HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

LE RIPERCUSSIONI DELL’OMESSA ESIBIZIONE DEI DOCUMENTI NELL’ACCERTAMENTO

Le ripercussioni dell’omessa esibizione dei documenti nell’accertamento

Solo se il contribuente è informato delle conseguenze dell'omessa esibizione documentale, l'indagine bancaria è legittima, dice la Cassazione

Nell’ambito dell’accertamento tributario, la mancata esibizione dei registri, della documentazione e delle scritture contabili durante la fase amministrativa, legittima l’esercizio dei poteri di indagine e di accertamento bancario tipici dell’Amministrazione finanziaria.

Di contro, la penalità rappresentata dall’inutilizzabilità della successiva produzione in ambito contenzioso, disciplinata dal co. 4 dell’art. 32 del D.P.R. 600/1973, agisce esclusivamente in presenza di un invito all’esibizione specifico e puntuale da parte dell’Ufficio, corredato dall’avvertimento in merito alle conseguenze scaturenti dalla sua inosservanza, che trova la sua giustificazione – in deroga ai principi costituzionali di cui agli articoli 24 e 53 – nella violazione dell’obbligo di leale collaborazione con l’Amministrazione finanziaria.

A tale conclusione è giunta la Corte di Cassazione attraverso l’ordinanza n. 10671/2018.

1) Accertamento sul reddito e inutilizzabilità dei documenti non presentati

 Il caso di cui si è occupata la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10671/2018  riguardava l'appello proposto da un contribuente avverso la sentenza della C.T.P. di Catania, che aveva a sua volta parzialmente accolto l'impugnazione  contro l'avviso di accertamento per IRPEF, IRAP e IVA, con il quale l'Ufficio aveva rettificato il reddito da lavoro autonomo del professionista. 

La C.T.R. della Sicilia ha accolto parzialmente e in opposizione alla sentenza  l'Ufficio ha proposto ricorso per Cassazione, al quale il contribuente ha resistito mediante controricorso.

L’Ufficio ha dedotto la violazione e falsa applicazione dell’art. 33 co. 1 del D.P.R. n. 600/1993 e dell’art. 52 co. 5 del D.P.R. n. 633/1972, in relazione all'art. 360 c.p.c. co. 1 n. 3, evidenziando come la C.T.R. non avrebbe potuto fondare la propria decisione su atti e documenti allegati alla perizia contabile depositata nel giudizio di appello e oggetto di un precedente invito al contraddittorio al quale il contribuente non ha ottemperato.

A parere del Collegio di legittimità il ricorso è infondato in quanto, secondo un orientamento consolidato della Corte Suprema in tema di accertamento fiscale, la mancata esibizione, in fase amministrativa, dei libri, della documentazione e delle scritture all'Agenzia delle Entrate giustifica l'esercizio dei poteri di indagine e accertamento bancario propri dell'Amministrazione finanziaria, mentre la sanzione dell'inutilizzabilità della successiva produzione in sede contenziosa, prevista dal D.P.R. n. 600/1973, opera solo in presenza di un invito specifico e puntuale all'esibizione da parte dell'Amministrazione, purchè accompagnato dall'avvertimento circa le conseguenze della sua mancata ottemperanza, che si giustifica - in deroga ai principi di cui agli artt. 24 e 53 della Costituzione - per la violazione dell'obbligo di leale collaborazione con il Fisco (Cass. sent. n. 27069 del 27/12/2016).

Nel caso di specie, tuttavia, l'Ufficio ha invitato, con lettera raccomandata, il contribuente a presentarsi per giustificare e/o documentare tutti gli addebitamenti e accreditamenti effettuati sui conti intrattenuti e ha altresì richiesto l'esibizione dei registri previsti dall’art. 19 del D.P.R. n. 600/1973 e delle fatture emesse e ricevute, ma non risulta che abbia avvertito il contribuente in merito alle conseguenze scaturenti dalla mancata ottemperanza all'invito.

Per i Giudici del Palazzaccio, pertanto, consegue che, da tale mancata ottemperanza, non possono scaturire le conseguenze preclusive pretese dalla difesa erariale.

Allegato

Cassazione 10671-2018 avvisi accertamento
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 08/04/2022 Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

Reversibilità pensione al nipote a carico: Corte Cost. n. 88-2022

Sentenza della Corte costituzionale: pensione di reversibilità anche al nipote maggiorenne inabile, come già previsto per i nipoti minori a carico

Lavoratore inidoneo: obbligo di altre mansioni, con riserva, per la Corte UE

Il lavoratore disabile in tirocinio, va destinato ad altro posto in caso di inidoneità alle mansioni a meno che ciò non imponga un onere eccessivo al datore di lavoro

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.