Speciale Pubblicato il 03/05/2016

I rimborsi per le dichiarazioni 730/2016

di Redazione Fisco e Tasse

compensi e rimborsi gestori della crisi

Quando arriva il rimborso? Chi lo eroga? E se supera i 4.000 euro? Il punto della situazione.

Con la presentazione della dichiarazione dei redditi 730/2016, riferita all’anno di imposta 2015, molti contribuenti risulteranno a credito delle ritenute subite nel corso dell'anno e potranno pertanto ottenere tali somme a rimborso. Tuttavia sono previsti diversi trattamenti a seconda:

  • se il credito risultante dal 730 sia maggiore o minore di 4.000 euro.
  • Se siano state fatte o meno modifiche al 730 precompilato incidenti sulla determinazione del reddito o dell’imposta.
  • Se il contribuente abbia o meno un sostituto d’imposta.

In questo approfondimento trattiamo tutti questi aspetti per fare il punto della situazione sui rimborsi per il 730/2016.

Ti potrebbe interessa l'ebook 730 e Dichiarazione dei redditi 2019 (eBook) - 100 voci di spesa da portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Vieni a scoprire i nostri fogli di calcolo per la precompilazione automatica dei quadri più complessi dei modelli di dichiarazione 2019 e tante altre utilità per la loro predisposizione nella sezione Speciale Dichiarazioni fiscali 2019 del Business Center.

Segui gratuitamente il Dossier Dichiarazione 730/2019 per aggiornamenti, news e approfondimenti.

Rimborsi 730/2017 fino a 4.000 euro

Come l'anno scorso, i contribuenti possono utilizzare la dichiarazione 730 precompilata dall'Agenzia delle Entrate con i dati in suo possesso, modificandola o meno, o possono fare il 730 ordinario (cioè con il metodo normale ignorando la precompilata). Indipendentemente dal modo in cui sia effettuata, i contribuenti che presentano una dichiarazione 730 da cui emerga un importo a credito, possono chiedere il rimborso di tali somme. Con il 730/2016 è possibile ottenere il rimborso:

  • Nella busta paga di luglio per i lavoratori con sostituto d’imposta,
  • Nella rata di agosto per i pensionati.

Questa regola generale, vale sia nel caso in cui il contribuente:

  • Presenti la dichiarazione 730 ordinaria (cioè senza utilizzare la precompilata),
  • Presenti la dichiarazione 730 precompilata senza modifiche,
  • Presenti la dichiarazione 730 precompilata modificata.

Quindi nel caso in cui si presenti una dichiarazione 730 precompilata in una delle seguenti ipotesi:

  • con modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta,
  • con criteri di incoerenza rispetto ai criteri pubblicati con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate

si segue il trattamento previsto per i rimborsi maggiori di 4.000 euro di cui al prossimo paragrafo (cioè controllo preventivo e successivo rimborso dall'Agenzia). In merito alla seconda condizione, ad oggi l’Agenzia non ha pubblicato ancora il provvedimento sui criteri di incoerenza. Tuttavia la Circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 12/e del 2016, al punto 8.4 precisa che gli elementi di incoerenza saranno determinati sulla base di alcuni indicatori collegati, ad esempio, alla tipologia e all’entità delle integrazioni effettuate dal contribuente o al maggior rimborso determinato rispetto alla dichiarazione proposta.

Rimborsi 730/2016 maggiori di 4.000 euro

Per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi 730/2016 con importo a credito maggiore di 4.000 euro si delineano due diverse fattispecie.

  • Rimborso maggiore di 4.000 scaturente da dichiarazione 730 precompilata non modificata;
  • Rimborso maggiore di 4.000 scaturente da dichiarazione 730 precompilata  modificata o da dichiarazione 730 ordinaria.

Nella prima ipotesi, il credito viene riconosciuto direttamente dal sostituto d'imposta nella busta paga di luglio o nella rata di pensione di agosto.

Nella seconda ipotesi, come chiarito da parte dell’Agenzia delle Entrate c’è un preventivo controllo. In particolare la Legge di stabilità 2016 (L. 208/2015) con l'art. 1, comma 949, lettera f, ha modificato il comma 3-bis dell’art. 5 del D. Lgs 175/2014-Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata.  Come visto prima, nel caso in cui ci siano modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta l’Agenzia può effettuare controlli facendo slittare il credito in quanto: “Il rimborso che risulta spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo e' erogato dall'Agenzia delle entrate non oltre il sesto mese successivo al termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, se questa e' successiva a detto termine. Restano fermi i controlli previsti in materia di imposte sui redditi.”

