HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

ACCERTAMENTO CON ADESIONE: IMPUGNAZIONE SOSPESA

Accertamento con adesione: impugnazione sospesa

L’istanza di adesione interrompe i termini per l’impugnazione per novanta giorni ma si perfeziona con il pagamento. Due pronunce di Cassazione

La presentazione di un’istanza di accertamento con adesione da parte di un contribuente implica esclusivamente la sospensione per un periodo di novanta giorni del termine per l'impugnazione dell'accertamento, a far data dal deposito dell'istanza, senza che tale interruzione risulti essere collegata alla effettiva conclusione della procedura nei termini previsti dal co. 3 dell’art. 6 del D.Lgs. 218/1997 e, pertanto, una volta raggiunto l'accordo di definizione, lo stesso deve essere formalizzato mediante la redazione di un documento in duplice esemplare sottoscritto, ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 218/1997, dal contribuente e dal capo dell'ufficio o da un suo delegato.

All'esito della procedura conciliativa il contribuente deve provvedere a versare le somme dovute in conseguenza dell'accertamento con adesione (art. 8 D.Lgs. 218/1997) entro venti giorni dalla redazione dell'atto menzionato.

A tale conclusione è giunta la Corte di Cassazione attraverso le sentenze nn. 29183 e 29184/2019 (che alleghiamo in fondo all'articolo).

L'avviso di accertamento, pertanto, in ottemperanza a quanto disposto dall’ultimo periodo del co. 4 dell’art. 6 del D.Lgs. 218/1997, perde efficacia esclusivamente con il perfezionamento della definizione, necessariamente susseguente al versamento delle somme dovute ai sensi dell’art. 9 del D.Lgs. 218/1997 e, di conseguenza, la presentazione di istanza di definizione da parte del contribuente (art. 6 D.Lgs. 218/1997) non comporta l'inefficacia dell'avviso di accertamento ma solamente la sospensione del termine di impugnazione per un periodo di novanta giorni, decorsi i quali senza che sia stata perfezionata la definizione consensuale quest'ultimo, in assenza di tempestiva impugnazione, diviene definitivo.
 

1) Accertamento con adesione e perfezionamento: contrasto giurisprudenziale

Le due sentenze della Suprema Corte in commento si collocano nell’ambito del contrasto giurisprudenziale che si è sviluppato intorno agli effetti delle criticità, delle irregolarità ovvero delle incompletezze che talvolta si generano, tra Amministrazione finanziaria e contribuente, successivamente alla sottoscrizione dell’atto di adesione.
La disciplina di riferimento afferisce agli artt. 2, 6, 7, 8 e 9 del D.Lgs. n. 218/1997 con particolare riguardo alla previsione concernente il perfezionamento dell’adesione con il successivo pagamento del dovuto ovvero della prima rata da parte del contribuente (art. 8 D.Lgs. n. 218/1997), entro venti giorni dalla sottoscrizione dell’accordo.

Constatata la mancanza di una disposizione che contempli gli effetti delle tardività o delle omissioni, la giurisprudenza ha assunto posizioni altalenanti in merito al mancato pagamento, ricondotto sostanzialmente da molti a una sorta di “inesistenza sopravvenuta” dell’accordo intervenuto con l’Agenzia delle Entrate, teoria tuttavia contrastata in forza dell’intangibilità dell’adesione, disposta dal co. 3 dell’art. 2 del D.Lgs. n. 218/1997, nel passaggio in cui dispone che “l’accertamento definito con adesione non è soggetto a impugnazione e non è integrabile o modificabile da parte dell’ufficio”.

La giurisprudenza di merito (C.T.P. di Novara n. 45/2017) ha, in qualche circostanza, riconosciuto la piena validità all’accordo sottoscritto dalle parti anche in seguito a versamenti tardivi, giustificando tale conclusione in ossequio alla natura deflativa dell’accertamento con adesione e all’esigenza della celerità alla riscossione posti alla base della ratio legis dell’istituto (Cass. sent. n. 10086/2009) .

Un differente orientamento, invece,  ha ritenuto che il mancato perfezionamento dell’accordo di adesione, in seguito all’omesso pagamento nel termine di venti giorni, sancisce la sopravvivenza dell’originario avviso di accertamento (Cass. sent. n. 13750/2013).

Le sentenze nn. 29183 e 29184 aderiscono  appunto all’orientamento giurisprudenziale secondo il quale il mancato versamento della prima rata vanifica l’atto di adesione in quanto gli artt. 6 e 9 del D.Lgs. n. 218/1997 inducono a ritenere che esclusivamente all’atto del perfezionamento della definizione, in conseguenza del versamento, l’avviso perde la sua efficacia (Cass. Ord. n. 13143/2018).

Allegati

Cassazione 29184 2019
Cassazione 29183-2019
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 05/08/2022 Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Processo penale: riforma della giustizia. Ecco cosa cambia

Attuazione della legge 27 settembre 2021, n. 134, recante delega al Governo per l'efficienza del processo penale nonché in materia di processo penale nonché in materia di giustizia

Atti giudiziari di valore fino a 1.033 euro: esenzione dall'imposta di registro

Cause di valore modesto che non eccedono la somma di euro 1.033,00 e atti e provvedimenti ad esse relativi: guida dell'Agenzia delle Entrate all'esenzione dall’imposta di registro

Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.