HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

ESENZIONE IMPOSTE DI BOLLO E REGISTRO PER GLI ENTI DEL TERZO SETTORE

Esenzione imposte di bollo e registro per gli enti del terzo settore

Organizzazioni di volontariato: esenzione da imposta di bollo e imposta di registro anche per atti costitutivi e atti connessi allo svolgimento delle attività

In riferimento alle imposte indirette e, in particolare, al dettato dell’articolo 82, comma 3 del d.lgs. n.117/2017, nella parte in cui prevede l’esenzione dall’imposta di registro per gli atti costitutivi e quelli connessi allo svolgimento delle attività delle organizzazioni di volontariato, diverse amministrazioni regionali, enti no profit e stakeholders, hanno rivolto specifici quesiti per ottenere un chiarimento sulla portata e sull’applicazione della richiamata disposizione.

Visita la nostra sezione dedicata al Terzo Settore con Software, ebook e Formulari sempre aggiornati, tra questi ti segnaliamo in particolare:

1) La risposta dell’Agenzia delle Entrate in materia di imposte indirette

Con risposta all’istanza di interpello n. 22 del 8 gennaio 2021 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito al quesito avanzato da un ente religioso in possesso della qualifica di organizzazione di volontariato (Odv) ed iscritto al corrispondente Registro, il quale sosteneva di essere esente dal pagamento dell’imposta di bollo e di registro in proposito della registrazione di un contratto di convenzione con il Comune circa l’accesso ai contributi derivanti dalla destinazione dell’8% degli oneri di urbanizzazione secondaria incassati dal Comune.

L’Agenzia delle Entrate sul punto evidenzia come a seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 (Codice del Terzo settore), con Risoluzione 21 dicembre 2017, n. 158/E, sono stati già forniti alcuni chiarimenti in merito all’applicazione delle agevolazioni previste, ai fini dell’imposta di bollo e di registro, per gli atti posti in essere dagli enti del Terzo settore.

Inoltre, in riferimento al regime transitorio, la recente nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (18 maggio 2020 n. 4314) conferma che ai sensi dell’art. 104 del D.Lgs. n. 117/2017 per le ODV (ma anche per le ONLUS e APS) regolarmente iscritte nei registri di settore, si applica l’esenzione delle imposte in esame in via transitoria e nelle more della istituzione del Registro Unico del Terzo Settore (quindi decorrere dal primo gennaio 2018). 

Ti potrebbe interessare L'applicazione dell'imposta di Bollo ebook 2021

2) Art. 82, Codice del Terzo settore. Il differente regime dettato per le ODV e per gli altri Enti di terzo settore

Facendo dunque riferimento alla lettera della norma, l’articolo 82 del CTS al comma 3 (così come modificato dall’articolo 26 del d.lgs. 3 agosto 2018, n.  105), dispone che “Agli atti costitutivi e alle modifiche statutarie, comprese le operazioni di fusione, scissione o trasformazione poste in essere da enti del Terzo settore di cui al comma 1, le imposte di registro, ipotecaria e catastale si applicano in misura fissa. Le modifiche statutarie di cui al periodo precedente sono esenti dall’imposta di registro se hanno lo scopo di adeguare gli atti a modifiche o integrazioni normative. Gli atti costitutivi e quelli connessi allo svolgimento delle attività delle organizzazioni di volontariato sono esenti dall’imposta di registro».

In altri termini si stabilisce un particolare regime di favore per le organizzazioni di volontariato che possono usufruire dell’esenzione dell’imposta di registro per «gli atti costitutivi e quelli connessi allo svolgimento delle attività» istituzionale dell’ente. Viene, dunque rispristinata l’esenzione già prevista fino al periodo di imposta 2017, dall’art. 8, comma 1, Legge 11 agosto 1991, n. 266.

Di contro, per tutti gli altri ETS l’esenzione si riferisce solo ad eventuali modifiche statutarie poste in essere per adeguare gli Statuti alle disposizioni del Codice del terzo settore. Il legislatore ha disposto tale norma per non gravare gli enti no profit di oneri amministrativi dovuti in seguito ad una specifica disposizione di legge che richiede, appunto, l’adeguamento alla normativa recentemente emanata in materia di Terzo settore. Tuttavia, ha stabilito che ogni altra eventuale modifica statutaria posta in essere a discrezione dell’ente risulti soggetta alla normale imposizione.

Per altro verso, l’art. 82, al comma 5 dispone invece l’esenzione dall’imposta di bollo «per gli atti, i documenti, le istanze, i contratti, nonché le copie anche se dichiarate conformi, gli estratti, le certificazioni, le dichiarazioni, le attestazioni e ogni altro documento cartaceo o informatico in qualunque modo denominato posti in essere o richiesti dagli enti del Terzo settore» e, quindi, senza alcuna differenziazione di tipologia di enti.

Infine, per completezza, si chiama anche il comma 4 dell’art. 82 che, sempre in materia di imposta di registro (e ipocatastale) ne stabilisce l’applicazione in misura fissa, «per gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili e per gli atti traslativi o costituitivi di diritti reali immobiliari di godimento a favore di tutti gli enti del Terzo settore».

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 02/08/2021 RUNTS: SPID e CIE per accedere

Con Decreto della Direzione generale del Ministero del Lavoro sono apportate modifiche agli allegati al decreto istitutivo del RUNTS. Vediamo le principali.

RUNTS: SPID e CIE per accedere

Con Decreto della Direzione generale del Ministero del Lavoro sono apportate modifiche agli allegati al decreto istitutivo del RUNTS. Vediamo le principali.

Assemblee a distanza, anche on line, fino al 31 dicembre 2021

Sia per le società che per gli enti non commerciali, è stata disposta la proroga al 31 dicembre delle misure che permettono la tenuta delle assemblee dei soci a distanza

ETS: pubblicato in GU il decreto con criteri e limiti delle attività diverse

Pubblicato in GU N 177 del 26 luglio il decreto che disciplina i criteri e limiti delle attività diverse.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.