HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

JOBS ACT: UN DECRETO-LEGGE E UN DISEGNO DI LEGGE PER CAMBIARE IL LAVORO

Jobs act: un decreto-legge e un disegno di legge per cambiare il lavoro

Ecco il Jobs Act del Governo Renzi in due prime tappe: a) un decreto legge contenente disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese; b) un disegno di legge delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, di semplificazione delle procedure e degli adempimenti in materia di lavoro, di riordino delle forme contrattuali e di miglioramento della conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 66 del 20 marzo 2014 è stato pubblicato il Decreto Legge 20 marzo 2014, n. 34 contenente le "Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell'occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese", c.d. JOBS ACT.
Il Decreto è entrato in vigore il 21 marzo 2014.
Il D.L. 34/2014:
a) modifica il contratto a termine;
b) modifica l’apprendistato;
c) modifica l’elenco anagrafico dei lavoratori;
d) smaterializza il Durc;
e) modifica il contratto di solidarietà.
Dall’analisi del comunicato stampa del 12 marzo 2014 e del D.L. 34/2014 ci sono delle “differenze”; di conseguenza, ci si chiede se, tra il Consiglio dei ministri del 12 marzo 2014 e la pubblicazione in G.U. n. 66 del 20 marzo 2014, il provvedimento è stato modificato ed integrato.
 A mio avviso, la risposta è positiva; di seguito, si riporteranno le “differenze”.
 Innanzitutto, in materia di riforma del contratto a tempo determinato, nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2014 si scrive che “Per il contratto a termine viene prevista l’elevazione da 12 a 36 mesi della durata del primo rapporto di lavoro a tempo determinato per il quale non è richiesto il requisito della cosiddetta causalità, fissando il limite massimo del 20% per l’utilizzo dell’istituto. Viene inoltre prevista la possibilità di prorogare anche più volte il contratto a tempo determinato entro il limite dei tre anni, sempre che sussistano ragioni oggettive e si faccia riferimento alla stessa attività lavorativa”. In realtà, se confrontiamo ciò con l’art. 1 del D. L. 34/2014 notiamo che nel decreto pubblicato in G.U. n. 66 del 2014:
a. il contratto a termine acausale è stato abrogato;
b. il contratto a termine per motivi tecnici, organizzativi, produttivi e sostitutivi è stato eliminato;
c. la proroga è di 8 volte in 36 mesi, ma non è necessario che sussistano le ragioni oggettivi, visto che il D.L. 34/2014 le ha abrogate;
d. non si fa riferimento al contratto di somministrazione a tempo determinato.
In secondo luogo, il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2014, sul contratto di apprendistato relativo alla formazione scrive testualmente “È inoltre previsto che la retribuzione dell’apprendista, per la parte riferita alle ore di formazione, sia pari al 35% della retribuzione del livello contrattuale di inquadramento”. Se confrontiamo ciò con l’art. 2, comma 1, lett. b) del D.L. 34/2014, si nota che tale novità non si applica a tutte le tipologie di apprendistato, come si desume dal comunicato, ma esclusivamente all’apprendistato finalizzato all’acquisizione di una qualifica o di un diploma professionale.
Infine, il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2014 non menziona:
a. né le modifiche all’elenco anagrafico dei lavoratori, che nel D.L. 34/2014 troviamo nell’art. 3;
b. né le modifiche al contratto di solidarietà ex L. 863/1994, che nel D.L. 34/2014 troviamo nell’art. 5.

Tra le nostre novità  in tema di lavoro ti potrebbero interessare :

Paghe e contributi 2022  di A. Gerbaldi libro di carta   Maggioli editore 424 pagine

ISEE 2021 (eBook) di A. Donati: tutte le regole e oltre 140 risposte a quesiti

IRPEF 2022: applicazioni pratiche ed esempi (eBook)

Pensioni 2022 (e-Book) di L. Pelliccia

Lavoro autonomo occasionale (obbligo di comunicazione preventiva) ebook 2022 di P. Ballanti

La busta paga: guida operativa 2021  - E- BOOK di M.C. Prudente

I Rimborsi spese, aspetti fiscali e previdenziali   2021 - Pacchetto eBook + foglio excel

Collaborazioni coordinate e continuative - ebook  di P. Ballanti

Il contenzioso contributivo con INPS - Libro di carta 2021 Maggioli editore

Su altri  temi specifici visita  la sezione  in continuo aggiornamento dedicata al Lavoro

1) Jobs Act Renzi e American Jobs Act

 Ci si chiede se lo Jobs Act di Renzi, ossia il D.L. 34/2014, sia ispirato alla legge statunitense (JOBS Act, The Jumpstart Our Business Startups Act), che riguarda i finanziamenti per l’avvio di piccole imprese oppure al discorso di Obama del 2011, trasmesse a reti unificati sull’American Jobs Act.
Ma andiamo con ordine!
Prendiamo in considerazione, in primis, il discorso di Obama del 2011 sull’American Jobs Act ed, in secondo luogo, la legge statunitense (JOBS Act, The Jumpstart Our Business Startups Act).
Nel discorso di Obama del 2011 si parla del c.d. American Jobs Act, che prevedeva 253 miliardi dollari in crediti d'imposta (56,6%) e 194.000 milioni dollari di spesa e l'estensione dei sussidi di disoccupazione (43,4%). Alcuni dei suoi elementi fondamentali  erano:
  1.  spendere 62 miliardi di dollari per l’espansione di opportunità per giovani a basso reddito e per gli adulti;
  2.  taglio delle tasse sui salari;
  3.  estendere l’indennità di disoccupazione per un massimo di 6 milioni di beneficiari a lungo termine;
  4.  spendere 50 miliardi dollari su nuovi e preesistenti progetti infrastrutturali;
  5.  spendere 35 miliardi dollari in finanziamenti aggiuntivi per proteggere i posti di lavoro degli insegnanti, ufficiali di polizia e vigili del fuoco;
  6.  spendere 30 miliardi dollari per modernizzare almeno 35.000 scuole pubbliche e community colleges;
  7.  spendere 15 miliardi dollari su un programma che assuma lavoratori edili per la riabilitazione e la ristrutturazione di centinaia di migliaia di case pignorate.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 19/08/2022 Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Fringe benefits 2022, nuova soglia 600 euro

Decreto Aiuti bis: franchigia piu alta e inserimento di erogazioni per le utenze domestiche dei dipendenti. Con il bonus 200 euro benzina si arriva ad 800 euro esenti

Bonus sociali  bollette:  regole e novità per tutto il 2022

Guida ai bonus sociali per acqua, luce e gas: nuova soglia ISEE e stop ai rincari fino al 31 dicembre 2022 con il decreto Aiuti bis. Come si richiedono

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.