HOME

/

FISCO

/

BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA

/

CREDITO DI IMPOSTA 2021 PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA

Credito di imposta 2021 per il riacquisto della prima casa

Dichiarazione dei redditi 2021: ecco come funziona il credito di imposta per il riacquisto della prima casa. Il COVID modifica i termini temporali per gli adempimenti

I contribuenti che fra il 1° gennaio 2020 e la data di presentazione della dichiarazione dei redditi 2021 abbiano acquistato un immobile usufruendo delle agevolazioni “prima casa” entro un anno dalla vendita di un altro immobile acquistato con le medesime agevolazioni, possono godere di un credito d'imposta. Novità nelle tempistiche a causa del COVID19.

1) Riacquisto prima casa 2021: novità COVID

L’art. 24 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, come modificato dall’art. 3, comma 11-quinquies, del decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio 2021, n. 21, attese le difficoltà nella conclusione delle compravendite immobiliari e negli spostamenti delle persone, dovute all’emergenza epidemiologica da COVID-19, con lo scopo di impedire la decadenza dal beneficio “prima casa”, ha disposto la sospensione, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2021, dei termini per effettuare gli adempimenti previsti ai fini del mantenimento del beneficio “prima casa” e ai fini del riconoscimento del credito d’imposta per il riacquisto della prima casa. 

Attenzione quindi: i termini sospesi inizieranno o riprenderanno a decorrere dal 1° gennaio 2022. 

In particolare, per il predetto periodo, è sospeso il termine di un anno dall’alienazione dell’immobile acquistato con i benefici “prima casa”, stabilito per il riacquisto di altra casa di abitazione al fine del riconoscimento, in relazione a tale ultimo atto di acquisto, di un credito d’imposta fino a concorrenza dell'imposta di registro o dell'imposta sul valore aggiunto corrisposta in relazione al precedente acquisto agevolato

2) Come utilizzare il credito d'imposta per il riacquisto della prima casa 2021?

In generale, il credito d'imposta per il riacquisto della prima casa può essere utilizzato:

  • in diminuzione dell'imposta di registro dovuta in relazione al nuovo acquisto;
  • in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria, catastale, dovute sugli atti e denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  • in diminuzione dell’Irpef dovuta in base alla prima dichiarazione successiva al nuovo acquisto ovvero alla dichiarazione da presentare nell’anno in cui e’ stato effettuato il riacquisto stesso;
  • in compensazione con altri tributi e contributi dovuti in sede di versamenti unitari con il modello F24 (usando il codice tributo 6602).

Se il contribuente intende utilizzare il credito d’imposta in detrazione dall’imposta di registro deve manifestare tale volontà in atto. In tal caso l’atto d’acquisto dell’immobile deve contenere l‘espressa richiesta del beneficio e riportare gli elementi necessari per la determinazione del credito. In particolare deve:

  • indicare gli estremi dell‘atto di acquisto dell‘immobile sul quale era stata corrisposta l‘imposta di registro o l‘IVA in misura agevolata nonché l‘ammontare della stessa;
  • dichiarare l’esistenza dei requisiti che avrebbero dato diritto al beneficio alla data dell’acquisto medesimo, nel caso in cui era stata corrisposta l’Iva ridotta in assenza della specifica agevolazione prima casa
  •  produrre le relative fatture, se è stata corrisposta l’Iva sull’immobile ceduto
  • indicare gli estremi dell’atto di vendita dell’immobile.

Si precisa che il credito d’imposta spetta anche a coloro che hanno acquistato l’abitazione da imprese costruttrici sulla base della normativa vigente fino al 22 maggio 1993 (e che quindi non hanno formalmente usufruito delle agevolazioni per la “prima casa”), purché dimostrino che alla data di acquisto dell’immobile ceduto erano comunque in possesso dei requisiti necessari in base alla normativa vigente in materia di acquisto della c.d. “prima casa”, e questa circostanza risulti nell’atto di acquisto dell’immobile per il quale il credito è concesso.

