HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI COVID-19

/

ACE INNOVATIVA 2021 E ACE ORDINARIA A CONFRONTO

ACE innovativa 2021 e ACE ordinaria a confronto

Breve analisi della disciplina ACE 2021 e della relativa normativa antiabuso

L’Aiuto alla Crescita Economica (ACE) è stato introdotto nell’ordinamento fiscale italiano dal D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 Convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della Legge 22 dicembre 2011 (c.d. Decreto Monti). Trattasi di una misura che, al fine di perseguire una maggiore neutralità della tassazione dei redditi d’impresa rispetto alla scelta delle fonti di finanziamento (tra capitale proprio e capitale di terzi), favorisce il ricorso al capitale di rischio mediante il riconoscimento di un beneficio pari al rendimento nozionale del medesimo capitale di rischio investito nelle imprese italiane. L’agevolazione è stata più volte oggetto di modifiche ed integrazioni, fino ad essere:

  • abrogata dall’art. 1, comma 1080, della L. n. 145/2018 (Legge di bilancio 2019);
  • e, infine, ripristinata - senza soluzione di continuità - dall’art. 1, co. 287, della L. 160/2019 (Legge di bilancio 2020). 

A fianco della disciplina “ordinaria”, il D.L. Sostegni-bis, al fine di incentivare la patrimonializzazione delle imprese deterioratasi a seguito delle difficoltà economiche causate dalla crisi pandemica, ha introdotto alcuni elementi rafforzativi dell’agevolazione in commento, ma di carattere transitorio, in quanto circoscritti ad un unico periodo d’imposta

L'articolo continua dopo la pubblicità

Degli stessi autori e sullo stesso tema ti consigliamo l'eBook "ACE ordinaria e ACE innovativa 2021"

1) Le novità dell’ACE innovativa 2021

L’art. 19, commi 2-7, del D.L. 25 maggio 2021, n. 73, c.d. “Decreto Sostegni Bis”, prevede un rafforzamento dell’Aiuto alla Crescita Economica denominato “ACE innovativa 2021”.

In dettaglio, il comma 2 dell’art. 19 stabilisce per il 2021:

  • l’applicazione di un coefficiente di remunerazione del 15%;
  • la determinazione della “base ACE” calcolata prendendo a riferimento la variazione in aumento del capitale proprio al 31 dicembre 2021 rispetto a quello esistente alla chiusura del periodo d’imposta precedente (2020 per i soggetti “solari”);
  • la rilevanza degli incrementi del capitale proprio a partire dal 1° giorno del periodo d’imposta (quindi dall’01/01/2021 per i “solari”);
  • la variazione in aumento del capitale proprio rileva per un importo massimo di 5 milioni di euro indipendentemente dall’importo del patrimonio netto risultante dal bilancio.

Caratteristiche

ACE "Innovativa 2021"

ACE "ordinaria"

Anni d'imposta agevolabili

2021
 (Periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2020)

Anni post 2010
 (norma "di sistema")

Rendimento nozionale del capitale proprio

15%

1,3%

Variazione del capitale
 proprio rilevante

∆ + al 31/12/2021 rispetto al 31/12/2020
 (per i "solari")

∆ + del capitale proprio rispetto a quello esistente alla chiusura dell'esercizio in corso al 31 dicembre 2010

Rilevanza temporale degli incrementi di capitale proprio

A partire dal primo giorno del periodo d'imposta (01/01/2021 per i "solari")

Criterio del pro rata temporis
 (data del versamento, etc.)

Importo massimo ∆ + riconoscibile 

5 milioni di euro

Patrimonio netto risultante dal bilancio (escluse riserve per acquisto azioni proprie)

La super ACE del D.L. Sostegni-bis non si sostituisce all’ACE ordinaria: come chiarito dalla relazione illustrativa al D.L. 73/2021 “resta fermo che, con riferimento alla eventuale eccedenza [rispetto ai 5 milioni di euro] e alla restante parte di variazione in aumento del capitale proprio rispetto a quello esistente alla chiusura dell'esercizio in corso al 31 dicembre 2010, il rendimento nozionale è valutato con l’aliquota dell’1,3%”.

