HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI COVID-19

/

REMISSIONE IN BONIS: IL MODELLO EAS ENTRO IL 31 DICEMBRE

Remissione in bonis: il Modello EAS entro il 31 dicembre

L’omesso o tardivo invio del modello EAS da parte degli enti non commerciali di tipo associativo può essere sanato ricorrendo alla “remissione in bonis” entro il prossimo 31 dicembre

Gli enti non commerciali di tipo associativo che non hanno inviato il modello EAS hanno tempo fino al 31.12.2012 per presentarlo ricorrendo alla remissione in bonise versando contestualmente una sanzione pari a 258 euro.
Gli enti che, invece, hanno inviato il modello EAS, ma in ritardo, possono ricorrere alla remissione in bonis pagando solo i 258 euro previsti per la sanzione, senza trasmettere nuovamente il modello Eas.

Sono i chiarimenti riportati dall’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione n. 110/E del 12 dicembre 2012 in risposta al Forum del terzo settore, che chiedeva chiarimenti in merito all’applicazione della remissione in bonis (art. 2, comma 1, del D.L. n. 16/2012) alla comunicazione di cui al modello EAS.
I chiarimenti confermano ulteriormente quanto già illustrato nella circolare n. 38/E del 28 settembre scorso.

1) La “remissione in bonis”

L’istituto della c.d. “remissione in bonis”, introdotto dal Decreto fiscale 2012 (D.L. n. 16/2012, art. 2,) è una particolare forma di sanatoria volta ad evitare che mere dimenticanze relative a comunicazioni o, in generale, ad adempimenti formali non eseguiti tempestivamente, precludano al contribuente, in possesso dei requisiti sostanziali richiesti dalla norma, la possibilità di fruire di benefici fiscali o di regimi opzionali.
Per poter regolarizzare la propria posizione, il contribuente che sia in possesso dei requisiti sostanziali richiesti dalle norme di riferimento, deve:

  • effettuare la comunicazione o eseguire l’adempimento richiesto entro il termine di presentazione della “prima dichiarazione utile”, ovvero della prima dichiarazione dei redditi che scade successivamente al termine previsto per effettuare la comunicazione o eseguire l’adempimento stesso;
  • versare contestualmente, con modello F24, la sanzione di € 258 (non in compensazione).

Nella Circolare n. 38/E/2012, l’Agenzia delle Entrate ha, tuttavia, affermato che, “in sede di prima applicazione della norma”, il termine di regolarizzazione è fissato al 31.12.2012 anziché al 30.09.2012.

2) Il modello EAS

Una delle fattispecie a cui è sicuramente applicabile la remissione in bonis è il modello EAS, ovvero la comunicazione, introdotta dal D.L. n. 185/2008, a cui sono obbligati gli enti di tipo associativo per poter fruire delle agevolazioni fiscali loro concesse (non imponibilità, ai fini IRES e IVA, dei corrispettivi, delle quote e dei contributi - art. 148 del TUIR e art. 4, D.P.R. n. 633/1972).
In particolare, il modello EAS:

  • doveva essere presentato entro il 31.03.2011 da parte degli enti già costituiti alla data del 29.11.2008 (data di entrata in vigore del D.L. n. 185/2008);
  • doveva essere presentato entro il 31.03.2011 da parte degli enti costituitisi dopo il 29.11.2008 ma per i quali il 60° giorno dalla data di costituzione fosse scaduto prima del 31.03.2011;
  • deve essere presentato entro 60 giorni dalla data di costituzione per gli enti per i quali il termine di 60 giorni scada a decorrere dal 31.03.2011, cioè scada il 31.03.2011 o in data successiva.

3) I chiarimenti delle Entrate

Nella Risoluzione n. 110/E del 12 dicembre 2012  l’Agenzia delle Entrate ha dunque ribadito che gli enti che NON hanno inviato il modello EAS hanno ancora tempo fino al 31.12.2012 per poter regolarizzare la propria posizione ricorrendo alla “remissione in bonis”, cioè:

  • inviando entro tale termine il modello EAS;
  • versando contestualmente la sanzione di € 258 con modello F24 (codice tributo 8114).

Gli enti che, invece, contrariamente ai primi, hanno presentato il modello EAS, ma lo hanno fatto in ritardo, sempre entro il 31.12.2012 possono ricorrere alla “remissione in bonis” unicamente versando la sanzione di € 258, senza presentare nuovamente il modello EAS (salvo, ovviamente, nel caso in cui vi siano state variazioni dei dati precedentemente comunicati) e fermo restando il possesso dei requisiti.
 

4) Per approfondire scarica la Circolare del Giorno n. 253 del 17.12.2012:

Modello Eas, remissione in bonis entro il 31.12.2012

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 24/06/2022 Bonus tessile e moda rimanenze: definita la percentuale al 100%

Bonus tessile e moda rimanenze: le Entrate aggiornano il modello per le istanze e le istruzioni per il periodo d'imposta 2021. Ancora pochi giorni per le domande

Bonus tessile e moda rimanenze: definita la percentuale al 100%

Bonus tessile e moda rimanenze: le Entrate aggiornano il modello per le istanze e le istruzioni per il periodo d'imposta 2021. Ancora pochi giorni per le domande

Bonus psicologo: fino a 600 euro per terapie specialistiche

Introdotto dal Milleproroghe il bonus psicologo spetta fino a 600 euro in base all'ISEE: come e quando richiederlo

Bonus psicologico: firmato il decreto, a chi spetta e come fare domanda

Definite le modalità di presentazione della domanda di riconoscimento del Bonus psicologico: ecco il testo del decreto attuativo con importi del contributo e requisiti richiesti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.