Speciale Pubblicato il 31/10/2013

La disciplina iva dei cd “compro oro”

di Dott. Raffaele Pellino

Tempo di lettura: 2 minuti
Compro_oro_168x126

Ai cd “compro oro” l’IVA si applica, in generale, secondo le modalità ordinarie. In presenza di determinati requisiti può essere applicato il meccanismo del “reverse charge o il regime “del margine”.

Come noto, in attuazione della normativa comunitaria, la Legge n. 7/2000 ha riformato il settore dell'oro intervenendo sul regime Iva applicabile; in particolare, la norma fa rientrare nella definizione di “oro” due distinte categorie quali l’oro “da investimento” ed il cd “oro industriale”.
Per saperne di più
E SE TI INTERESSA L'APERTURA DI UNA ATTIVITA' di "COMPRO ORO"  e' disponibile anche un e-book completo  con  tutti gli adempimenti necessari e  la normativa allegata :  LEGGI QUI

L'articolo continua dopo la pubblicità



Oro da investimento

La definizione di oro “da investimento” è data dall’art. 10 n. 11) del DPR 633/72, come modificato dall’art. 3 co. 3 della Legge n. 7/2000. Le cessioni di oro “da investimento” sono esenti da IVA; in particolare, il regime di esenzione si applica a:
  • cessioni di oro rappresentato da certificati in oro, anche non allocato, oppure scambiato in conti metallo;
  • operazioni finanziarie che comportano il diritto o l’obbligo di cedere o acquistare a termine oro da investimento, oppure di ricevere o effettuare a termine pagamenti collegati alle quotazioni dell’oro, ai sensi dell’art. 67 co. 1 lett. c-quater) del TUIR;
  • altre operazioni finanziarie da cui dipendano differenziali positivi o negativi di reddito, in dipendenza di un evento incerto, ai sensi dell’art. 67 del TUIR;
  • prestazioni di intermediazione relative alle operazioni succitate.
Tuttavia, per i soggetti che producono, trasformano o cedono oro “da investimento” è consentito optare per l’imponibilità dell’IVA, mediante l’applicazione del cd “reverse charge”. Tale facoltà, è ammessa solo nel caso di cessioni effettuate nei confronti di soggetti passivi IVA. Non e` possibile, invece, l’opzione per l’IVA “ordinaria” se la cessione avviene a favore di un privato (C.M. 207/2000); in tal caso, l’operazione è esente da IVA.

Oro industriale

Si parla, invece, di “oro industriale” quando il materiale d’oro è diverso da quello da investimento; infatti, nella definizione di “oro” fornita dalla L. 7/2000 è incluso, alla lett. b), il materiale d'oro diverso dall’oro “da investimento”, ad uso prevalentemente industriale, sia in forma di semilavorati di purezza pari o superiore a 325 millesimi, sia in qualunque altra forma e purezza.
Pertanto, ai fini IVA, la cessione di oro “industriale” nei confronti di:
  • soggetti passivi: è imponibili mediante l’applicazione del “reverse charge”;
  • privati: è imponibile secondo le regole “ordinarie”, ovvero con emissione della fattura da parte del cedente. 

Il regime dei cd “compro oro”

Come precisato dalla Banca d’Italia nella circolare del 28/05/2010, l’attività di commercio consentita ai cd “compro-oro” può essere dedotta, per esclusione, da quella non riservata agli “operatori professionali in oro”. Pertanto, alle cessioni di oro usato, operata dai cd “compro oro”, l’IVA si applica secondo le modalità “ordinarie”; tuttavia, in presenza di determinati requisiti, alle cessioni effettuate dalle attività di “compro oro” può essere applicabile il meccanismo del “reverse charge o il regime “del margine” (DL 41/1995).



Prodotti consigliati per te

14,90 € + IVA
13,88 € + IVA
 
15,50 € + IVA

Commenti

Prego indicare il chiarimento alla sottonotata: "fa rientrare nella definizione di “oro” due distinte categorie quali l’oro “da investimento” ed il cd “oro industriale”. Cosa significa la dicitura cd "oro industriale"? Da nessuna parte della Vs. descrizione si spiega a cosa si riferisce la "cd".

Commento di FABIO BASSO (16:08 del 01/11/2013)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)