La possibilità di fruire della c.d. “Super ACE” trasformandola in credito d’imposta ne consente l’utilizzo - previa comunicazione all’Agenzia delle entrate - dal giorno successivo agli eventi così individuati dalla norma:

  • avvenuto versamento del conferimento in denaro; 
  • rinuncia o compensazione di crediti;
  • delibera dell’assemblea che destina, in tutto o in parte, a riserva l’utile di esercizio.  

L’opzione per la trasformazione dell’ACE Innovativa in credito d’imposta, con la possibilità di usufruirne dal giorno successivo all’“incremento” del capitale proprio, ha l’evidente finalità di anticipare al 2021 - anno caratterizzato dal perdurare dell’emergenza sanitaria – un beneficio che, in via ordinaria, verrebbe goduto in termini di minori imposte da versare nel 2022.

Operativamente, il comma 6 del D.L. 73/2021 individua tre modalità di utilizzo del credito d’imposta:  

  • in compensazione, senza limiti di importo, ai sensi dell'art. 17 del D.lgs. n. 241/97;
  • chiesto a rimborso;
  • ceduto, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti.

In tale ultima fattispecie, specifica la norma, il credito è usufruito dal cessionario con le stesse modalità previste per il soggetto cedente, e i soggetti cessionari rispondono solo dell’eventuale utilizzo del credito d’imposta in modo irregolare o in misura maggiore rispetto al credito ricevuto. 

Da un punto di vista procedurale, il comma 7 dell’art. 19 del D.L. 73/2021 demanda ad un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del D.L. 73/2021, la definizione delle modalità, dei termini di presentazione e del contenuto della comunicazione da presentare per avvalersi dell’opzione per il credito d’imposta, nonché delle modalità di attuazione per la cessione dello stesso a terzi. 

Degli stessi autori e sullo stesso tema ti consigliamo l'eBook "ACE ordinaria e ACE innovativa 2021"

2) Le disposizioni Anti abuso

I commi 4 e 5 dell’art. 19 del D.L. 73/2021 contengono delle clausole finalizzate ad evitare un utilizzo strumentale dell’ACE Innovativa a fronte di incrementi patrimoniali meramente temporanei e finalizzati al solo beneficio fiscale.

Sono pertanto previsti dei meccanismi di restituzione del beneficio fiscale fruito, qualora, nei due periodi d’imposta successivi al 2021, il patrimonio netto si sia ridotto per cause diverse dall’emersione di perdite di bilancio.

La norma richiede, pertanto, un monitoraggio degli incrementi ACE avvenuti nel corso del 2022 e del 2023 rispetto al patrimonio netto esistente al 31 dicembre 2021. Ai fini del godimento “integrale” della Super ACE occorrerà, pertanto, che gli incrementi posti a base del beneficio rafforzato rimangano nel patrimonio dell’impresa almeno fino alla fine del 2023.

Il legislatore ha previsto due diversi meccanismi di restituzione del beneficio in funzione delle modalità con le quali è stato utilizzato. 

 

Fruizione della Super ACE

Norma anti abuso 

Credito d'imposta 

Art. 19, comma 4, D.L. 73/2021

Detassazione del reddito 

Art. 19, comma 5, D.L. 73/2021

 

Qualora l’incentivo sia stato fruito avvalendosi dell’opzione per il credito d’imposta, il comma 4 prevede innanzitutto che sia recuperato il beneficio fiscale fruito anticipatamente, qualora nel 2021 si siano verificati decrementi del capitale proprio che hanno ridotto gli incrementi che hanno dato luogo al credito d’imposta; quindi, se la variazione del capitale proprio del periodo d’imposta 2021 risulta inferiore agli incrementi effettuati nello stesso periodo d’imposta, il credito d’imposta andrà restituito in proporzione alla differenza tra la predetta variazione del capitale proprio e gli incrementi. Analogo meccanismo di controllo è previsto per i 2 periodi d’imposta oggetto di osservazione e, quindi, per il 2022 e il 2023.

