HOME

/

FISCO

/

REDDITI PERSONE FISICHE 2023

/

LA DETRAIBILITÀ DELLE SPESE SCOLASTICHE NEL 2023

La detraibilità delle spese scolastiche nel 2023

Come detrarre le spese di istruzione nella dichiarazione 730/2023 o Redditi PF 2023. Chiarimenti circolare delle Entrate n.14/2023 del 19.06.2023

Ascolta la versione audio dell'articolo

Tra i chiarimenti della circolare 14/2023 dell’Agenzia delle entrate, vi sono anche quelli relativi alle detrazioni delle spese scolastiche che il contribuente può inserire in dichiarazione dei redditi 2023 (anno di imposta 2022).
In generale, il legislatore ritiene che le spese sostenute ai fini dell’istruzione siano meritevoli di agevolazioni e per tale motivo dall’asilo nido all’università, ogni ciclo scolastico gode di una detrazione, con aliquota sempre pari al 19% ma diverse basi imponibili. Ad esempio:

  • la detrazione per la frequenza e il pagamento delle rette mensili dell’asilo nido (pubblico o privato) è del 19% su un importo massimo di 632 euro a figlio;
  • la detrazione delle spese sostenute per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado è del 19% fino ad un massimo di 800 euro (per ciascun alunno o studente)
  • la detrazione per l’affitto degli studenti fuori sede è del 19% su un importo massimo di 2.633 euro.

In particolare, a partire dal 2015 la c.d. legge della buona scuola ha modificato la detrazione delle spese per la frequenza scolastica che sono state distinte da quelle universitarie. La detrazione spetta:

  • sia per le spese di frequenza della scuola secondaria di secondo grado;
  • sia per quelle della scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione del sistema nazionale, costituito da scuole statali e da scuole paritarie private e degli enti locali.

Il beneficio fiscale riguarda solo le scuole del “sistema nazionale di istruzione”, per questo motivo, le spese di istruzione diverse da quelle universitarie sostenute all’estero, non sono agevolabili.  

1) Detraibilità delle spese scolastiche nel 2023

La detrazione spetta in relazione alle spese per la frequenza di: 

  • scuole dell’infanzia (scuole materne);
  • scuole primarie e scuole secondarie di primo grado (scuole elementari e medie);
  • scuole secondarie di secondo grado (scuola superiore).

sia statali, sia paritarie private e degli enti locali.

La detrazione spetta anche in caso di iscrizione ai corsi istituiti in base all’ordinamento antecedente il D.P.R. 8.07.2005, n.212 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati, in quanto riconducibili alla formazione scolastica secondaria.

Sono invece equiparabili alle spese sostenute per l’iscrizione ai corsi universitari, le spese per la frequenza dei nuovi corsi di formazione istituiti ai sensi del DPR n.212 del 2005 (leggi anche Dichiarazione dei redditi 2023: detrazione spese per istruzione universitaria)

Tra le spese ammesse alla detrazione rientrano, in quanto connesse alla frequenza scolastica:

  • le tasse (a titolo di iscrizione e di frequenza) e i contributi obbligatori;
  • i contributi volontari e le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica. Tali contributi ed erogazioni, anche se versati volontariamente, in quanto deliberati dagli istituti scolastici, non rientrano tra quelli che costituiscono erogazioni liberali finalizzati all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa che danno diritto alla detrazione ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. i-octies), del TUIR. 

Si tratta, ad esempio, delle spese per:

  • la mensa scolastica e per i servizi scolastici integrativi, quali l’assistenza al pasto e il pre e post scuola. Per tali spese, la detrazione spetta anche quando il servizio è reso per il tramite del comune o di altri soggetti terzi rispetto alla scuola e anche se non è stato deliberato dagli organi d’istituto, essendo tale servizio istituzionalmente previsto dall’ordinamento scolastico per tutti gli alunni delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie e secondarie di primo grado; 
  • le gite scolastiche, per l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto (corsi di lingua, teatro, ecc., svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza).

