Speciale Pubblicato il 06/03/2019

Albo nazionale curatori, commissari e liquidatori: attivo (al buio) dal 16 marzo

di Avv. Laura Biarella

168x126 professionisti contabilità semplificata

Il Codice della Crisi e insolvenza prevede l'istituzione dell'Albo dei curatori dal 16 marzo 2019 ma la norma non è chiara

Countdown per tre categorie di professionisti alle prese col nuovo Albo nazionale dei curatori fallimentari, previsto dalla recentissima riforma della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Sulla crisi d'impresa altri utenti hanno trovato utile:

Categorie legittimate all’iscrizione

Il 16 marzo 2019 inizia la prima fase operativa della riforma sulle procedure concorsuali (D.Lgs. n. 14/2019), che in tal modo spiana il terreno al grosso dell’articolato, che entrerà a regime il 15 agosto 2020.
Un numero considerevole di professionisti dell’area economica-giuridica:
- dottori commercialisti ed esperti contabili,
- avvocati,
- consulenti del lavoro,
sono stati prescelti dal legislatore per far parte dell’ambito Albo nazionale dei curatori, commissari giudiziari e liquidatori, come pure:
- chi abbia svolto funzioni di amministrazione, direzione e controllo in società di capitali o società cooperative, e che abbiano dato prova di adeguate capacità imprenditoriali,
- gli studi professionali associati o società tra professionisti, purché i soci risultino iscritti agli Albi degli avvocati, dei dottori commercialisti o dei consulenti del lavoro.

Orbene, a fronte dell’imminente entrata a regime, prevista per il prossimo 16 marzo, tale moltitudine di operatori professionali è alle prese coi più disparati quesiti attinenti alle modalità di funzionamento dell’Albo (denominato, dall’art. 356, “Albo dei soggetti incaricati dall’autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al codice della crisi e dell’insolvenza”).

Discrasia cronologica del Codice della Crisi e insolvenza

Nel decreto legislativo in esame, appare emergere una discrasia, almeno sotto il profilo cronologico: mentre la disciplina prevista agli articoli 356 e 357, entrerà in vigore il 16 marzo, la stessa demanda i criteri relativi al funzionamento ad un apposito decreto del Ministero della Giustizia, da emanarsi entro il primo marzo 2020. A ciò si aggiunga che l’articolo 358, concernente i “Requisiti per la nomina agli incarichi nelle procedure”, sarà in vigore dal 15 agosto 2020.

Pare quindi che, mentre dal 16 marzo sarà possibile, per i professionisti in possesso dei requisiti pretesi dalla normativa, iscriversi all’Albo, l’attivazione sarà possibile soltanto a seguito dell’emanazione del decreto che disciplinerà i criteri di funzionamento.

Quindi, cosa avverrà nel frattempo? La logica giuridica, come pure il buon senso, impone che gli organi giudiziari continueranno ad attingere i nominativi dei curatori dagli attuali elenchi, in attesa che l’Albo nazionale dei curatori, dei commissari giudiziali e dei liquidatori divenga effettivamente operativo grazie alla disciplina specifica prevista dal decreto.

Cosa prevedono gli articoli del Codice della crisi e insolvenza

Più in dettaglio, la disciplina appare chiara su alcuni aspetti:

- Iscrizione.

I candidati sono tenuti a comprovare di aver acquisito una formazione specifica mediante la frequenza a corsi di perfezionamento, della durata di almeno 200 ore, in materia di crisi d’impresa e sovraindebitamento, oltre ad aver svolto un tirocinio di almeno sei mesi presso curatori fallimentari, commissari giudiziali e ulteriori professionisti del settore.

- Esperienza.

Possono iscriversi all’Albo coloro che, in possesso dei requisiti professionali previsti, in luogo della formazione e del tirocinio, possono comprovare la nomina in almeno quattro procedure, negli ultimi quattro anni, in qualità di curatori fallimentari, commissari o liquidatori giudiziali.


- Permanenza dell’iscrizione all’albo.

Nella finalità di restare iscritto all’Albo, il professionista deve frequentare, ogni due anni, un corso di aggiornamento di almeno 40 ore. I corsi di formazione e di aggiornamento saranno organizzati in conformità delle linee guida che dovranno essere elaborate dalla Scuola superiore della magistratura.

- Decreto Ministero Giustizia.

L’articolo 357 del D.Lgs. n. 14 demanda al ministero della Giustizia di stabilire, entro il 1° marzo 2020, attraverso un decreto dedicato, le modalità di iscrizione all’Albo, quelle per la sospensione e la cancellazione dell’iscritto, le modalità del potere di vigilanza da parte del Ministero, l’importo da versare per la prima iscrizione all’Albo e quello per il suo mantenimento.

- Criteri di nomina.

L’articolo 358, al comma III, statuisce che il curatore, il commissario giudiziale e il liquidatore sono nominati dall’autorità giudiziaria tenuto conto:
a) delle risultanze dei rapporti riepilogativi di cui all’articolo 16-bis, commi 9-quater, 9-quinquies e 9-septies, del D.L. n. 179 del 2012, convertito in L. n. 228 del 2012;
b) degli incarichi in corso, in relazione alla necessità di assicurare l’espletamento diretto, personale e tempestivo delle funzioni;
c) delle esigenze di trasparenza e di turnazione nell’assegnazione degli incarichi, valutata la esperienza richiesta dalla natura e dall’oggetto dello specifico incarico;
d) con riferimento agli iscritti agli albi dei consulenti del lavoro, dell’esistenza di rapporti di lavoro subordinato in atto al momento dell’apertura della liquidazione giudiziale, del deposito del decreto di ammissione al concordato preventivo o al momento della sua omologazione.




Prodotti per Codice della Crisi d'Impresa e dell'insolvenza

98,36 € + IVA

IN PROMOZIONE A

79,90 € + IVA
196,72 € + IVA

IN PROMOZIONE A

139,90 € + IVA
98,36 € + IVA

IN PROMOZIONE A

79,90 € + IVA
24,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

20,40 € + IVA
22,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

18,70 € + IVA
28,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

23,80 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)