HOME

/

LAVORO

/

LA BUSTA PAGA 2022

/

CCNL E ORARIO STRAORDINARIO

CCNL e orario straordinario

La retribuzione per il lavoro straordinario in caso di orario fissato dal CCNL inferiore a quello normale: Cassazione n. 15373 del 22 luglio 2015

Nell'ipotesi in cui la contrattazione collettiva fissi un limite di orario normale inferiore a quello predeterminato per legge, è consentito alla stessa contrattazione determinare l'assetto degli interessi nel senso che il superamento dell'orario contrattuale fino al limite di quello legale non debba essere compensato secondo la disciplina del lavoro straordinario.
In particolare, con riferimento alla fattispecie, la regola di cui all'art. 5 r.d.l. n. 692 del 1923 secondo cui la maggiorazione per il lavoro straordinario non può essere inferiore al dieci per cento della retribuzione ordinaria, si riferisce esclusivamente alle ore di straordinario eccedenti la giornata normale di lavoro prevista dall'art. 1 dello stesso r.d.l. in otto ore giornaliere e quarantotto ore settimanali.
Ne consegue che nell'ipotesi in cui la contrattazione collettiva, in base all'art. 2108 c.c., fissi un orario massimo di lavoro normale inferiore alle otto ore giornaliere e alle quarantotto ore settimanali, il compenso deve essere sempre corrisposto  con una maggiorazione rispetto a quella   ordinaria  che puo anche essere inferiore alla misura del  dieci per cento prevista per legge.
IL CASO
La Corte di appello di Roma, pronunciandosi sull'appello proposto dall'azienda, in riforma parziale della sentenza di primo grado:
1) respingeva la domanda proposta dal lavoratore, diretta ad ottenere il computo dello straordinario diurno sulla base della retribuzione omnicomprensiva con una maggiorazione minima del 10%;
2) confermava l'accoglimento della domanda relativa alla determinazione dei compenso dovuto per le festività coincidenti con la domenica sulla base di tutti gli elementi retributivi e indennitari fissi e continuativi e, per l'effetto, determinava la residua somma dovuta dall'azienda, in favore del lavoratore, in Euro 244,54, oltre accessori.
Il lavoratore ha presentato ricorso in Cassazione; invece, l’azienda resiste con controricorso e propone a sua volta anche ricorso incidentale. La Corte di Cassazione:
  1. rigetta il ricorso principale, basandosi sull’orientamento giurisprudenziale maggioritario, secondo cui “in tema di compenso per lavoro straordinario, la regola di cui al R.D.L. n. 692 del 1923, art. 5, secondo cui la maggiorazione per il lavoro straordinario non può essere inferiore al dieci per cento della retribuzione ordinaria, si riferisce esclusivamente alle ore di straordinario eccedenti la giornata normale di lavoro prevista dall'art. 1 del R.D.L. n. 692 del 1923 in otto ore giornaliere e quarantotto ore settimanali; ne consegue che nell'ipotesi in cui la contrattazione collettiva, in base all'art. 2108 c.c., fissi un orario massimo di lavoro normale inferiore alle otto ore giornaliere e alle quarantotto ore settimanali, il compenso deve essere sempre corrisposto, ma eventualmente anche in misura inferiore al dieci per cento della paga ordinaria;
  2. dichiara inammissibile il ricorso incidentale, per mancanza dei requisiti prescritti dall'art. 366bis c.p.c., applicabile ratione temporis alla fattispecie in esame.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA BUSTA PAGA 2022 · 23/06/2022 Ferie non godute: fruizione in scadenza il 30 giugno - Regole e sanzioni

Riepilogo di obblighi e sanzioni 2022 per i datori di lavoro in materia di ferie e permessi non goduti relativi al 2020

Ferie non godute: fruizione in scadenza  il 30 giugno - Regole e sanzioni

Riepilogo di obblighi e sanzioni 2022 per i datori di lavoro in materia di ferie e permessi non goduti relativi al 2020

Bonus 200 euro con busta paga di giugno: nuove istruzioni

il bonus 200 euro può essere erogato anche nelle retribuzioni di giugno pagate a luglio o quando sono azzerate. Integrazione della compilazione Uniemens

TFR fino a maggio 2022 - Regole di calcolo, tassazione e coefficienti

Coefficiente di rivalutazione del TFR in vigore e tabelle dal 2017. Regole di calcolo con esempio . La tassazione del trattamento di fine rapporto.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.