Se le spese sono pagate alla scuola, i soggetti che prestano l’assistenza fiscale non devono richiedere al contribuente la copia della delibera scolastica che ha disposto tali versamenti. La delibera va richiesta, invece, nel caso in cui la spesa per il servizio scolastico integrativo non sia sostenuta per il tramite della scuola, ma sia pagata a soggetti terzi (ad esempio, all’agenzia di viaggio). 

  • Rientrano tra le spese ammesse alla detrazione anche quelle sostenute dal 1° gennaio 2018 per il servizio di trasporto scolastico, anche se reso per il tramite del comune o di altri soggetti terzi rispetto alla scuola e anche se non è stato deliberato dagli organi d’istituto, atteso che, a partire dal 1° gennaio 2018, è possibile detrarre le spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. 

La detrazione delle spese sostenute per il trasporto scolastico è cumulabile con quella spettante per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto locale, regionale e interregionale, da indicare nel rigo E8-E10, codice 40. Pertanto, ad esempio, un genitore che ha sostenuto la spesa per il servizio di trasporto scolastico per un figlio e che abbia acquistato anche l’abbonamento al servizio di trasporto locale potrà fruire di entrambe le detrazioni, ricorrendone i relativi presupposti. Nel caso in cui il pagamento sia effettuato per più alunni o studenti, ad esempio dal rappresentante di classe, ai fini della fruizione della detrazione è necessario che l’istituto scolastico rilasci un’attestazione dalla quale risultino i dati di ciascun alunno o studente. 

Sono escluse dalla detrazione le spese relative all’acquisto di materiale di cancelleria e di testi scolastici per la scuola secondaria di primo e secondo grado (Circolare 02.03.2016 n. 3/E, risposta 1.15).

2) Limite di detraibilità spese scolastiche 2023

La detrazione per le spese di frequenza indicate è calcolata su un importo massimo di euro 800 per l’anno 2022 per alunno o studente, da ripartire tra gli aventi diritto. 

La detrazione non è cumulabile con quella prevista dall’art. 15, comma 1, lett. i-octies), del TUIR per le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici. Tale incumulabilità va riferita al singolo alunno. 

Per questo motivo, ad esempio:

  • il contribuente che ha un solo figlio e fruisce della detrazione in esame non può fruire anche di quella prevista per le erogazioni liberali;
  • il contribuente con due figli, se per uno di essi non si avvale della detrazione per le spese di frequenza scolastica, può avvalersi della detrazione per le erogazioni liberali di cui al citato art. 15, comma 1, lett. i-octies), del TUIR. 

Dall’anno di imposta 2020 la detrazione dall’imposta lorda per le spese di istruzione diverse da quelle universitarie spetta:

  • per intero ai titolari di reddito complessivo fino a euro 120.000; in caso di superamento del predetto limite, la detrazione decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a euro 240.000;
  • a condizione che l’onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento “tracciabili”. Il contribuente dimostra l’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili” mediante prova cartacea della transazione/pagamento con ricevuta della carta di debito o credito, estratto conto, copia del bollettino postale o del MAV e dei pagamenti con PagoPA. 

3) Detrazione spese scolastiche 2023: documenti da controllare e conservare

È necessario che il contribuente esibisca e conservi le ricevute o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti nell’anno di imposta 2022 per le spese:

  • di istruzione diverse da quelle universitarie,
  • della mensa scolastica,
  • dei servizi scolastici integrativi
  • del servizio di trasporto scolastico.

La ricevuta del bollettino postale o del bonifico bancario intestata al soggetto destinatario del pagamento (che sia scuola, comune o altro fornitore del servizio), deve riportare nella causale:

  • l’indicazione del servizio erogato,
  • la scuola di frequenza,
  • il nome e cognome dell’adulto.

Ulteriore modo per comprovare la spesa sostenuta è un’attestazione, rilasciata dal soggetto che ha ricevuto il pagamento o dalla scuola, certificante:

  • l’ammontare della spesa sostenuta nell’anno, 
  • i dati dell’alunno/studente e 
  • l’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili”.

In merito alla tracciabilità dell’onere, ci si può avvalere anche dell’annotazione in fattura/ricevuta fiscale/documento commerciale da parte del percettore delle somme che cede il bene o effettua la prestazione di servizio.

