HOME

/

FISCO

/

REDDITOMETRO

/

IL NUOVO REDDITOMETRO: OPERATIVO DA FEBBRAIO PER I REDDITI DAL 2009 IN POI

Il nuovo redditometro: operativo da febbraio per i redditi dal 2009 in poi

Presentato ufficialmente il 25 ottobre il nuovo redditometro. Prevista una fase di verifica di due mesi con le categorie. Dal prossimo anno il sistema a disposizione dei contribuenti.

E' pronta la nuova versione del software che consente di mettere insieme una serie di parametri per verificare se il reddito dichiarato, o che il contribuente si appresta a dichiarare, sia coerente con il tenore di vita. Dall'inizio dell'anno prossimo sarà a disposizione dei contribuenti per l'autoverifica: l'obbiettivo, infatti, non è solo quello di consentire all'Agenzia di intervenire per stanare gli evasori, ma anche quello di offrire la possibilità di mettersi spontaneamente in regola.

1) Come funzionerà il nuovo redditometro

La funzione matematica studiata prende a riferimento cinque aree geografiche , undici tipi di nuclei familiari e cento voci di spesa divise in sette categorie. Si tratta, come spiega la stessa Agenzia, di “cento voci rappresentative di tutti gli aspetti della vita quotidiana”. Come precisato dal direttore dell'Agenzia, Attilio Befera, il nuovo redditometro è comunque innanzitutto “uno strumento di compliance a disposizione dei contribuenti che potranno così capire la coerenza tra le loro spese e il reddito che hanno dichiarato».

Il reddito familiare verrà quindi stimato prima della dichiarazione e può essere confrontato con i redditi complessivi dichiarati dai vari membri della famiglia per valutare la coerenza della situazione fiscale.
Se lo scostamento tra la spesa effettiva e il reddito dichiarato risulterà' basso, il fisco non procederà', ma nel caso in cui si dovesse stimare una situazione di rischio medio di evasione, quindi
  1.  in presenza di uno scostamento elevato, l'Agenzia chiederà' ulteriori approfondimenti al contribuente per eventuali accertamenti di natura presuntiva.
  2. In assenza di adeguati chiarimenti si procederà' all'accertamento sintetico sulla base delle spese effettivamente sostenute.
Le famiglie considerate sono oltre 22 milioni, in totale circa 50 milioni di soggetti. Le oltre 100 voci, indicative della capacita' di spesa, prese in considerazione, contribuiscono congiuntamente alla stima del reddito e possono essere aggregate in sette categorie:
  • abitazione,
  • mezzi di trasporto,
  • assicurazioni e contributi,
  • istruzione,
  • attivita' sportive-ricreative e cura della persona,
  • altre spese significative
  •  investimenti immobiliari e mobiliari netti.

Sotto la lente del fisco finiscono quindi le spese per l'acquisto dell'abitazione, per i mutui e le ristrutturazioni, per la colf, per la lavatrice e la lavastoviglie, per gli arredi, ma anche la bolletta dell'energia elettrica e del gas e l'abbonamento telefonico.

PER UN ULTERIORE APPROFONDIMENTO SCARICA LA CIRCOLARE DEL GIORNO: Il nuovo redditometro

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RECENSITI PER VOI · 18/08/2021 Redditometro 2021: nuovo decreto del MEF

Conclusa la consultazione pubblica si attende la pubblicazione in Gazzetta del decreto MEF per l’applicazione del redditometro dal 2016

Redditometro 2021: nuovo decreto del MEF

Conclusa la consultazione pubblica si attende la pubblicazione in Gazzetta del decreto MEF per l’applicazione del redditometro dal 2016

Redditometro: fino al 15 luglio aperta la consultazione pubblica sulla bozza di decreto

Il decreto riguarda i controlli sui consumi e gli investimenti (risparmio) delle famiglie così da definire la "capacità contributiva"

Scudo fiscale: quando opera l'effetto preclusivo in ambito di verifica fiscale

Lo strumento dello scudo fiscale non preclude il redditometro. Questo il principio contenuto nella Ordinanza n 4719 della Cassazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.