HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE EROGAZIONI PUBBLICHE SCADENZA 30 GIUGNO

Disciplina in materia di trasparenza delle erogazioni pubbliche scadenza 30 giugno

Trasparenza e pubblicita' con riferimento ai soggetti facenti parte del Terzo Settore, adempimento entro il 30 giugno 2021

Il presente approfondimento analizza il contenuto della Circolare n. 6 del 25 giugno 2021 emessa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali in tema di adempimenti e obblighi riguardanti trasparenza e pubblicità  resi ai sensi della Legge 4 agosto 2017 n. 124 articolo 1, commi 125 – 129, con richiamo all’impianto sanzionatorio   che comporta una sanzione amministrativa pari all’1 per cento degli importi ricevuti con un minimo di Euro 2.000.  

1) Commento alla Circolare 6/2021

Circolare Ministeriale n. 6 del 25 giugno 2021 in aggiornamento alla Circolare Ministeriale n. 2 dell’11 gennaio 2019.

I destinatari di tale circolare sono i soggetti che intrattengono rapporti economici con le PP.AA  e con altri soggetti pubblici o con i soggetti di cui all’articolo 2 bis del D.Lgs. 33 /2013 con particolare riferimento ai soggetti facenti parte del Terzo Settore già attenzionati nella Circolare Ministeriale n. 2 dell’11 gennaio 2019 e dal successivo intervento legislativo contenuto nell'art. 35 del decreto -legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito nella legge 28 giugno 2019, n. 58 che ha riformulato la disciplina contenuta nell’articolo 1 della Legge 124 /2017 dai commi 125 al 129.

Si tratta delle associazioni, alle fondazioni  e  agli  enti  di  diritto privato comunque denominati, anche privi di  personalità  giuridica, con bilancio superiore a cinquecentomila euro, la cui  attività  sia finanziata in modo maggioritario per almeno due  esercizi  finanziari consecutivi nell'ultimo triennio da pubbliche  amministrazioni  e  in cui  la  totalità  dei  titolari  o   dei   componenti   dell'organo d'amministrazione  o  di  indirizzo  sia   designata   da   pubbliche amministrazioni.

A fronte della originaria formulazione del comma 125 che faceva riferimento a vantaggi economici di qualunque genere, il nuovo testo restringe il campo di applicazione con l’esclusione dei soggetti che ricevono  apporti di natura corrispettiva a fronte di un rapporto sinallagmatico caratterizzato dallo scambio tra prestazione di un bene o servizio e pagamento di un corrispettivo. 

Per “vantaggio generale “ si devono intendere i vantaggi ricevuti dal beneficiario   sulla base di un regime generale , in virtù del quale il contributo viene erogato a tutti i soggetti che soddisfano determinate condizioni e in tale prospettiva rientrano anche i contributi del cinque per mille. 

Chi sono le pubbliche amministrazioni e gli altri soggetti è indicato nell’articolo Art. 2-bis del Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n. 33 concernente il riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni che indica per “pubbliche amministrazioni tutte le amministrazioni di cui all’articolo 1 comma 2 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001 n. 165 e successive modificazioni ivi comprese le autorità portuali nonché le autorità amministrative indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione. 

Al comma 2 e 3 del citato articolo viene indicato che la medesima disciplina prevista per le pubbliche amministrazioni si applica in quanto compatibile anche alle associazioni, alle fondazioni e agli enti di diritto privato comunque denominati anche privi di personalità giuridica con bilancio superiore a 50.000 euro , la cui attività sia finanziata in modo maggioritario per almeno due esercizi finanziari consecutivi nell’ultimo triennio da pubbliche amministrazioni, in cui la totalità dei titolati o dei componenti dell’organo di amministrazione o di indirizzo sia designata da pubbliche amministrazioni . La medesima disciplina prevista per le pubbliche amministrazioni si applica anche alle associazioni, fondazioni ed enti di diritto privato anche privi di personalità giuridica con bilancio superiore a 50.000 euro che esercitano funzioni amministrative, attività di produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione di servizi pubblici.