3) Credito d'imposta prima casa: quando non spetta

Il credito di imposta per il riacquisto della prima casa non spetta:

  • quando il contribuente è decaduto dall’agevolazione “prima casa” in relazione al precedente acquisto;
  • se il contribuente ha acquistato il precedente immobile con aliquota ordinaria, senza cioè usufruire del beneficio "prima casa";
  • se il nuovo immobile acquistato non abbia i requisiti "prima casa".

 

4) Come si determina il credito di imposta per il riacquisto della prima casa

L'importo del credito d'imposta è commisurato all'ammontare dell‘imposta di registro o dell‘IVA corrisposta in relazione al primo acquisto agevolato e, in ogni caso, non può essere superiore alla imposta di registro o all'IVA corrisposta in relazione al secondo acquisto; il credito, pertanto, ammonta al minore degli importi dei tributi applicati.

Con riferimento all'imposta di registro relativa sia al primo che al secondo acquisto agevolato, occorre ovviamente tenere conto non solo dell'imposta principale ma anche dell'eventuale imposta suppletiva e complementare di maggior valore.

Per l'IVA occorre fare riferimento all‘imposta indicata nella fattura relativa all‘acquisto dell'immobile alienato nonché agli importi indicati nelle fatture relative al pagamento di acconti.

Nel caso in cui l'immobile alienato sia stato acquisito mediante appalto, ai fini della determinazione del credito d‘imposta, deve essere considerata l‘IVA indicata in tutte le fatture emesse dall‘appaltatore per la realizzazione dell‘immobile.
E’ stato precisato che la vendita di un garage pertinenziale acquisito con i benefici prima casa e il successivo riacquisto entro un anno dalla vendita di altro garage con agevolazioni prima casa non dà diritto al credito d’imposta.

Come anticipato, a partire del 23 febbraio 2021 è stata prevista la sospensione dei termini temporali previsti per beneficiare delle agevolazioni prima casa, a causa dell'epidemia da Covid 19.

5) Riacquisto prima casa: come indicarlo nella dichiarazione dei redditi 2020

Nella dichiarazione dei redditi 730/2021 periodo d'imposta 2020, tale importo va indicato nel Rigo G1 - Credito d’imposta per il riacquisto della prima casa. Attenzione, come si legge nelle istruzioni del modello, questo rigo non deve essere compilato da coloro che hanno già utilizzato il credito di imposta:

  •  per ridurre l’imposta di registro dovuta sull’atto di acquisto agevolato che lo determina;
  • per ridurre le imposte di registro, ipotecarie e catastali, oppure le imposte sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito.

 

Nel modello di dichiarazione RedditiPF 2021 invece l'importo va indicato nel Rigo CR7 Credito d’imposta per il riacquisto della prima casa.

730/2020Rigo G1
RedditiPF 2020Rigo CR7

 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Fabrizio - 24/04/2021

Vorrei sapere se posso usufruire del credito d’imposta prima casa se acquisto prima la casa e poi mi impegno a vendere entro un anno la prima casa di mia proprietà

Giovanni - 14/03/2020

Ho acquistato un appartamento nel 2007 con i benefici della prima casa. Nel 2018 ho donato l’immobile ai miei genitori. Ora a giugno 2020 devo acquistare un appartamento sempre con i benefici della prima casa. Posso aver diritto al credito d’imposta?

Dani 1981 - 04/12/2019

Salve ho comprato la prima casa nel 2009 pagando circa 4000 € di Iva da un’impresa Edile. Del 2020 acquisterò una casa più grande sempre da un impresa edile insieme a mio marito, che verrà nominata prima casa. Finito i lavori di ristrutturazione provvederò a vendere la mia precedente abitazione entro 12 mesi dall acquisto. in questo caso non avendo ancora venduto il primo immobile ma vendendolo entro 12 mesi ho diritto al credito d’imposta ?