L’attestazione e la relativa istanza sono esenti dall’imposta di bollo, purché indichino l’uso per il quale sono destinati. 

Si fa presente che non è possibile integrare il documento relativo alle spese sostenute per la mensa scolastica e per il servizio di trasporto scolastico con i dati mancanti relativi all’alunno o alla scuola.


Tipologia di spesa scolastica
Documenti
Spese di istruzione diverse da quelle universitarie, mensa scolastica, servizi scolastici integrativi e servizi di trasporto scolastico
  • Ricevute o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti a tale titolo nel corso del 2022 - L’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili” può essere attestato mediante l’annotazione in fattura, ricevuta fiscale o documento commerciale, da parte del percettore delle somme che effettua la prestazione di servizio.
  • In mancanza di tale documentazione: ricevuta del versamento bancario o postale, ricevuta della carta di debito o credito, estratto conto, copia bollettino postale o del MAV e dei pagamenti con PagoPA o con applicazioni via smartphone tramite Istituti di moneta elettronica autorizzati.
  • La ricevuta del bollettino postale o del bonifico bancario intestata al soggetto destinatario del pagamento - sia esso la scuola, il comune o altro fornitore del servizio - deve riportare nella causale l’indicazione del servizio mensa, del servizio scolastico integrativo o del servizio di trasporto scolastico, la scuola di frequenza e il nome e cognome dell’alunno. La spesa può altresì essere documentata mediante attestazione, rilasciata dal soggetto che ha ricevuto il pagamento o dalla scuola, che certifichi l’ammontare della spesa sostenuta nell’anno e i dati dell’alunno o studente e l’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili”
Spese per gite scolastiche, assicurazione della scuola e altri contributi scolastici finalizzati all’ampliamento dell’offerta formativa (ad es. corsi di lingua e teatro)
  • Ricevute o quietanze di pagamento recanti gli importi sostenuti a tale titolo nel corso del 2022 e i dati dell’alunno o studente - L’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili” può essere attestato mediante l’annotazione in fattura, ricevuta fiscale o documento commerciale, da parte del percettore delle somme che effettua la prestazione di servizio.
  • In mancanza di tale documentazione: ricevuta del versamento bancario o postale, ricevuta della carta di debito o credito, estratto conto, copia bollettino postale o del MAV e dei pagamenti con PagoPA o con applicazioni via smartphone tramite Istituti di moneta elettronica autorizzati.
  • Qualora il pagamento sia stato effettuato nei confronti di soggetti terzi, attestazione dell’istituto scolastico dalla quale si rilevi la delibera di approvazione e i dati dell’alunno o studente - Se il pagamento riguarda più alunni o studenti, attestazione dell’istituto scolastico dalla quale risultino i dati di ciascun alunno o studente e l’utilizzo di sistemi di pagamento “tracciabili”.

4) Indicazione spese scolastiche 730/2023

Relativamente alle dichiarazioni 2023 (anno di imposta 2022) quindi, l’importo massimo detraibile da indicare nel quadro E rigo E8-E10 codice 12 è di 800 euro per ciascun alunno o studente.

L’importo deve comprendere le spese indicate nella sezione “Oneri detraibili” (punti da 341 a 352) della Certificazione Unica 2023 con il codice onere 12. Non possono essere indicate le spese sostenute nel 2022 che nello stesso anno sono state rimborsate dal datore di lavoro in sostituzione delle retribuzioni premiali e indicate nella sezione “Rimborsi di beni e servizi non soggetti a tassazione – art. 51 Tuir” (punti da 701 a 706) della Certificazione Unica 2023 con il codice onere 12. La detrazione spetta comunque sulla parte di spesa non rimborsata.

Fonte immagine: Foto di lil_foot_ da Pixabay

Allegato

Circolare Agenzia delle Entrate n. 18/e 2016
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Gianmario - 08/06/2020

posso portare in detrazione le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado (cod. 31) per due figli fiscalmente a carico.