Leggi anche:

Enti no profit: chiarimenti sugli obblighi informativi delle erogazioni ricevute dalle PA

2) Contributi ricevuti per il 5 per mille

Le somme ricevute a titolo di cinque per mille manifestano la loro pubblicità a norma del contenuto dell’articolo 16 , comma 5 del D.P.C.M. 23 luglio 2020 :   I beneficiari di cui al comma 1 hanno,  altresì,  l'obbligo  di pubblicare sul proprio sito web, entro trenta giorni dalla  scadenza  del termine di cui al comma 2 gli importi percepiti ed il  rendiconto di  cui  al  comma  1,  dandone   comunicazione   all'amministrazione  erogatrice entro i successivi sette giorni.

3) Scadenza termine adempimento

Dal 28 febbraio al 30 giugno di ogni anno .

4) Regime sanzionatorio

Alla originaria delimitazione della sanzione restitutoria alle sole imprese si sostituisce un regime generalizzato per tutti i soggetti obbligati senza alcuna distinzione di categorie. 

A carico dei   soggetti inadempienti agli obblighi di pubblicità una sanzione amministrativa pecuniaria pari all'1% degli importi ricevuti con un importo minimo di 2.000 euro, oltre alla sanzione accessoria dell'adempimento dell'obbligo di pubblicazione; solo nel caso in cui il trasgressore dell'obbligo di pubblicazione non abbia adempiuto all'obbligo stesso entro 90 giorni dalla contestazione mossagli dall'amministrazione competente, troverà applicazione la sanzione della restituzione integrale del beneficio ricevuto.

5) Normativa e Prassi ri riferimento

Normativa di riferimento

Oggetto della Circolare è la riformulazione della disciplina in materia di trasparenza delle erogazioni pubbliche previste dai commi dal 125 al 129 dell’articolo 1 della Legge 124/2017 al fine di apportare una applicazione pratica alla disciplina in oggetto, in particolar modo con riferimento agli obblighi informativi. L’articolo 1 della Legge 124/2017 fu già sottoposto a una interpretazione da parte del Mise [1]

  • Commi 125 al 129 dell’articolo 1 della Legge 124/2017
  • Circolare n. 2 dell’11 gennaio 2019 [2]
  • Articolo 35 del decreto -legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito nella legge 28 giugno 2019, n. 58

 

Interpretazione del Mise 

Il Mise è intervenuto sulla materia a seguito dei numerosi dubbi interpretativi tra gli operatori e i destinatari delle nuove misure in vigore rispondendo a diversi quesiti:

Quesito n. 1: individuazione dei soggetti competenti all’attuazione della norma ed ai correlati controlli.

Quesito n. 2: decorrenza dei nuovi obblighi informativi

Quesito n. 3: Ambito di applicazione delle nullità previste dell’art. 1 comma 125 della L. 124/2017 in casi di mancata pubblicazione

 

[1] https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/parere-CdS-commi-125_129-art-1-L-124_17-RIV.pdf.

Enti no profit: chiarimenti sugli obblighi informativi delle erogazioni ricevute dalle PA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 27/09/2022 RUNTS: pubblicati elenchi degli enti ammessi e diniegati al 27.09

Il RUNTS ha pubblicato gli elenchi degli enti iscritti, dei diniegati e di quelli che necessitano integrazione

RUNTS: pubblicati elenchi degli enti ammessi e diniegati al 27.09

Il RUNTS ha pubblicato gli elenchi degli enti iscritti, dei diniegati e di quelli che necessitano integrazione

Bilanci 2022 ETS: il processo di aziendalizzazione

Enti del terzo settore e nuovi principi di revisione bilanci 2022: le responsabilità del revisore

Erogazioni liberali Enti del Terzo Settore: detrazione o deduzione?

Detrazione o deduzione delle erogazioni liberali agli Enti del terzo settore. Norme, definizione in RUNTS, caratteristiche e indicazione in dichiarazione dei redditi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.