HOME

/

DIRITTO

/

AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

/

VALUTAZIONE D’ADEGUATEZZA E DEL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

Valutazione d’adeguatezza e del funzionamento del sistema di controllo interno

Sistema di controllo interno (SCI) , ruoli e responsabilità degli organi societari e verbali del collegio sindacale.

Il Collegio sindacale nell’ambito della vigilanza sull’ adeguatezza dell’assetto organizzativo, presta particolare attenzione al sistema di controllo interno (SCI)  [1]  , quando adottato, in conformità a quanto previsto nella Norma 3.6. delle “Norme di comportamento del Collegio sindacale di società non quotate”, emanate dal CNDCEC e vigenti dal 1° gennaio 2021.

Il principio di revisione internazionale ISA Italia n. 365 definisce il sistema SCI  [2]  come il “  processo configurato, messo in atto e mantenuto dai responsabili delle attività di governance, dalla direzione o da altro personale dell’impresa, al fine di fornire una ragionevole sicurezza sul raggiungimento degli obiettivi aziendali con riguardo all’attendibilità dell’informativa finanziaria, all’efficacia e all’efficienza dell’attività operativa ed alla conformità alle leggi e ai regolamenti applicabili  ”. Ciò prefigura una sorta di responsabilità che deve essere opportunamente commisurata anche alla gestione degli aspetti e dei processi derivanti dall’obbligo prescritto dall’art. 2086 c.c., che interessa tutte le società proporzionalmente alla propria dimensione.

___________________________________

[1]  Al riguardo si veda Peta M., “Revisione e carenza di controllo interno: gli strumenti di alert e la segnalazione della crisi d’impresa”, Fisco e Tasse, La Revisione Legale, 26/04/2021, https://www.larevisionelegale.it/2021/04/26/revisione-e-carenza-di-controllo-interno-gli-strumenti-di-alert-e-la-segnalazione-della-crisi-dimpresa/

 [2]  Il D.Lgs n. 58/1998 (TUF) introduce l’espressione “Sistema di Controllo Interno”. il quadro normativo nazionale si completa con i riferimenti a: Codice di Autodisciplina per le Società Quotate (codice Preda, 1999; D.Lgs n. 231/2011 e successive integrazioni “responsabilità amministrativa della Società; D.Lgs n. 262/2005 “tutela del Risparmio”; Principi di Revisione ISA Italia; Norme e linee Guida emanate da CNDCEC e IFAC.

Fisco e Tasse Ente accreditato dal Mef per la formazione continua dei Revisori Legali presenta il suo Mini Master Revisori legali on-line per assolvere all’obbligo di formazione di almeno 20 crediti formativi per l'anno 2021 nelle materie caratterizzanti la revisione legale.

Per la tua attività di revisore ti consigliamo il SOFTWARE REVISAL - scegli la configurazione piu' adatta alle tue esigenze.

Vieni a scoprire tutti i nostri documenti (fogli excel e guide) nella sezione del Business Center Controllo di gestione, dedicata ad Analisi di Bilancio, Programmazione e controllo, Budget e Contabilità analitica o gestionale, Controllo di Direzione.


1) Il ruolo degli organi societari

Il sistema dei controlli interni, come sopra definito, comporta una netta distinzione dei ruoli e delle responsabilità degli organi della società. Nello specifico:

  1. il consiglio di amministrazione:
    • è responsabile delle scelte strategiche aziendali;
    • approva la struttura organizzativa, assicurando l’indipendenza tra le funzioni operative e di controllo;
    • svolge un’attività di controllo gestionale sia in termini strategici sia andamentali/previsionali;
    • definisce un assetto organizzativo coerente con la specifica missione e dimensione aziendale;
    • si assicura che i compiti e le responsabilità siano ripartiti in modo chiaro all’interno della struttura aziendale;
    • approva il regolamento delle funzioni aziendali di controllo;
    • determina un’articolazione dei poteri e delle deleghe decisionali e di rappresentanza coerente con le linee strategiche e ne verifica l’esercizio;
    • accerta l’esecuzione di verifiche periodiche sulla funzionalità ed adeguatezza del sistema dei controlli interni, anche in ragione della complessità dimensionale ed operativa e dei rischi assunti.
  1. Il presidente del consiglio di amministrazione: esercita i poteri che gli sono attribuiti dalla legge e dallo statuto, nonché il potere - salvo diversa previsione dello statuto sociale - di convocare l’organo di amministrazione,
    • fissandone l’ordine del giorno,
    • coordinando i lavori
    • provvedendo altresì a garantire un adeguato flusso informativo ai consiglieri e ai sindaci circa le materie iscritte all’ordine del giorno
  1. L’amministratore delegato:
    • supporta il consiglio di amministrazione nei processi decisionali;
    • definisce le procedure informative necessarie a consentire al consiglio di amministrazione piena conoscenza dei fatti aziendali;
    • attua le direttive del consiglio di amministrazione nel raggiungimento di un modello di sistema dei controlli interni adeguato;
    • individua i compiti e alloca le funzioni di controllo alle unità organizzative, assicurando che il personale abbia competenze adeguate;
    • verifica la coerenza operativa degli indirizzi strategici deliberati;
    • rileva e valuta i fattori di rischio ai quali la società è esposta;
    • definisce procedure di controllo in grado di garantire un’efficace gestione dell’operatività aziendale e relaziona sui rischi cui la società è più esposta.
  1. L’ Organismo di vigilanza ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 : nelle società in cui è stato istituito, ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001, è dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo al fine di vigilare sul funzionamento e sull’osservanza del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, nonché sulla sua efficacia e adeguatezza in relazione alla struttura aziendale e scambia un adeguato flusso informativo con lo stesso C
  1. Il Collegio sindacale: svolge attività di vigilanza per la rilevazione delle irregolarità nella gestione e le violazioni delle norme di legge.