NASATO EMANUELE - 26/05/2020

le spese scolastiche possono essere inserite da entrambi i genitori nel loro 730 nel limite di euro 800 ciascuno, visto che le spese totali sono di circa 1900 euro totali?

Paola - 14/03/2019

buonasera mia figlia non è a carico perchè ha superato il limite svolgendo uno stage però io ho pagato l'intero corso di specializzazione post universitaria tramite bonifico dal mio conto quindi posso portare in detrazione la spesa sostenuta ?

Giuseppe - 20/07/2018

Buongiorno. Le spese per la mensa sono detraibili ma la loro detrazione è incompatibile con la detrazione delle erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche. Quanto sopra si applica alle spese del singolo figlio? Nel mio caso ho delle spese mensa per un figlio ed erogazioni liberali per un altro figlio, posso detrarle entrambe? Grazie

Stella - 17/07/2018

Buongiorno, sono detraibili tra le spese scolastiche i campus estivi organizzati da associazioni di genitori e tenuti in locali/aree scolastiche?

Leonardo Bettarello - 13/07/2018

Buongiorno, come posso allegare via web la certificazione delle spese scolastiche al 730 precompilato e da me modificato al Quadro E ?

Gerardo - 09/07/2018

Buongiorno, si possono detrarre le spese per la mensa dei mesi settembre/dicembre 2017 pagati però nel 2018?

Armando - 17/06/2018

Buongiorno, sono andato al CAF e non mi ha accettato la detrazione delle spese scolastiche perché (anche se sul sito di Milano ristorazione fossero a mio Nome) le ha pagate la mia compagna con la sua carta di credito. Mi hanno detto anche che la detrazione potrà farla la mia compagna anche se le bambine le ho a mio carico al 100%. È corretto? Grazie

Sara - 11/06/2018

Buongiorno, quest'anno ho speso poco meno di duemila euro per un corso terapista presso una scuola di Milano. Posso detrarre le spese sostenute? Può eventualmente essere dichiarata come erogazione liberale a favore di un ente che si occupa di formazione? Grazie molte

Giampietri Michela - 16/05/2018

Nella mio 730precompilato non sono state riportate le spese di iscrizione mie alla scuola serale e le spese di erogazione liberale contributo scolastico sia mie che di mio figlio,come procedere? inoltre non sono inserite le spese ottiche.

Vanessa - 14/05/2018

Buongiorno, volevo sapere se le spese sostenute per mia figlia minorenne per corsi di formazione di base al conservatorio, e la tassa governativa di immatricolazione, sono detraibili e in che misura sulla dichiarazione dei redditi. grazie

Barbara - 09/05/2018

Buongiorno, un chiarimento perfavore : Ma le spese mensa e le spese istruzione si sommano in considerazione del tetto massimo detraibile o sono due voci diverse con limiti dei detraibili tra diverse ? Grazie

Antonio - 01/05/2018

E' possibile detrarre i bollettini fatti al dipartimento dei trasporti per prendere la patente di guida?

Martina - 07/08/2017

Buongiorno, mia figlia inizierà la scuola materna a settembre. Io e il mio compagno siamo conviventi e gli assegni e le detrazioni della bambina sono in testa a me. Volevo sapere, se i bollettini da pagare sono in testa al mio compagno è possibile scaricarli nel 730? O devo per forza intestarli a me? Grazie

Marta - 30/06/2017

Buonasera, mio figlio nel 2016 ha compiuto 3 anni a dicembre e ha frequentato l'asilo nido per la prima parte dell'anno e la scuola materna da settembre fino a fine anno. Nella dichiarazione dell'anno 2016 posso inserire come detrazione solo le spese del nido o anche quelle della scuola materna, utilizzando l'altro campo previsto? Grazie

Sabato Pappacena - 26/06/2017

Credo ci sia un errore riguardo al limite per le detrazioni riportato, dalla guida dell'Agenzia risultano 564,00€

redazione Fiscoetasse - 27/06/2017

Grazie per la segnalazione, era un refuso che ho provveduto a correggere.

marianna lambiase - 15/06/2017

Buonasera, ho effettuato un versamento di trecento euro come contributo cambridge aureus al liceo classico statale giulio cesare di roma. Ho anche versato euro 130 per ampliamento offerta formativa. Posso riportarli nel 730? Se si, dove? Grazie infinite Marianna Lambiase

Valeria - 08/06/2017

Salve, mio figlio nel 2016 ha frequentano fino a giugno il nido e da settembre la materna. Devo indicare la retta di entrambi in un unico rigo con il codice 12? Perché ho letto che ci sono 2 massimali diversi per nido e materna, quindi non capisco come applicarli. Grazie.