Pertanto nel caso di rimborsi con importo a credito maggiore di 4.000 euro proveniente da dichiarazioni dei redditi 730 con il metodo ordinario o da precompilate modificate, l’iter prevede:

  1. preventivi controlli da parte dell’Agenzia in via automatizzata o con verifica della documentazione giustificativa
  2. rimborsi previsti entro 6 mesi successivi al termine di trasmissione della dichiarazione dei redditi 730 (termine per la trasmissione 7 luglio 2016; termine ultimo previsto per il rimborso 7 gennaio 2017).

Per velocizzare i tempi evitando il controllo preventivo da parte dell’Agenzia delle entrate è possibile indicare nel quadro I del modello 730 la volontà di usare parte del credito in compensazione di altri tributi non gestiti direttamente nel modello di dichirazione dei redditi 730/2016(come ad esempio imu/tasi/tari). In questo modo:

  • si utilizza la parte di credito eccedente i 4.000 euro a compensazione di altre imposte;
  • si chiede a rimborso il credito fino a 4.000 euro che viene così liquidato direttamente dal sostituto d'imposta.

Rimborsi 730/2016 per contribuenti senza sostituto

Nel caso in cui la dichiarazione risulti a credito, ma non ci sia un sostituto d’imposta, il rimborso viene effettuato direttamente dall’Agenzia delle Entrate. È necessario indicare la lettera A nella casella “730 senza sostituto” e va barrata anche la casella "modello 730 dipendenti senza sostituto".

Per completezza si ricorda che nel caso in cui l’importo risulti a debito, il contribuente che non abbia un sostituto d'imposta, deve versare la differenza tramite il modello unico di pagamento F24.

Rimborsi 730/2016: tabella di riepilogo

Di seguito si propone una tabella di riepilogo in merito a quanto esposto nei precedenti paragrafi.

Importo

Tipo di dichiarazione

Modifiche

Chi eroga

Fino a 4.000

precompilata

si

sostituto

Fino a 4.000

ordinaria -

sostituto

Oltre i 4.000

precompilata

no

sostituto

Oltre i 4.000

precompilata

si

Agenzia

Oltre i 4.000

ordinaria

-

Agenzia

Riferimenti normativi

Art. 5 comma 3bis D.Lgs 175/2014:Nel caso di presentazione della dichiarazione direttamente ovvero tramite il sostituto d'imposta che presta l'assistenza fiscale, con modifiche rispetto alla dichiarazione precompilata che incidono sulla determinazione del reddito o dell'imposta e che presentano elementi di incoerenza rispetto ai criteri pubblicati con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate ovvero determinano un rimborso di importo superiore a 4.000 euro, l'Agenzia delle entrate puo' effettuare controlli preventivi, in via automatizzata o mediante verifica della documentazione giustificativa, entro quattro mesi dal termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, se questa e' successiva a detto termine. Il rimborso che risulta spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo e' erogato dall'Agenzia delle entrate non oltre il sesto mese successivo al termine previsto per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, se questa e' successiva a detto termine. Restano fermi i controlli previsti in materia di imposte sui redditi.




Prodotti per Dichiarazione 730/2019

prodotto_fiscoetasse
18,17 € + IVA

IN PROMOZIONE A

16,25 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse
799,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

599,00 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
8,56 € + IVA

IN PROMOZIONE A

7,60 € + IVA

fino al 31/07/2019

prodotto_fiscoetasse
38,37 € + IVA

IN PROMOZIONE A

19,13 € + IVA


Commenti

L’anno scorso noi lavoratori precari senza sostituto d’imposta abbiamo aspettato fino a metà dicembre per ricevere i rimborsi. Ci è parsa una ingiustizia che il fisco abbia privilegiato i dipendenti e i pensionati che sono garantiti dalle paghe fisse mensili e non abbia voluto altrettanto bene ai precari rimborsandoli subito. Gli stessi precari a cui più datori di lavoro hanno fatto, nell'anno precedente, il conguaglio fiscale e quindi essendo a debito irpef hanno dovuto pagare subito entro il 16 giugno (e non a dicembre) cifre anche considerevoli. Spero che se ne siano accorti dell'ingiustizia e rimborsino anche noi a luglio.

