntivi (ad esempio incentivi e premi risultati) sono inclusi nel prezzo complessivo del contratto di vendita solo nel momento in cui divengono ragionevolmente certi. Se il corrispettivo aggiuntivo dipende dalla performance del cliente o dall’andamento d’indici di mercato, allora il criterio della ragionevole certezza non è soddisfatto finché tali elementi non si sono verificati. 

Sconti, abbuoni, penalità e resi sono da contabilizzarsi in riduzione dei ricavi tenendo conto dell’esperienza storica e/o di elaborazioni statistiche. Per stimare tale importo, la società può utilizzare uno dei metodi seguenti, scegliendo quello che secondo le sue attese consente di prevedere meglio l'importo del corrispettivo variabile: 

  1.  media ponderata dei possibili importi del corrispettivo. Tale metodo si applica quando la società prevede che possano realizzarsi più di due scenari (ad esempio, una penale che varia in funzione del numero di giorni di ritardo);
  2. l'importo più probabile, quando il contratto ha soltanto due risultati possibili (ad esempio, il contratto prevede una penale d’importo fisso in caso di ritardata consegna.)

 

Il ricavo rilevato a conto economico è ridotto per effetto della stima di quanto la società ritiene probabile di dover riconoscere al cliente come forma di rimborso.

In contropartita la società iscrive una passività classificata tra i fondi oneri. La contabilizzazione del reso comporta anche il ripristino del costo del bene venduto che la società prevede di ricevere. L’ammontare di tale costo è iscritto in una voce separata tra le attività dell’attivo circolante al valore contabile originario cui era iscritto a magazzino.

Le società che redigono il bilancio in forma abbreviata ai sensi dell’art.2435-bis del codice civile possono iscrivere in riduzione dei ricavi un fondo oneri per un importo pari alla differenza tra l’importo che si prevede di rimborsare al cliente e il costo del bene venduto che si prevede di ricevere. Tale modello semplificato è una politica contabile che, se adottata, deve essere applicata a tutte le vendite con diritto di reso.

2) Esempio tratto dal principio contabile in consultazione


Una società che produce beni, vende a un cliente 100 unità del prodotto A, 150 del prodotto B e 70 del prodotto C a un prezzo unitario rispettivamente di 43 euro, 51 euro e 65 euro.

Il costo unitario del prodotto A è di 30 euro, del prodotto B di 40 euro e del prodotto C è di 50 euro.

Al fine di incrementare gli ordini da parte del cliente, la società concede allo stesso la possibilità di restituire i beni entro 120 giorni dall’acquisto e di ricevere l’importo totale pagato.

 La società, dapprima, procede con l’analisi contrattuale al fine di identificare le singole parti.

Nel caso specifico s’individuano tre diverse unità elementari di contabilizzazione che si riferiscono alla fornitura dei beni.

Pertanto il relativo ricavo è rilevato quando avviene il sostanziale trasferimento dei rischi e dei benefici.

Alla data di chiusura del bilancio la società fa una valutazione circa il trasferimento dei rischi e dei benefici.  

Nello specifico, reputa che i benefici siano stati completamente trasferiti, perché il cliente può decidere l’uso dei beni autonomamente già al momento della consegna.

Procede così a una valutazione di tale rischio e reputa che storicamente i clienti hanno restituito il 5% dei prodotti venduti con codice A e il 10% degli altri prodotti. Tale valutazione si riferisce a tutte le tipologie di prodotto.

PRODOTTOCOSTO MAGAZZINOQUANTITÀPREZZO VENDITARICAVOVALORE RESOVALORE ATTIVITÀ
A70,00 €500100,00 €50.000 €2.500 €1.750 €
B30,00 €10043,00 €4.300 €430 €300 €
C40,00 €15051,00 €7.650 €765 €600 €
TOTALE


61.950 €3.695 €2.650 €

Pertanto la società iscrive un ricavo da vendite pari a euro 61.950 e un fondo oneri pari all’ammontare che prevede, dovrà restituire al cliente (importo di euro 3.695) in contropartita del ricavo.

Di seguito si riportano le scritture:

Al momento della vendita


Dare Avere
A) 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni  
  61.950
C) IV Disponibilità liquide                      61.950

                                                                                                                                                                        


Dare Avere
A) 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni   3.695
B) Fondo per Rischi e Oneri  
3.695

                                                                                                        

Inoltre, il costo del bene che sarà oggetto di reso è iscritto tra le attività dell’attivo circolante al valore contabile originario cui era iscritto a magazzino (importo di euro 2.650) in contropartita della variazione di magazzino.

Inoltre, il costo del bene che sarà oggetto di reso è iscritto tra le attività dell’attivo circolante al valore contabile originario cui era iscritto a magazzino (importo di euro 2.650) in contropartita della variazione di magazzino.


DareAvere
C) I 4) Rimanenze prodotti finiti e merci2.650
A) 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti
2.650

3) Bilancio in forma abbreviata

La società che si avvale della semplificazione, prevista nel bilancio in forma abbreviata e micro-imprese, iscrive in riduzione dei ricavi un fondo oneri per un importo pari alla differenza tra l’importo che si prevede di rimborsare al cliente (euro 3.695) e il costo del bene venduto che si prevede di ricevere (euro 2.650.)

Le scritture contabili sono le seguenti:

Al momento della vendita


DareAvere
A) 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni

61.950
C) IV Disponibilità liquide
61.950
A) 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni  
1.045

B) Fondo per Rischi e Oneri

 1.045

                                                                                                                                                                    

Dall’esame dell’esempio si evince che l’impresa dovrà già in sede di prima iscrizione del ricavo determinare quantitativamente il ricavo “stimato” per poi aggiornare tale valutazione passato il periodo in cui può essere fatto il reso. Ciò significa, nell’esempio, verificare se nel corso dei 120 giorni sono stati fatti resi. Laddove non siano effettuati resi, l’impresa al termine del periodo in cui è possibile fare i resi, elimina il “Fondo per rischi e oneri” iscrivendo il ricavo. Laddove siano effettuati tutti i resi, elimina le suddette passività contestualmente al rimborso. Nel caso in cui siano fatti solo parte dei possibili rimborsi, l’impresa si comporta in linea con quanto indicato in precedenza con riferimento alla contabilizzazione delle singole casistiche.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVI PRINCIPI CONTABILI OIC · 23/06/2022 Società coop: i ristorni e il bilancio 2023

Il bilancio delle società cooperative dal 1 gennaio 2023: i ristorni e la prevalenza della mutualità alla luce degli emendamenti dell'OIC di giugno 2022

Società coop: i ristorni e il bilancio 2023

Il bilancio delle società cooperative dal 1 gennaio 2023: i ristorni e la prevalenza della mutualità alla luce degli emendamenti dell'OIC di giugno 2022

Fondo rischi: gli eventi successivi alla chiusura dell'esercizio

L'utilizzo del fondo rischi nel bilancio d'impresa: aspetti contabili ed eventi successivi alla chiusura dell'esercizio

Holding finanziarie: schema di bilancio 2021

Schema di bilancio delle holding finanziarie e gli emendamenti ai principi contabili (pubblicati a Maggio 2022): effetti sui bilanci 2021 ed incertezze

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.