GIANNI - 09/05/2017

PERCHE LE SPESE DELLA MENSA DELLE SCUOLE SALESIANE(PRIVATA) NON SONO DETRAIBILI NELLA MISURA MAX DI EURO 400,00 ?

Davide - 02/05/2017

La scuola frequentata dai miei figli riceve i bonifici per le gite scolastiche dai rappresentanti di classe e non dai singoli genitori. E' possibile ottenere la detrazione fiscale?

sandra marcato - 23/04/2017

le spese sostenute per viaggio scolastico in Inghilterra pagate con bollettino postale alla scuola media sono detraibili?

Maurizio Di Bella - 17/03/2017

Buongiorno mio figlio frequenta l'università di Padova sita in una provincia diversa rispetto la propria abitazione ed alloggia (con regolare contratto) presso un centro studentesco della città; la distanza dalla propria abitazione è inferiore ai 100 km. Il quesito è: distanza inferiore ai 100 km e comuni e provincia di residenza diverse da quelle della sede universitarie, sono elementi sufficiente per poter detrarre le spese di affitto? Il direttore del centro studentesco mi accennava alla possibilità di poter detrarre il 12% e non il 19 proprio in considerazione dei parametri indicati sopra. Non ho trovato finora alcun riscontro in tal senso. Ringrazio per la risposta. cordiali saluti

Antonio - 18/04/2017

Buonasera, mio figlio frequenta un istituto agrario di secondo grado, alloggia in convitto, chiedo se le spese del convitto sono detraibili in quanto la distanza da casa all'istituto é inferiore si 100 km. Leggendo la legge io ho interpretato che il vincolo dei 100 km di distanza tra casa e Istituto vale solo se sei iscritto all'università, è giusto ?

ggianni - 27/02/2017

mio figlio nel 2016 ha frequentato un corso post universitario presso la DIEFFE di Noventa Padovana Padova con relativo esame con Indetto dalla Regione Veneto Vorrei sapere de è detraibile dal reddito tale spsa abbastanza consistente Grazie

Evelyne - 09/05/2016

Mio figlio frequenta un liceo situato a 70 km da casa e vive nel convitto della scuola 5 giorni a settimana. La retta convittuale include anche i pasti presi alla mensa. Questa retta convittuale è detraibile?

Paola - 15/03/2017

Buonasera, vorrei sapere se le spese sostenute per viaggi d'istruzione scolastica sono detraibili(scuola secondaria di secondo grado) e se il contributo volontario e le tasse scolastiche vanno inserite come l'hanno scorso. Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2023 · 12/02/2024 Dichiarazioni dei redditi 2024: le novità di quest'anno

Con la pubblicazione dei modelli di Certificazione Unica e Dichiaraizone IVA 2024 è partita la nuova stagione dei dichiarativi. Mancano le dichiarazioni dei redditi, un riepilogo

Dichiarazioni dei redditi 2024: le novità di quest'anno

Con la pubblicazione dei modelli di Certificazione Unica e Dichiaraizone IVA 2024 è partita la nuova stagione dei dichiarativi. Mancano le dichiarazioni dei redditi, un riepilogo

Il 730 precompilato 2024 lascia il posto alla dichiarazione semplificata

Addio al 730 in arrivo la Dichiarazione semplificata 2024 dipendenti e pensionati: cosa prevede la Riforma fiscale già da quest'anno

Detrazioni 2024 spese universitarie non statali: gli importi

Dichiarazioni redditi 2024. pubblicati gli importi 2024 di detraibilità delle spese universitarie non statali e corsi post laurea

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.