Commento di antonia (23:13 del 04/05/2016)

Invece dovrebbe ringraziare... Fino a 3/4 anni fa' non esisteva il 730 senza sostituto d'imposta e quindi per ricevere un credito doveva fare il modello UNICO e aspettare "almeno" due anni il rimborso... Inoltre anche i lavoratori dipendenti che hanno un sostituto di imposta, ma che per un qualsiasi motivo sono costretti a pagare (e i motivi possono essere vari e tanti) si vedono lo stipendio decurtato... P.s.: in caso di piu' cud esiste l'istituto del conguaglio sulla CU... Le tasse da pagare sono sempre le solite ma sono piu "sostenibili" ... Comunque vedo solo una sterile polemica e nessuna ingiustizia... Il 730 senza sostituto di imposta e' un grande passo avanti

Risposta di Luca (21:35 del 10/06/2016) al commento di antonia

Tutto giusto quelle che dici e sono d'accordo con te: non è colpa del precompilato. Ho solo evidenziato che chi lavora discontinuamente e che sia senza sostituto d'imposta NON RICEVE il rimborso nei tempi del lavoratore fisso che avviene a luglio-agosto, ma solo a metà dicembre. Nello stesso tempo però deve pagare entro il 16 giugno se ha un debito nei confronti del fisco. Non mi pare corretto anche perché i precari sono una categoria svantaggiata rispetto al lavoratore a tempo indeterminato che riceve il rimborso in tempi molto più brevi.

Risposta di antonia (20:36 del 12/06/2016) al commento di Luca

L'anno scorso abbiamo dovuto fare una mediazione civile, che ha dato esito positivo. L'Ente al quale ci siamo affidati per la mediazione, ha detto che entro poco tempo avremmo ricevuto una lettera dal Ministro della Giustizia , con la quale nella dichiarazione dei redditi avremmo potuto dedurre l'importo della mediazione.A tutt'oggi la "bramata" carta del ministero non è ancora arrivata. Come devo procedere. Ringrazio anticipatamente.

Commento di Dario (16:59 del 27/05/2016)

Buonasera mi chiamo Giuliano ho provato a fare il 730 congiunto precompilato ma molto probabilmente devo aver commesso qualche passaggio sbagliato perchè non la trovo assieme alla mia dichiarazione. Non vorrei andare da un patronato perchè chiedono troppi soldi. Oggi ho spedito anche la mia online ho la ricevuta dove dovrei ricevere 252,00 euro, e sulla ricevuta di mia Moglie Ramona dovremmo ricevere altri 240,00 euro solo che anzi che ricevere tutto il rimborso da un Datore di lavoro, lo riceveremo ognuno dal proprio Datore. Credo che dovrò andare inevitabilmente da un patronato perchè mi sembra strano che abbiamo messo 2.000 euro fondo pensione per Elena quando aveva 4 anni (2015) poi cè la metà degli interessi ipotecari 578,00 la polizza vita di mia moglie circa 600,00 euro più le spese sanitarie…..possibile che siano solo 240,00 euro??? Come si calcola il rimborso? Quale è la percentuale da calcolare per sapere quanto è il rimborso? Grazie e buon proseguimento Giuliano.

Commento di Giuliano (23:55 del 25/06/2016)

Salve, ho inviato il 730 precompilato dal quale è scaturito un rimborso Irpef che il mio datore di lavoro mi ha inserito in busta paga sommandolo al reddito imponibile. Ora mi domando: è giusto che su un rimborso Irpef venga ricalcolata la medesima imposta? Mi risulta un tantino ambiguo. ringrazio anticipatamente.

Commento di federica (02:25 del 28/08/2016)

A maggio ho inviato il 730 precompilato modificandolo e integrandolo delle spese sanitarie e della nascita di un secondo figlio. Ad oggi non ho avuto nessun rimborso e ho chiesto all'agenzia delle entrate e non hanno saputo ripondermi (non sapevano nemmeno che il 730 si facesse sul loro sito). Il consulente del lavoro mi ha chiesto il 730/4 ma ne il caf ne il commercialista puo produrlo perchè l ho fatto io e non loro. A chi dovrei rivolgermi? Ho la ricevuta che hanno avuto il mio 730

Commento di Manuela (15:45 del 08/11/2016)

gennaio 2017, e ancora non si vede l'ombra di questo rimborso...

Commento di Paolo (16:06 del 09/01/2017)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)