Si riporta un esempio di recapture del beneficio ai sensi del comma 4 dell’art. 19 del D.L. 73/2021.

Anno 

Increm.
  cp

Credito d'imposta Super ACE

Decr.
 cp


 cp

Differenziale  

Calcolo beneficio
  da restituire

Importo
benefi-cio
 restitui-to

2021

1000

36 (1000x15x24)

200

800

200 (800<1000)

(200:1000=X:36)

7,2

2022

-

-

300

500

300 (500<800)

((800-500):1000=X:36)

10,8

2023

-

-

100

400

400 (400<800)

((800-400):1000=X:36-10,8

3,6

Qualora, invece, l’ACE Innovativa sia stato fruita secondo l’ordinario meccanismo di detassazione del reddito complessivo (mediante, quindi, l’apposita variazione in diminuzione operata in sede di dichiarazione dei redditi), il comma 5 dell’art. 19 prevede che:

  • se nel 2022 risulta una variazione in aumento inferiore a quella del 2021, il beneficio fiscale fruito nel 2021 deve essere restituito, attraverso una variazione in aumento del reddito complessivo del 2022, per un importo pari al 15% della differenza tra la variazione 2021 e la variazione 2022 (senza tener conto delle perdite di bilancio);
  • se nel 2023 risulta una variazione in aumento del capitale proprio inferiore rispetto a quella del 2021, il beneficio fiscale fruito nel 2021 è restituito con una variazione in aumento del reddito complessivo del 2023, per un importo pari al 15% della differenza tra la variazione in aumento del capitale proprio 2021 e quella 2023 (al netto dell’eventuale “ripresa” già effettuata nel 2022).

Anche in questo caso, ai fini della determinazione delle variazioni in aumento da confrontare tra loro, non si tiene conto del limite del patrimonio netto risultante dal bilancio.

Si riporta un esempio di recapture del beneficio ai sensi del comma 5 dell’art. 19 del D.L. 73/2021.

Variazione in aumento cap. proprio 2021

"A"

1000

Rendimento nozionale

"B"

15%

Deduzione reddito complessivo 2021

C="A"x"B"

150

 


 

Variazione in aumento  cap. proprio  2022

"D"

800

Differenziale ∆ 2021 ∆ 2022

"E"= "A"-"D"

200

∆ + reddito complessivo 2022

"F"= "E"x "B"

30

 


 

Variazione in aumento  cap. proprio  2023

"G"

400

Differenziale ∆ 2021  ∆ 2023

"H"="A"-"G"

600

∆ + reddito complessivo 2023 ((1000-400)x15%)-30

"I"= ("H"x "B") - "F"

60

Degli stessi autori e sullo stesso tema ti consigliamo l'eBook "ACE ordinaria e ACE innovativa 2021"
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI COVID-19 · 29/07/2021 Modelli Redditi e Irap 2021: stop ai contributi covid 19. Chi ha già inviato non rettifica

Con "avvertenza" le Entrate informano esercenti attività di impresa, arte e professione, oltre a lavoratori autonomi di NON indicare gli aiuti covid.

Modelli Redditi e Irap 2021: stop ai contributi covid 19. Chi ha già inviato non rettifica

Con "avvertenza" le Entrate informano esercenti attività di impresa, arte e professione, oltre a lavoratori autonomi di NON indicare gli aiuti covid.

Fondo perduto perequativo: nessuna modifica nella conversione in legge del Sostegni bis

Per avere il fondo perduto perequativo occorre presentare la dichiarazione dei redditi entro il 10 settembre 2021. E' un contributo alternativo

Bonus da enti bilaterali: esenzione IRPEF diversificata

Contributi liberali ai lavoratori e donazione DPI alle aziende da parte di enti bilaterali: diversa l'imponibilità dice l'Interpello n .392 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.