Tony - 19/11/2019

salve è possibile avere uncredito d'imposta pari all'iva dell'acquisto di un primo immobile ed usarlo per l'iva del secondo immmobile? sempre prima casa

Raffaella - 15/11/2019

Buonasera, ho acquistato un abitazione con l'agevolazione prima casa e usufruendo del credito d'imposta di riacquisto perchè all'atto ho ceduto la mia parte di casa a mio marito, siamo in separazione dei beni. La mia domanda è devo necessariamente fare la residenza come abitazione principale nella nuova casa? Oppure posso continuare a mantenerla con mio marito? Entrambi le case sono nello stesso comune.

Angela - 26/06/2019

Salve nel 2012 ho ricevuto un credito d imposta pari a 1800 euro ma avendo sempre un irpef pari a zero non riesco a riavere questo credito. Come posso fare

DANIELA - 26/06/2019

salve chiedo informazioni per il credito di imposta in atto di compravendita occorre avere cambiato la residenza rispetto all immobile prima casa gia venduto

silvia rattighieri - 14/06/2019

<div>Ho venduto casa a luglio 2018 e riacquistato a giugno 2019 con IVA 4 prima casa. Dato che devo ancora inviare il 730 posso inserire il credito dimposta prima casa già nella dichiarazione 2019 redditi 2018 o devo farlo il prossimo anno La dicitura sul libretto delle istruzioni non è chiara e fa riferimento alla circolare 15/2005 punto 2. Sarei grata di provare a risolvere questo dilemma perchè ovviamente vorrei inserirla già ora. </div>

Davide Olla - 08/05/2019

Buongiorno, sto cercando di risolvere un dubbio sorto al momento della compilazione del 730. A novembre 2018 ho acquistato la prima casa al 50% con mia moglie; lei ha usufruito del credito per recupero imposta prima casa che materialmente il notaio ha bonificato sul suo c/c. Ora io devo dichiarare i redditi del 2018, mia moglie è a mio carico fiscalmente e mi chiedo se quel rimborso ricevuto, debba comparire nella dichiarazione (ripeto, essendo a mio carico fiscalmente) oppure debba ignorarlo. Peraltro nella fattura per la compravendita, il notaio ha calcolato l'imposta di registro a mio carico esattamente pari al credito di imposta di mia moglie. Che sia una coincidenza? Grazie

Anotnio - 06/11/2017

Salve, per quanto riguarda l'iva a credito che si genera in fase di acquisto del nuovo immobile, posso scomputare la stessa direttamente dal versamento dell'Iva sull'acquisto del nuovo immobile o devo necessariamente passare per la dichiarazione?

michele - 12/06/2017

Buongiorno, nel 2008 ho acquisto una prima casa in regime agevolato. Nuova costruzione pagando il 4% di Iva (circa 10000euro). Oggi prevedo di vendere e acquistare sempre una prima casa ma da privato. In base al valore catastale della nuova casa pagherei un imposta di registro di circa 4000 euro. Domanda. Posso agevolarmi del credito di imposta? Grazie

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA · 29/07/2021 Il credito di imposta sanificazione e DPI 2021: cosa c’è da sapere

Breve guida al credito di imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di DPI, che copre il 30% dei costi sostenuti durante i mesi di giugno, luglio e agosto 2021

Il credito di imposta sanificazione e DPI 2021: cosa c’è da sapere

Breve guida al credito di imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di DPI, che copre il 30% dei costi sostenuti durante i mesi di giugno, luglio e agosto 2021

Contratti di locazioni convenzionali: detrazione forfettaria nel 730

Dichiarazione dei redditi 730/2021: le indicazioni per fruire della detrazione forfettaria spettante per gli alloggi locati con contratti in regime convenzionale

Locazioni non percepite: non c'è pace nelle dichiarazioni 2021

Dichiarazioni dei redditi 2021 e detassazione canoni di locazione non percepiti nell’anno 2020. Pubblicato un pdf con le indicazioni ma le istruzioni restano uguali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.