HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

CASSAZIONE: PER L’ACCERTAMENTO VERSO IL SOCIO IL CONTENZIOSO CON LA SOCIETÀ DEVE ESSERE DEFINITIVO

Cassazione: per l’accertamento verso il socio il contenzioso con la società deve essere definitivo

Nell'ordinanza della Cassazione Civile n. 1867/2012 un importante principio di diritto sulla fondatezza di un accertamento verso un socio di società a ristretta base azionaria

IL CASO
A una società di capitali veniva rettificata l’IRPEG e, sul presupposto della ristretta base azionaria, l’ente impositore contestava il maggior reddito IRPEF, pro quota, anche ai soci, quale distribuzione occulta di dividendi. Successivamente al ricorso di primo grado, la Commissione tributaria regionale con sentenza n. 618/01/2009 annullava l’accertamento nei confronti della società e, conseguentemente, sebbene tale pronuncia non fosse divenuta definitiva, disponeva l’annullamento, ipso facto, anche del titolo impositivo, relativo al socio.

L’Amministrazione finanziaria, nell’impugnare, in sede di legittimità, la sentenza relativa al socio, evidenziava che, in violazione di legge, il giudice di appello aveva applicato la pronuncia relativa alla società, a beneficio del socio, pur non essendo ancora la prima divenuta definitiva, ex art. 2909 cod. civ., a mente del quale «l'accertamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa stato a ogni effetto tra le parti, i loro eredi o aventi causa». Rilevava, quindi, che la Commissione del riesame, prima di decidere la vertenza del socio, avrebbe dovuto sospendere il procedimento, a norma dell’articolo 295 del c.p.c. e attendere il passaggio in giudicato della sentenza relativa alla società. Rilevava quindi che la Commissione tributaria regionale per l’ art. 295 del c.p.c. avrebbe dovuto sospendere il procedimento e attendere la definitività del processo nei confronti della società.

Il COMMENTO
E’ ormai prassi consolidata degli uffici finanziari dare seguito a un atto impositivo emesso nei confronti di una società di capitali, a ristretta base sociale, con ulteriori avvisi di accertamento a carico dei soci della medesima. Infatti, mentre, in forza dell’ articolo 5 del Tuir, per la società di persone vige il cosiddetto “principio di trasparenza” secondo il quale i redditi della società vengono imputati a ciascun socio pro-quota nel periodo d’imposta, indipendentemente dall’effettiva percezione, per i soci delle società di capitali gli utili distribuiti concorrono a formare il reddito, solo nel periodo di imposta in cui sono effettivamente percepiti ex art. 45, co. 1, del Tuir.

 

1) Commento all'Ordinanza della Corte di Cassazione Civili n. 1867 dell'8 Febbraio 2012

Per scaricare il Commento completo e il testo integrale dell'Ordinanza clicca qui: "Società a base ristretta ed accertamento del socio"

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.