Il software Revisal – modulo vigilanza, di Maggioli Editore, ti permette di redigere tutti i verbali del collegio in modo rapido attraverso un automatismo che dalla check listi genera i verbali trimestrali modificabili e personalizzabili. Il Modulo Revisal Vigilanza è compreso nella piattaforma Revisal, piattaforma in cloud versatile e sempre aggiornata – RICHIEDI DEMO GRATUITA


2) La redazione del verbale: contenuti e giudizio finale

In conformità alla Norma di comportamento 3.6  [1]  , il Collegio sindacale procede all’esame del sistema di controllo interno per verificare, tenuto conto della dimensione e della complessità della società, la sua rispondenza ai seguenti obiettivi:

  1. presidio degli obiettivi strategici, volti ad assicurare la conformità delle scelte del management alle direttive ricevute e all’oggetto che la società si propone di conseguire, nonché a garantire la salvaguardia del patrimonio aziendale e a tutelare gli interessi degli stakeholders ;
  2. presidio degli obiettivi operativi, volti a garantire l’efficacia e l’efficienza delle attività operative aziendali;
  3. presidio degli obiettivi di reporting, volti a garantire l’attendibilità e l’affidabilità dei dati;
  4. presidio degli obiettivi di conformità, volti ad assicurare la conformità delle attività aziendali alla normativa applicabile.

Il sistema di controllo interno della società e la sua applicazione viene riscontrato e verificato nel colloquio con il soggetto preposto dalla società (del quale il verbale riporterà i riferimenti).

Sotto il profilo più operativo, il Collegio sindacale esamina la documentazione aziendale del tipo:

  • manuali operativi,
  • regolamenti interni,
  • organigramma ed eventuali altre mappature dei processi disponibili.
  • verifica eventuali certificazioni ottenute quali ISO 9000, ecc.;
  • descrivere e commentare la documentazione ed eventuali dichiarazioni dai soggetti responsabili ponendo attenzione:
    • agli obiettivi aziendali,
    • programmi per il raggiungimento degli stessi,
    • aree di rischio e scelte strategiche volte al loro superamento;
    • procedure e sistemi di controllo atti a conseguire gli obiettivi previsti,
    • alle criticità e debolezze del sistema, eventuali cambiamenti e anomalie.

Alla luce delle informazioni acquisite attraverso lo scambio di informazioni con l’organo di amministrazione, con i responsabili delle diverse funzioni e con il soggetto incaricato della revisione legale, il verbale del collegio sindacale si conclude con un giudizio su:

  • l’adeguatezza /non adeguatezza del sistema di controllo interno;
  • che permetta/non permetta la chiara e precisa indicazione dei principali fattori di rischio aziendale,
  • che consenta/non consenta il costante monitoraggio e la corretta gestione.

Nel caso di giudizio negativo il Collegio sindacale deve richiedere all’organo amministrativo l’adozione di azioni correttive.

A titolo esemplificativo, e non esaustivo, si rappresentano i dettagli di un foglio di lavoro “tipo”, con riferimento alla valutazione d’adeguatezza e del funzionamento del sistema di controllo interno, redatto utilizzando le funzionalità del programma Revisal:



Il verbale tipo sull’adeguatezza e sul funzionamento dell’assetto amministrativo e contabile, elaborato a seguito dell’attività di “check list”, potrebbe essere come questo (scarica il modello).

_____________________________

 [1]  Cfr. Norme di comportamento del Collegio sindacale di società non quotate”, emanate dal CNDCEC e vigenti dal 1° gennaio 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 26/04/2022 Tassazione TFM: novità 2022

Sulla tassazione del Trattamento di Fine Mandato due importanti precisazioni da Cassazione e Agenzia delle Entrate in tema di rinuncia e di società estinta.

Tassazione TFM: novità 2022

Sulla tassazione del Trattamento di Fine Mandato due importanti precisazioni da Cassazione e Agenzia delle Entrate in tema di rinuncia e di società estinta.

Dichiarazione preventiva obbligatoria per la nomina degli amministratori: fac-simile

Gli amministratori di società di capitali, prima della nomina, devono presentare la dichiarazione preventiva di insussistenza delle cause di ineleggibilità: guida alla compilazione

Revisione legale e rischio intrinseco

Le finalità della revisione legale ed il rischio intrinseco: i crediti verso clienti, il campionamento e la circolarizzazione. Esempi redatti con il software Revisal

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.